fbpx

A Ceccano c’è chi vuole trasgredire agli obblighi di vaccinazione?

BANDIERE PD 350 260

PD CECCANO

 Ci sono dubbi nella pubblica amministrazione?

BANDIERE PD 350 260Apprendiamo a mezzo stampa che nella giunta comunale di Ceccano e forse anche nei banchi della maggioranza, esiste una rappresentanza “no vax” che vede nell’assessore Stefano Gizzi, già protagonista di roghi di libri in pubblica piazza, il suo principale esponente di spicco.

Da parte dell’assessore Gizzi, seguace dell’arcivescovo Viganò, che già ha destato incredibile imbarazzo per il Vaticano, c’era da aspettarselo, del resto un tempo poteva denunciare dai banchi dell’opposizione i ricchi compensi elargiti ai dirigenti comunali per il raggiungimento degli obiettivi. Ora che questi premi li vota lui in giunta, incrementandone perfino gli importi, trova in queste argomentazioni un nuovo modo per attirare su di se la propria attenzione.

Nel mese di novembre scorso, la rivista TPI aveva pubblicato un’inchiesta denominata “I no vax di Dio” e nella stessa era perfino coinvolto e chiamato in causa un professore che su invito dello stesso assessore Gizzi, a spese del Comune di Ceccano, ha tenuto una conferenza al Castello dei Conti costata ben 700 euro di parcella nei confronti dello stesso.
Anche in quell’occasione si trattò di una manifestazione “no vax”?

Premesso che come partito Democratico crediamo fortemente nella campagna vaccinale e che proprio grazie ai vaccini ed al loro impatto nella lotta al Covid19, si è riusciti a ridurre il numero dei ricoverati in terapia intensiva e dei decessi, e che da sempre grazie ai vaccini ed al progresso scientifico sono stati combattuti e si combattono divere malattie, ciò che troviamo inaccettabile è come l’assessore Gizzi abbia esposto le sue idee, raffrontandole con le persecuzioni razziali e l’uccisione di milioni di persone, che nulla hanno a che vedere con i provvedimenti intrapresi dal governo, al fine di limitare la diffusione del virus e cercare di rendere più sicuro la vita quotidiana per tutti, anche per chi compie la scelta di non vaccinarsi.

Purtroppo l’assessore Stefano Gizzi non è nuovo a questi colpi di testa. Ma un amministratore deve dare l’esempio ai suoi cittadini e non essere rappresentante solo di una parte politica o di una minoranza in questo caso quella “no vax”.
Riteniamo le sue continue provocazioni ed argomentazioni offensive ed inaccettabili, in alcuni casi vera e propria propaganda nostalgica, alla quale fa da sponda il totale silenzio del sindaco.

Vista anche l’età dell’assessore, si intuisce la sua volontà pubblica di voler trasgredire agli obblighi di vaccinazione. Ci chiediamo a questo punto come sia conciliabile la sua presenza nell’aula del consiglio comunale. Ricordiamo infatti che titolari di cariche elettive, di cariche istituzionali di vertice e i componenti di organi, per accedere ai luoghi in cui esercitano le loro funzioni devono possedere ed esibire la certificazione verde COVID-19, salvo esenzioni dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Clicky

 



Clicky

 

 

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy