fbpx

28 marzo 1932. Una frana a Villa S. Stefano

Villa S. StefanoVilla S. Stefano all'epoca

VILLA S. STEFANO. Comuni del Frusinate

Dalla continua ricerca documentale alla valorizzazione culturale del territorio

d Augusto Anticoli
Villa S. StefanoEccezionale scoperta di carattere storico e culturale, scovata in rete dal dott. Paolo Martino, figlio della nostra concittadina, prof.ssa Franca Malizia e repentinamente divulgate (ovvero, venute a nostra conoscenza) dal dottor Giovanni Bonomo, sul franamento di un quartiere di Villa Santo Stefano, avvenuto 1l 28 marzo 1932 e che ebbe all’epoca ampia eco mediatica in ambito nazionale. Si tratta di documenti fotografici dell’Istituto Luce che testimoniano fedelmente la tragedia scampata, poichè la popolazione aveva evacuato preventivamente il quartiere dell’attuale largo Gorizia, soprannominato successivamente ed anche oggi, Case Spallate. Sono fotogrammi di straordinaria importanza storica, con macerie di case distrutte causate dall’abbassamentio del sottosuolo e la successiva evacuazione dei residenti, immortalati e ben documentati, che di fatto, oggi entrano nel pat720 3 350 minrimonio storico-culturale di Villa Santo Stefano.

Da www.villasantostefano.com, dall’indimenticato parroco Don Luigi Falconi, la storia del franamento e successive vicende.
«II 28 marzo del 1932 si verificò a Villa S. Stefano un tremendo franamento del sottosuolo e conseguente crollo di case. Fortunatamente, come narra l’arciprete di allora, mons. Amasio Bonomi, il fatto non avvenne all’improvviso.
Difatti già da qualche mese prima gli abitanti del rione avevano avvertito dei tonfi paurosi, cui tuttavia non dettero gran peso. Senonché un giorno un somaro, carico di legna, mentre veniva condotto al forno, produsse una buca nel suolo, rimanendosi bloccato con le zampe posteriori. L’ilarità che ne conseguì portò il paese alla conoscenza del grave pericolo. Immediatamente l’Autorità locale segnalò la cosa al Prefetto di Frosinone. Giunsero sul posto gli ingegneri del Genio Civile, i quali, attraverso varie attrezzature, constatarono la grande estensione del franamento, ordinando lo sgombero di tutti gli abitanti del rione Gorbia. Da un momento all’altro si sarebbe potuto verificare il crollo dei fabbricati ivi esistenti.720 7 350 min
Verso la metà di marzo s’intese un boato spaventoso. La prima casa era stata letteralmente inghiottita dalla voragine. Il 28 marzo seguì il crollo di tutte le altre case. Non vi furono tuttavia vittime umane per le precauzioni disposte dai tecnici dello stesso Genio Civile.
La stampa italiana si occupò della sciagura contribuendo a spingere i più generosi a compiere atti di pietà e di solidarietà verso i sinistrati tutti.
Il Santo Padre, Pio XI, inviò al vescovo diocesano, mons. Alessandro Fontana, la cospicua somma di lire diecimila da distribuirsi fra i colpiti dalla catastrofe che trovarono un primo rifugio in alloggi provvisori e di fortuna, infine lo Stato provvide a costruire nuove abitazioni che sorsero in una zona più alta, fuori dal centro storico, nei pressi della chiesetta di S. Sebastiano».

La valorizzazione culturale del territorio passa attraverso la continua ricerca documentale, che in ambito tecnologico, siano atte a creare valore intrinseco al territorio di appartenenza, per sviluppare un approccio mediatico finalizzato all’interesse di fatti e cose del passato con benefici collettivi di carattere culturale e sociale!

 

 

Foto d’epoca dell’Istituto Luce

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy