fbpx

Un caso mediatico creato da razzisti e xenofobi

razzista 350 260

razzista 350 260di Matteo Oi – I fatti sono che due uomini di colore hanno chiesto indicazioni ad un bambino di otto anni che educato, come tutti i bambini, a non dare confidenza agli sconosciuti si è allontano e torna a casa.
I fatti però, dovete sapere non esistono, esistono, invece, sempre e comunque le interpretazioni della realtà e di ciò che avviene in base ai propri codici di lettura ed è così che una richiesta d’informazione da parte di uno sconosciuto viene interpretata da un bambino di 8 come un tentativo di rapimento e così viene riportata ai genitori.
La storia gira e nei piccoli paesi come Frosinone girano in fretta e così manco viene dato il tempo alle forze dell’ordine di indagare che parte la caccia alle streghe e il becero populismo da tastiera sui social, dall’affondare i barconi a riaprire i cancelli dei Auschwitz. Il populismo, anche questo dovete sapere, è una bestia malefica che non si sazia facilmente. Così, nonostante Polizia e Carabinieri abbiano confermato che non c’è stato nessun tentativo di rapimento, su Facebook si è passati ai grandi sistemi “si, non era vero ma succede spesso” / “ci sono tanti immigrati che fanno reati comunque..”.
Ancora una volta, allora, è il caso di parlare dei codici di lettura perché per il bambino di 8 anni anche io sono uno sconosciuto e anche da me sarebbe scappato, con tutto che sono biondo, bianco e italiano, avrebbe raccontato la stessa cosa una volta tornato a casa dai genitori e ugualmente sarebbero partite le indagini. Ma quelli che hanno montato il caso mediatico no: loro non avrebbero raccontato di me perché io non sono nero e loro sono razzisti e xenofobi.

La riproduzione di quest’articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByMatteo Ernesto Oi

Nato a Sora il 6 agosto del 94, ha frequentato il Liceo Sulpicio di Veroli e il Liceo F.lli Maccari di Frosinone, dove si è diplomato nel 2014. Durante gli anni di scuola ha ricoperto numerosi e differenti incarichi di rappresentanza degli studenti entrando anche a far parte della Rete degli Studenti Medi di Frosinone della quale, nel Marzo 2012, è diventato Segretario Provinciale e si occupa di Salute e Sport come delegato nazionale e del comitato promotore della Rete degli Studenti Medi del Lazio. Attualmente milita in diverse organizzazioni politiche come l'ANPI, il Movimento Federalista Europeo ed è volontario nella Protezione Civile di Frosinone e dell'Auser del Frusinate di cui è componente del direttivo provinciale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy