Una poetessa muore dimenticata, L’Insognata ce la fa rivivere

Fausta L'Insognata Dumano

ByFausta L'Insognata Dumano

31 Ottobre 2016
LuigiVacana e JolandaInsaniLuigi Vacana e Jolanda Insani

LuigiVacana e JolandaInsanidi Fausta L’Insognata Dumano – Il 27 ottobre a Roma è morta una grande poetessa “Jolanda Insana”, la notizia è circolata come un tam tam nelle pagine Facebook degli amici e amiche, nel mondo dei poeti. Qualche articolo di giornale, nonostante sia stata una poetessa emblematica del nostro secolo, vincitrice di diversi premi, nelle antologie scolastiche non è mai entrata, i testi scolastici stanno sempre indietro una balconata.
Siciliana, da tempo si era trasferita a Roma, portando con sé la “sicilianità” quel virus che lega i siciliani all’isola, pur vivendo nel continente. A scoprirla è stata il Raboni nel 77, con la pubblicazione “Sciarra amara”, poi un crescendo di poesie, traduttrice di versi latini e greci. Definita poetessa ribelle, aggressiva, anticonformista.

Scava nel dolore la sua poesia

La sua poesia è la voce di un corpo malato dentro e fuori, un corpo straziato dal dolore in ogni parte, in ogni rapporto con il mondo, lei scava dentro il dolore, portando il suo gergo siciliano. La poesia ha una funzione curativa. Ricordo di aver incrociato l’Insana da qualche parte, avevo scritto su il mio Facebook un trafiletto per la sua morte, poi domenica 30 ottobre mi chiama Luigi Vacana, comincia a recitare i versi dell’Insana, mi si accende una lampadina.
L’ Insana nel 2005 ha vinto il premio letterario Val di Comino, insieme con Albertazzi,GiorgioAlbertazzieAlessioPorcu Jacqueline Risset, John Montagne e Alessio Porcu. Chiedo a Luigi Vacana di scavare nel suo archivio, arrivano una foto dell’Insana con Luigi, in versione elegante, poi una foto dell’Albertazzi, che in quella occasione recitò i versi anche dell’Insana. Nell’archivio del Vacana anche il video con i versi.
Nell’epoca della dimenticanza, virus contagioso, mi ha colpito che Luigi avesse memorizzato così bene i versi dell’Insana, iniziamo a parlare e scopro che Luigi ricordava le conversazioni, le interpretazioni “fo il frutto e poi fiorisco”, perché l’IInsana non è mai immediata nella sue poesie, bisogna interpretare di chi parl , mentre fabbricava a raffica le parole, la sua voce urla, impreca , sbrama e sbrana, a volte sembra sussurrare, nuotando nel liquido amniotico, la parola diventa un vagito urlante, dalla natura arrivano terremoti, il cielo vomita grandine, il tentativo di trasmettere l’incomunicabilità nel comunicabile della parola.

Un breve video di Jolanda Insana, qui

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it

 

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Fausta L'Insognata Dumano

ByFausta L'Insognata Dumano

Fausta Dumano divenuta Fausta L'Insognata Dumano è laureata in lettere con tanti sogni nel cassetto. Giornalista, scrittrice, critica d'arte si è inciampata nella prima supplenza con il favoloso mondo degli studenti ed è rimasta intrappolata nel discount istruzione. Frequenta corsi di scrittura creativa, ha pubblicato alcuni libri di narrativa. Da sempre è impegnata nell'arcipelago della sinistra.Ambientalista nel dna, la mamma le parlava di difesa del verde, quando non era nell' agenda della politica tanto da creare la prima festa dell'albero ad Arpino negli anni 60. Impegnata nell'arte pubblica relazionale con artqube e 03100 (zerotremilacento) vive a Frosinone, per metà ciociara e per metà siciliana, cresciuta con due culture e stili di vita differenti... è fortemente convinta che la diversità sia un valore importante, per questo si impegna nelle associazioni che favoriscono l'integrazione. Ha insegnato nelle scuole operaie ai migranti, ai figli di un dio minore e in carcere. Perennemente innamorata dell'idea dell'amore, i capolavori indiscussi della sua creatività sono i suoi figli Venera e Matteo, che riescono sempre a strapparle un sorriso, anche quando tutti i pianeti si allineano contro.

Privacy Policy Cookie Policy