fbpx

Un Cartello per difendere la Costituzione

difesa della costituzioneDifendere la Costituzione e far votare chi si astiene

DISCUTERE LA CRISI. VOTO 2022

Riportare a votare gli astenuti per cambiare gli esiti del voto che i sondaggi ipotizzano. Valorizzare il dettato costituzionale

di Ermisio Mazzocchi
difesa della costituzioneSi avviano a conclusione le formazioni delle alleanze e lo schieramento dei singoli partiti.
Non c’è dubbio che il partito che si è dovuto impegnare con determinazione per costruire un fronte ampio di forze democratiche e progressiste è stato il PD.
Un lavoro faticoso con molte resistenze e ostacoli, che non ha dato gli esiti sperati.

Sull’obiettivo di unire quante più forze possibile per battere la destra populista e sovranista ha pesato la difficoltà ad avere piena consapevolezza di quello che dovrebbe essere una coalizione di centrosinistra e di quello che è e che rappresenta l’avversario politico di destra.
Una condizione che non ha una origine contingente ma ha radici profonde.

La composizione di alleanza e la sua coesione non dovrebbero esse circoscritte a una responsabilità di governo.
Esse si sarebbero dovute estendere e solidificarsi nel vivo della società e calarsi nella realtà dei drammi che riguardano soprattutto il lavoro e i diritti.
I risultati delle amministrative avrebbero dovuto incoraggiare a scelte più decise e a rinsaldare possibili alleanza sul territorio.

La mancanza di una politica inclusiva ha causato oscillazioni e tentennamenti da parte di chi avrebbe dovuto avere una maggiore responsabilità e questo ha prodotto ritardi e conflittualità riscontrabili nei comportamenti di Calenda la cui azione a dire poco è risultata instabile e inaffidabile.
Lo schieramento di forze che include, oltre a PD, PSI, Art.1, +Europa, Impegno Civico (Di Maio), anche Verdi e Sinistra Italiana, consente di posizionarsi su un fronte progressista tale da favorire l’adesione di parti della società interessate ad avere maggiori garanzie sull’affidabilità delle loro proposte.
Si sarebbe potuto fare di più.

Le alleanze, soprattutto alla vigilia di una campagna elettorale, sono il risultato di mediazioni e di scelta di collocazioni.
Il PD, pur nel suo tentativo di realizzare un terreno comune, non ha però, a mio parere, raggiunto il suo obiettivo, poiché si è preclusa, a causa di preconcetti e giudizi trancianti, la possibilità di uno spazio di azione più ampio e la formazione di una coalizione più larga.

Non si può ricorrere a ostracismi né porre veti nei riguardi di 5S sulla base di valutazioni contingenti in riferimento alla caduta del governo Draghi, quasi a punire un peccato originale commesso in spregio delle leggi democratiche.
Sarebbe stato più opportuno trovare intese elettorali, le più estese possibili, considerando prioritaria la necessità di vincere la competizione elettorale,

Non è sufficiente e risulta sviante l’affermazione di Boccia riferita a 5S “si possono fare elezioni politiche su binari paralleli” (Corsera 9 agosto), che non trova credibilità nella campagna elettorale e richiederebbe un chiarimento su cosa vuole dire “binari paralleli”.
Sarebbe stato più proficuo concordare “convergenze parallele” che avrebbero potuto dare più consistenza alla alleanza “tecnica” operata da Letta.
Si delinea sempre più in modo chiaro una competizione su questioni di fondo che riguardano valori, idee e diritti in una cornice di fattori essenziali come il lavoro e la lotta alle disuguaglianze.
Si andranno sempre più definendo i confini del confronto elettorale tra le forze progressiste e quelle populiste e orbaniste.

Il PD è il riferimento per la costituzione di un fronte ampio di forze non necessariamente componenti di una alleanza “tecnica”.
In ragione di tale fine esso dovrebbe farsi promotore di un “Cartello dei fondamenti della Costituzione”.
Questo dovrebbe avere una piattaforma comune, condivisa da quanti hanno come obiettivo la difesa della Repubblica e della sua Costituzione contro i pericoli reazionari della destra.
Una necessità per battere la politica più pericolosa della destra italiana, la quale, a detta della Meloni e sostenuta dai suoi alleati, vorrebbe riformare la Costituzione per sancire il primato del diritto nazionale su quello europeo, così come ha fatto il presidente polacco Andrzej Duda.

Un pericolo reale e concreto se si tiene conto che la Meloni nel 2018 presentò alla Camera un disegno di legge che prevedeva la cancellazione dalla Costituzione degli articoli 97/117/119 che riguardano proprio l’Unione Europea.

Una maggioranza della destra di due terzi del parlamento consentirebbe di approvare tale riforma senza ricorrere al referendum costituzionale il che comporterebbe uno scontro con gli organismi europei e gravi conseguenze.

Basterebbe questo scenario a favorire una comune bussola di orientamento a salvaguardia della Costituzione e dei valori democratici europei.
Se si potesse ottenere questo risultato, esso dovrebbe essere collocato in una competizione elettorale decisamente incentrata per il PD e i suoi alleati sui contenuti del lavoro, dei salari decenti, di una scuola pubblica di qualità, di un ambiente sostenibile, dei diritti civili e di una sanità pubblica davvero per tutti.

E’ una partita aperta in cui è essenziale rispondere ai bisogni dei cittadini e dare sicurezza e certezza per il loro futuro.
Lo stesso astensionismo, che incombe pesantemente su queste elezioni parlamentari, potrà essere se non sconfitto, quanto meno ridimensionato, se le forze della sinistra, quelle del progresso e quelle a difesa della democrazia sapranno parlare al paese per una sua rinascita riformista e innovativa.

La destra, apparentemente compatta, può essere sconfitta se il fronte che le si oppone avrà la capacità di confluire su un messaggio di alternativa al populismo e alle derive sovraniste e garantire una prospettiva di cambiamento nell’alveo della democrazia.

Verso le Elezioni politiche del 25 settembre. 10 agosto 2022

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

Sostieni UNOeTRE.it

con una carta oppure con l’App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Clicky



Clicky

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Ermisio Mazzocchi

ByErmisio Mazzocchi

Ermisio Mazzocchi: nato a Vetralla (VT) il 7 agosto 1946. E' laureato in Filosofia presso l'Università di Roma "La Sapienza". Nel 1972 è dirigente nel PCI nella Federazione di Frosinone. Dal 1985 assume l'incarico di Presidente della Confederazione italiana coltivatori (oggi CIA) che lascerà nel 1990 per ricoprire incarichi politici nel Comitato regionale del PCI e in seguito PDS del Lazio. Si è occupato di agricoltura e dei suoi prodotti come Presidente della Consulta regionale e nell'ambito dell'ARSIAL. Nel 2004 tiene su incarico dell'Università di Cassino un corso sul tema "Storia della bonifica pontina". Nel 2003 pubblica il suo primo libro sulla storia dei partiti cui segue il secondo nel 2011 sullo stesso tema. Il suo impegno politico è nel PD. Studia avvenimenti storici ed economici.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy