Discutere la crisi. Due pesi e due misure

Draghi Renzi ilfattoquotidiano 390Draghi Renzi ©ilfattoquotidiano

DISCUTERE LA CRISI

Perchè non riconoscere che nei 9 punti di Conte si ripropongono le emergenze sociali trascurate?

Draghi Renzi ilfattoquotidiano 390Il 22 luglio UNOeTRE.it pubblicò un primo articolo sulla crisi che ha portato alle dimissioni di Mario Draghi da Presidente del Consiglio dei Ministri. L’articolo di Ermisio Mazzocchi ha per titolo “Una Crisi con tanti padri ed un solo regista”.
Si è avviata una riflessione a più voci sulla crisi, le sue cause, il suo sviluppo e le sue conseguenze. Oggi si riporta qui il commento di Angelino Loffredi, postato sulle pagine di FB, che introduce uno nuovo elemento di analisi e di riflessione.

di Angelino Loffredi
Ermisio, in questo articolo mancano due aspetti: Mattarella, attraverso Renzi, affonda il Conte 2 senza chiedere la fiducia al Parlamento mentre con Draghi la fiducia viene chiesta. Questo voler liquidare Conti con rapidità la dice lunga. E’ espressione di una volontà dei poteri forti a non fare consolidare un governo che aveva fronteggiato bene la pandemia, ridotto lo spreed, contenuto le disuguaglianze ed aveva un grande consenso popolare. Con il governo Draghi si allarga l’area della povertà e della disuguaglianza. Viene minacciata la democrazia per via di una volontà presidenzialistica che elimina i confronti in parlamento. E’ il governo che porta la spesa militare a 33 miliardi annui. Con le sanzioni boomerang verso la Russia e relative ripercussioni si aggrava la crisi sociali che tu non indichi e non ricordi a sufficienza.

Infine perchè non riconoscere che nei 9 punti di Conte esiste un tentativo di mettere al centro questo tema?

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l’App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 



Clicky

 

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Angelino Loffredi

ByAngelino Loffredi

Angelino Loffredi: nato il 2 Luglio 1941 è stato collaboratore di Edicolaciociara.it dal 2000 e poi ha collaborato e collabora con UNOeTRE.it. Diplomato presso l'Istituto Superiore di Educazione Fisica del L'Aquila, è stato dirigente del Pci fino al suo scioglimento con i seguenti impegni nelle Istituzioni: Consigliere Provinciale dal 1970 al 1981, consigliere comunale a Ceccano dal 1970 al 1993, Sindaco di Ceccano dal 1981 al 1985.

Privacy Policy Cookie Policy