fbpx

Provincia in affanno all’87° posto. Di chi la colpa?

frosinonedematthaeisaerea 350-260di Ermisio Mazzocchi – Una settimana stravolgente, che per alcuni fatti segna un’epoca. Inizia Il Sole24 Ore che nel suo rapporto su la qualità della vita, relega la provincia di Frosinone all’89° posto su 107; segue il 48° Rapporto Censis che afferma che si è liquefatto il sistema Italia; a queste criticità si aggiunge l’agenzia di rating Standard&Poors che denuncia la debolezza del PIL reale e nominale. Un paese, una provincia in affanno. Dati che meritano qualche considerazione visto che le forze politiche della nostra provincia non hanno espresso nessun giudizio. Un silenzio che preoccupa, quasi che queste cose sono scontate e fanno parte del vivere quotidiano.

La situazione è molto seria. Oggi aggravata dalla vicenda dello scandalo di Roma coinvolta in infiltrazioni mafiose e in atti di corruzione. Ora il PD di Frosinone si avvia al suo straordinario congresso. Credo che dobbiamo concentrarci su quanto viene denunciato da questi osservatori della condizione del paese e della nostra provincia. Apriamo un confronto su le proposte di risposta alla crisi del paese e della provincia. Non possiamo limitarci a qualche dichiarazione di disponibilità di impegno. Occorre una terapia di pronto intervento svolta in modo efficace e risolutiva. Penso che abbiamo bisogno della massima partecipazione al dibattito congressuale su i temi del rinnovamento e del progresso.

Dobbiamo tornare nelle assemblee, nella piazze, riempire i circoli di lavoratori, donne, pensionati, di giovani. Far emergere una nuova linfa politica per ricaricare un partito che è fermo. Qui non si tratta del futuro di qualche segretario o di qualche eletto. Qui ci giochiamo il futuro del paese, della gente in carne e ossa, e se si vuole anche del nostro sistema democratico. Abbiamo bisogno di creare una tribuna di dibattito che metta insieme idee, progetti, proposte. L’iniziative dei GD del Lazio è esemplare di un modo nuovo di fare politica, ma non abbandona il coinvolgimento dei cittadini. Quei dati, quelle denunce, ci dicono che come PD dobbiamo essere in grado di “rimettere in ordine i conti”. In definitiva cosa volgiamo fare in questa provincia su cui grava pesantemente la crisi. Non possiamo sottrarci a questo dovere politico.
Il congresso serve a questo e solo a questo. Il resto è di contorno.

La riproduzione di quest’articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

 

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Ermisio Mazzocchi

ByErmisio Mazzocchi

Ermisio Mazzocchi: nato a Vetralla (VT) il 7 agosto 1946. E' laureato in Filosofia presso l'Università di Roma "La Sapienza". Nel 1972 è dirigente nel PCI nella Federazione di Frosinone. Dal 1985 assume l'incarico di Presidente della Confederazione italiana coltivatori (oggi CIA) che lascerà nel 1990 per ricoprire incarichi politici nel Comitato regionale del PCI e in seguito PDS del Lazio. Si è occupato di agricoltura e dei suoi prodotti come Presidente della Consulta regionale e nell'ambito dell'ARSIAL. Nel 2004 tiene su incarico dell'Università di Cassino un corso sul tema "Storia della bonifica pontina". Nel 2003 pubblica il suo primo libro sulla storia dei partiti cui segue il secondo nel 2011 sullo stesso tema. Il suo impegno politico è nel PD. Studia avvenimenti storici ed economici.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy