Una storia d’amore dell’800 per natale 2013

Fausta L'Insognata Dumano

ByFausta L'Insognata Dumano

19 Dicembre 2013
Regnault Henri Salomé 350 260

Regnault Henri Salomé 350 260di Fausta L’Insognata Dumano – Correva l’ anno 1866, quando a Roma arrivarono Henry e Jules, due giovani artisti francesi, il primo pittore, il secondo scultore. La venuta in ITALIA era legata alla vittoria di Henry del Gran Prix de Rome, attratti dall’arte barocca, ma anche dalle donne.
La sera di natale Henry scopre una giovane modella ciociara, Maria Veronica, ne resta così colpito che diventa la musa ispiratrice per la sua Salome, opera considerata il suoRegnault Henri Salomé big grande capolavoro, venduto all’asta nel 1912 a mezzo milione di lire, un botto all’epoca.
Tra i tre nasce una profonda amicizia, che nella terra ciociara sfocia nei pettegolezzi più beceri e poi nell’immaginario collettivo del tempo una modella era sinonimo di donna destinata a restare nubile. Posando per il pittore nasce una struggente storia d’ amore per lo scultore. Passione interrotta dalla guerra. Maria Veronica cade in depressione, le giunge la notizia della morte di Henry, arranca per lavorare, quando finalmente torna Jules, comincia a posare per lo scultore, si sposano e vanno a vivere in Francia.
Morirà nel 1900,ma ad accendere i riflettori per sempre sulla modella ci ha pensato la figlia Gabrielle, una delle prime donne ad entrare nel mondo del giornalismo, volontaria nella prima guerra mondiale, si ammala, conosce Camille Flammarion, considerato l’astronomo, insieme fecero tante scoperte, tanto che un cratere su Marte porta il nome di Gabrielle, figlia di una modella..
Oggi la Salome è esposta al Metropolitan di New York. Tutta la storia del quadro, della modella è narrata in un articolo dalla figlia…..le storie d’ amore mi piacciono, se contornate dall’arte mi intrigano, è il mio regalo per natale ai lettori di unoetre.it, una storia d’amore ,che scardina i pregiudizi, una modella è destinata a restare zitella, una storia d’amore tra migranti, a Roma è migrante lui, in Francia lei, dall’ unione di due artisti, che vivono da artisti nasce una figlia scienziata, che lasciò in eredità tutto ad un centro di ricerca per l’ astronomia.

Il brano contine riferimenti alle ricerche svolte dal prof Michele Santulli

La riproduzione di quest’articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

 

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Fausta L'Insognata Dumano

ByFausta L'Insognata Dumano

Fausta Dumano divenuta Fausta L'Insognata Dumano è laureata in lettere con tanti sogni nel cassetto. Giornalista, scrittrice, critica d'arte si è inciampata nella prima supplenza con il favoloso mondo degli studenti ed è rimasta intrappolata nel discount istruzione. Frequenta corsi di scrittura creativa, ha pubblicato alcuni libri di narrativa. Da sempre è impegnata nell'arcipelago della sinistra.Ambientalista nel dna, la mamma le parlava di difesa del verde, quando non era nell' agenda della politica tanto da creare la prima festa dell'albero ad Arpino negli anni 60. Impegnata nell'arte pubblica relazionale con artqube e 03100 (zerotremilacento) vive a Frosinone, per metà ciociara e per metà siciliana, cresciuta con due culture e stili di vita differenti... è fortemente convinta che la diversità sia un valore importante, per questo si impegna nelle associazioni che favoriscono l'integrazione. Ha insegnato nelle scuole operaie ai migranti, ai figli di un dio minore e in carcere. Perennemente innamorata dell'idea dell'amore, i capolavori indiscussi della sua creatività sono i suoi figli Venera e Matteo, che riescono sempre a strapparle un sorriso, anche quando tutti i pianeti si allineano contro.

Privacy Policy Cookie Policy