fbpx

Quale sarà la futura condizione sociale?

Angelino LoffrediL'IntervistatoElena Anna Spagnuolo intervista Angelino Loffredi

“Andrà tutto bene”. ???

Angelino Loffredidi Angelino Loffredi – In questo lungo periodo determinato dal Corona Virus e dalla forzata clausura, c’è uno slogan che abbiamo ascoltato continuamente, un tam-tam assordante che con sbalorditiva sicurezza assicura che “Andrà tutto bene”.

Pur comprendendo l’iniziale necessità di neutralizzare il panico ed il senso di isolamento che colpiva tutti e contemporaneamente l’obbiettivo di rassicurare e far sperare in una positiva via d’uscita, con il passare del tempo comincio a pormi delle domande, sicuramente impegnative: “Andrà tutto bene” è riferito alla nostra salute fisica oppure alle condizioni sociali di tutti i cittadini?

Per quanto riguarda l’andamento e la diffusione in Italia della pandemia, i dati che ci vengono indicati mi sembrano essere promettenti, nello stesso tempo però, ritengo che i rischi di una ripresa dell’infezione rimangano sempre all’ordine del giorno perché basta una sottovalutazione delle indicazioni di protezione, per rilanciare il contagio.

Alla luce delle ripercussioni procurate dalla mancata produttività, vorrei provare invece a discutere e approfondire la questione riguardante la futura condizione sociale. I danni certamente saranno ingenti e attualmente incalcolabili. Mi limito allora ad avviare la discussione partendo dalle notizie sentite, lette e viste riguardanti l’estesa reazione delle varie categorie, associazioni, sindacati e varie corporazioni per indicare i danni ricevuti e la giusta protesta per le promesse fatte dal governo e non mantenute, oltre che le varie proposte di natura finanziaria o fiscale.20anni1e3it min

Accanto a questo variegato e scalpitante mondo esiste un’area umana che purtroppo non ha avuto momenti di ascolto, pur nei limiti dei divieti non è stata portata in piazza, non è al centro dei grandi dibattiti, mi riferisco a quella degli ultimi, dei disoccupati, dei poveri in generale, agli invisibili. Le varie sigle sindacali, per questa imperdonabile sottovalutazione hanno perso una buona occasione per dimostrare di essere le rappresentanti di tutti i cittadini, a cominciare dai più deboli. Hanno lasciato un’area di oltre cinque-sei milioni di persone priva di rappresentanza. L’insieme della discussione ricevuta attraverso il circuito dell’informazione è quella che tiene conto e privilegia le richieste dei settori economici più forti dell’economia. La necessaria lotta alla burocrazia sollecitata dalla Confindustria rappresenta (sperando di sbagliare) solo un maldestro tentativo per coprire la pretesa di avere mano libere, potrei scrivere di volere “Licenza di uccidere“ anche perchè settori economici come la Fiat (FCA) hanno rafforzato la loro influenza sull’opinione pubblica attraverso l’acquisto di la Repubblica, uno dei più letti giornali italiani.

Mi accorgo con preoccupazione che alcune posizioni come quella di Andrea Orlando, vice segretario del PD, riguardanti alcune sue riserve sulle ipotizzate garanzie bancarie da assicurare anche a settori economici ed industriali che hanno residenze in Paradisi Fiscali, non hanno ricevuto il necessario sostegno del suo partito. Potrei scrivere, per confermare, che il PD oramai è scalabile da chiunque a cominciare dai ceti proprietari.
Anche le stesse proposte del segretario della CGIL Maurizio Landini per provare ad uscire dalla crisi indicando linee di giustizia sociale mi sembrano essere sottovalutate dall’insieme della sua Confederazione.
Vorrei sottoporre a chi legge una piccola ma significativa questione riguardante il tele-lavoro a domicilio. Una forma di lavoro che da 23 anni vado auspicando https://www.loffredi.it/telelavoro-a-domicilio.html.

Ebbene chiedo di vedere meglio nell’interno di questa positiva applicazione per rilevare come, pur nella necessaria innovazione, c’è sempre chi privatizza i profitti e magari prova a socializzare le perdite. E’ necessario conoscere il numero esatto dei lavoranti a domicilio, sapere se tale condizione si voglia consolidarla, o se passata la pandemia si ritornerà alla prima soluzione. Infine c’è l’urgenza di conoscere la quantità dei lavoratori che hanno avviato tale attività con strumenti tecnici non messi a disposizione dalle aziende ma acquistati a proprio carico. Inoltre mi sembra opportuno verificare fino a che punto è estesa l’ipotesi, in tanti casi già attuata, della revoca del buono mensa. Diritto sempre valido sia quando si lavora in azienda, sia quando si opera da casa.

Fatte queste rapide considerazioni, non sento di accodarmi a chi afferma che andrà tutto bene anzi, ritengo che si debba aprire un’altra finestra di discussione legata all’altra grande affermazione: “Niente sarà come prima” eliminandone l’equivoco, l’illusione, l’ambivalenza per affrontare la decisiva questione : sarà meglio o sarà peggio di prima? E dirimerne un’altra ancora più decisiva: meglio o peggio per quali ceti, quali categorie, quali classi? Non so come andrà a finire ma dopo questi mesi mi sento di scrivere di aver visto le classi dominanti sempre più aggressive e predatorie, prive di attenzione verso gli altri ceti, ma confesso purtroppo, di non vedere l’elaborazione di una linea alternativa proposta dalle forze del lavoro che possa ridurre le disuguaglianze, che ripristini i servizi universali (sanità, scuola, ricerca), preservi l’ambiente, ristabilisca il diritto sui posti di lavoro, assicuri l’occupazione.

Ceccano 26 maggio 2020

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo – 6 righe

 

{loadposition monetizzo}

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Angelino Loffredi

ByAngelino Loffredi

Angelino Loffredi: nato il 2 Luglio 1941 è stato collaboratore di Edicolaciociara.it dal 2000 e poi ha collaborato e collabora con UNOeTRE.it. Diplomato presso l'Istituto Superiore di Educazione Fisica del L'Aquila, è stato dirigente del Pci fino al suo scioglimento con i seguenti impegni nelle Istituzioni: Consigliere Provinciale dal 1970 al 1981, consigliere comunale a Ceccano dal 1970 al 1993, Sindaco di Ceccano dal 1981 al 1985.

Privacy Policy Cookie Policy