Una Laura ciociara famosa in tutto il mondo

Fausta L'Insognata Dumano

ByFausta L'Insognata Dumano

17 Luglio 2015
LAura 360 260

LAura 360 260di Fausta L’Insognata Dumano

Frosinone è sempre un’incredibile sorpresa che merita un racconto. Il festival dei Conservatori nell’angolo “premiazioni delle eccellenze”. Mi si sta aprendo uno scenario di artisti frusinati, famosi in tutto il mondo……giovedì sera, 16 luglio……Laura Angelilli, nata nel 77,oggi è una famosa designer, la creatrice del marchio “L’ AURA”.
Sin da bambina disegnava scarabocchi, schizzi con piccole donne svestite, ma con un accessorio, la borsa, crescendo ha cominciato a realizzare piccole borse con ago e filo e pinzatrici, borse che regalava alle sue amichette. Frequenta il liceo artistico “Anton Giulio Bragaglia”, dopo vari studi, restauro di dipinti, soggiorni all’estero per approfondire il fashion world, L’ AURA diventa un marchio famoso.

Le sue borse sono presenti nelle città della moda, indossate da attrici famose e non solo. Un’ originalità, cura dei particolari e dei colori, la borsa alla moda parla ciociaro,, mentre scopri la semplicità della designer, che alterna i viaggi all’ estero, tornando sempre a Frosinone a Corso della Repubblica.
L’Angelilli disegna anche vestiti, ma è con le borse che è nata l’epidemia,, i modelli sono pochi, ma sono i dettagli che fanno la differenza. Così ascoltandola in piazza Vittorio Veneto, scopri che è sua l’Armando, quella maxi borsa dal designer inconfondibile, puoi sceglierla con la catena e senza, colorata o nera,, altri modelli che stanno andando a ruba sono le cartelle e le pochette.
Insieme ad Alessia Marcuzzi ha firmato un’altra linea di borse, la designer ti conquista con la sua creatività, ma anche per il suo modo di essere, una timida, poco abituata ai flash, che si riservano ai FAMOSI……
Diciamolo fa un certo effetto scoprire che quella signora, che incontri con i figli in giro per Frosinone sia una designer famosa, le sue borse indossate dalle attrici finiscono sulle riviste del gossip, ma anche nei set cinematografici,, fa effetto pensare che una studentessa del Bragaglia sia una famosa designer (questo ovviamente per me ,che auguro ai miei studenti scenari internazionali).
Mentre tira un alito di fresco, i miei capelli sono a “l’aura sparsi”, come direbbe Petrarca, l’assessore Rossella Testa premia Laura Angelilli.

La riproduzione di quest’articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Fausta L'Insognata Dumano

ByFausta L'Insognata Dumano

Fausta Dumano divenuta Fausta L'Insognata Dumano è laureata in lettere con tanti sogni nel cassetto. Giornalista, scrittrice, critica d'arte si è inciampata nella prima supplenza con il favoloso mondo degli studenti ed è rimasta intrappolata nel discount istruzione. Frequenta corsi di scrittura creativa, ha pubblicato alcuni libri di narrativa. Da sempre è impegnata nell'arcipelago della sinistra.Ambientalista nel dna, la mamma le parlava di difesa del verde, quando non era nell' agenda della politica tanto da creare la prima festa dell'albero ad Arpino negli anni 60. Impegnata nell'arte pubblica relazionale con artqube e 03100 (zerotremilacento) vive a Frosinone, per metà ciociara e per metà siciliana, cresciuta con due culture e stili di vita differenti... è fortemente convinta che la diversità sia un valore importante, per questo si impegna nelle associazioni che favoriscono l'integrazione. Ha insegnato nelle scuole operaie ai migranti, ai figli di un dio minore e in carcere. Perennemente innamorata dell'idea dell'amore, i capolavori indiscussi della sua creatività sono i suoi figli Venera e Matteo, che riescono sempre a strapparle un sorriso, anche quando tutti i pianeti si allineano contro.

Privacy Policy Cookie Policy