fbpx

Disoccupati: somme stanziate e somme percepite?

vertenza frusinate definitivo

Agenda dei Disoccupati 

 Riconvertire e riqualificare il sistema industriale

di Luigi Carlini
È passato oltre un anno da quando sono stati stanziati 10 milioni di euro finanziati dal ministero dello sviluppo economico per le politiche attive, adesso si rischia veramente che questo denaro non venga adoperato. Lasciati nel dimenticatoio per colpa ancora una volta di tutte le  istituzioni menefreghiste, Assenti, non all’altezza di intercettare quel denaro stanziato per l’Area di crisi complessa di Frosinone e Roma,
perché come sempre in Italia ci si adopera per qualcosa di utile per la comunità, poi si lascia il lavoro a metà.

Questi dieci milioni di euro sono per le imprese, per una riconversione e riqualificazione dell’area di crisi industriale complessa di Frosinone/Roma.
Il provvedimento del Mise fa seguito all’accordo di programma sottoscritto lo scorso 23 ottobre 2019 con Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro), Regione Lazio, Provincia di Frosinone, Comune di Colleferro e Invitalia.
I progetti dovevano essere presentati a partire dal 1 marzo fino al 30 marzo 2020, i Comuni Interessati sono tutti quelli che ricadono in area di crisi industriale di complessa di Frosinone e di Roma e quello che segue è l’elenco.

I Comuni della provincia di Frosinone interessati sono i seguenti: Acuto, Alatri, Amaseno, Anagni, Arnara, Boville Ernica, Castro dei Volsci, Ceccano, Ceprano, Collepardo, Falvaterra, Ferentino, Filettino, Fiuggi, Frosinone, Fumone, Giuliano di Roma, Guarcino, Morolo, Paliano, Pastena, Patrica, Piglio, Pofi, Ripi, Serrone, Sgurgola, Strangolagalli, Supino, Torre Cajetani, Torrice, Trevi nel Lazio, Trivigliano, Vallecorsa, Veroli, Vico nel Lazio, Villa Santo Stefano.
Per la provincia di Roma invece rientrano quelli di Artena, Carpineto Romano, Colleferro, Gavignano, Gorga, Montelanico, Segni, Vallepietra, Valmontone.

L’obiettivo del progetto è, da un lato riconvertire e riqualificare il sistema industriale con particolare attenzione alla tutela ambientale, dall’altro fronteggiare la gravissima crisi occupazionale rispetto a cui le politiche attive finora sono state totalmente un fallimento.
Tra le condizioni imprescindibili per ottenere questi finanziamenti, c’è la ricollocazione dei disoccupati dell’area di crisi complessa di Frosinone e Roma (non si capisce perché è stata esclusa l’area di Rieti) che attualmente percepisce la mobilità in deroga.
Le aziende sono obbligate a concludere le assunzioni proposte entro un anno dall’ultimazione del programma d’investimento.

Ci sarà una parziale revoca dei finanziamenti se l’obiettivo occupazionale subirà un decremento nei limiti del 50%, oltre questo limite il finanziamento sarà
REVOCATO TOTALMENTE. 
Gli ammortizzatori sociali non bastano più perché, con queste assurde decurtazione non si va avanti, chi ha la decurtazione sulla mobilità del 40% prende circa 350/ 400 euro mensili, ditemi come fa una famiglia mono reddito a campare dignitosamente ed a curarsi, non fa né l’uno e né l’altro, paga solo le bollette se ci riesce, oppure le lascia in sospeso senza pagarle.

Questo che segue è altro denaro stanziato per le POLITICHE ATTIVE, ma purtroppo è rimasto tutto sulla carta e totalmente  ignorato.
Le persone hanno bisogno di lavorare, di realizzarsi, di costruire, perciò  la politica del territorio, insieme a tutte le altre istituzioni dovrebbe studiare  seriamente e dedicarsi alle cosiddette POLITICHE ATTIVE sia per gli over 58, indirizzati verso i lavori di pubblica utilità, verso i comuni, le Province, gli enti in generale e sia per i più giovani, costruendo per loro corsi di formazione mirati alle esigenze lavorative del territorio.

Il denaro certo non manca per le tanto sbandierate politiche attive, ci sono circa 63 milioni di euro messi a disposizione dal governo e dalla Regione Lazio per  la bonifica della valle del sacco, poi ci sono circa 7 miliardi provenienti dall ‘Europa che devono essere spesi esclusivamente per la Green Economy.

In questo caso servirebbe  davvero una politica attenta, che non lascia sfumare tutto questo denaro stanziato, la politica e tutte le istituzioni devono creare progetti  occupazionali per il nostro territorio così da risollevarlo perché è stato abbandonato e martoriato per tanti anni, lasciando solo morte, inquinamento e disoccupazione.

Una segnalazione

Alla fine del 2021 parecchie persone fortunate, avendo i requisiti maturati si potranno agganciare alla pensione mediante la quota 100, ape social, opzione Donna e altri provvedimenti.
Invece gli altri disoccupati che non raggiungono nessuno di questi requisiti che fanno?
Si devono accontentare di questa miseria che gli erogate?
Campare la famiglia con questo denaro?
Mi appello a tutte le istituzioni, la bomba sociale è innescata, è di interesse di tutti e di vitale importanza attuare le Politiche Attive.

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo – 6 righe
youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Luigi Carlini

ByLuigi Carlini

Luigi Carlini, disoccupato, fra gli animatori dei Vertenza Frusinate. Redattore delle attività del mondo del lavoro

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy