fbpx

Meraviglia a Cassino! E un contesto modesto

Michele Santulli

ByMichele Santulli

27 Ottobre 2022
Cassini.Pza GregorioDiamare zampilli 390 minCassino P.za Gregorio Diamare, zampilli

ARCHITETTURA URBANISTICA

Piazza Diamare, inaugurata a Cassino, elegante e raffinata

di Michele Santulli
Cassini.Pza GregorioDiamare zampilli 390 minCredo che è la prima volta che si sia in grado di impiegare questa espressione nella sua accezione più veritiera e sincera riferendoci alla configurazione urbanistica della città.

La città di Cassino come si sa ha avuto il destino più catastrofico che si possa immaginare per una comunità di cittadini e cioè l’annientamento totale e completo. Solo macerie. Alle quali vanno aggiunte quelle altrettanto esiziali sulla cima del sacro Monte sovrastante, tutto a opera degli Stati Uniti, che oggi, indefessi armaiuoli, armano anche i ‘salvatori’ europei a favore di Zelensky, dopo averli indottrinati e anche intimoriti. Nessuna polemica, solo il ricordo di fatti terribili della storia, buoni o cattivi.

Da tanta devastazione si salvò solo un albero, un platano! L’unico superstite, che si leva in un largario alla periferia cittadina. A dispetto degli anni e della guerra, la sua vitalità è a tutt’oggi vigorosa e rigogliosa; piantato verso la metà del 1700, oggi la circonferenza sicuramente oltre i dieci metri, perciò un gigante tra i patriarchi nazionali; deve la sua sopravvivenza e vitalità al fatto che l’acqua da cui trae la sua linfa vitale è particolarmente sovrabbondante nel sottosuolo, da qui la sua maestosità e la ricchezza della chioma: l’acqua dunque, ecco perché il ricordo del platano.

E torniamo alla piazza inaugurata nei giorni scorsi a Cassino: una piazza che con la sua eleganza eCassino Pza GregorioDiamare griglia 390 min raffinatezza da grande architetto è quasi una gemma nel panorama piatto e amorfo della città: con quegli zampilli in numero di tredici alti fino a circa tre metri, all’occorrenza luminosi e colorati, che come per incanto spuntano e sgorgano direttamente dal suolo, perfino vistosamente decanta per la prima volta il bene più prezioso della città: l’acqua, la falda acquifera cittadina ritenuta, infatti, tra le più ricche del Paese: fino ad oggi nella Cassino democristiana, ricostruita dalle fondamenta, mai si è visto una fontana o un manufatto che ne richiamassero l’esistenza, anzi!! Ora sotto gli occhi abbiamo una vera piazza, raccolta e contenuta, studiata nelle linee e nelle proporzioni, armoniosa, con alberi e acqua cioè con la vita, ariosa e spaziosa che i locali pubblici attorno evidenziano e arricchiscono con le proprie comodità ricettive.

Il contesto urbanistico che si nota attorno è quello che abbiamo ricordato, modesto se non talvolta osceno per cui il valore e il significato di questa piazza-gioiello, come un cultore attento mi ha fatto osservare, avrebbe trovato la sua collocazione appropriata in qualche città della Mitteleuropa come Vienna, Salisburgo, Praga, Monaco, Berlino, anche Odessa….

Cioè un cappello di alta classe su un vestito a brandelli. Non vogliamo attirare l’attenzione su certi particolari tecnici e architettonici della piazza quali la selezione e la cura e gli abbinamenti dei materiali, la presenza dei venti alberi già con qualche anno di vita, i sedili in pietre colorate che sono in verità delle sculture, lo smaltimento quasi invisibile delle acque, i marmi non scivolosi presso gli zampilli: attiro l’attenzione solo su un particolare che per la nostra mentalità è semplicemente eccezionale: quelle griglie in ferro (a parte l’impagabile disegno e lavorazione) ai piedi degli alberi allo scopo di tenerne sotto controllo le radici, quindi non scompaginare la pavimentazione! Una osservatrice attenta ha commentato che la piazza è diventata quasi l’agorà cittadina, cioè il foro, il punto d’incontro, finalmente, dei cittadini.

Un ulteriore aspetto rende ben propizia e benaugurante tale felice realizzazione e cioè il fatto che la piazza è intestata da sempre a Gregorio Diamare, l’abate di Montecassino e VesCassino Pza GregorioDiamare sedile 390 mincovo di Cassino che visse le vicende terribili delle due distruzioni, dell’Abbazia e della città.

Certi interventi non tanto accettabili dell’attuale amministrazione sotto gli occhi di tutti, come pure un’attività, diciamo culturale, di livello più che modesto, avrebbero fatto dubitare se non disperare dell’accoglimento ed approvazione della rivoluzionaria progettazione sottoposta all’attenzione del Comune, abituati a ben altre proposte: al contrario, come riferiscono anche addetti ai lavori, l’approvazione è stata addirittura incondizionata, entusiasta e strenuamente difesa sia dal sindaco Salera e sia da gran parte degli amministratori che, dimentichi di quanto li circonda, hanno capito e approvato il valore quasi dirompente del progetto.

Ora, come è prassi per tutte le opere pubbliche di pregio, non andrebbe omesso da parte del Comune di apporre, con discrezione, una piccola targa che ricordi l’architetto Giacomo Bianchi, il creatore della piazza miracolosa.

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

Sostieni UNOeTRE.it

con una carta oppure con l’App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Clicky



Clicky

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Michele Santulli

ByMichele Santulli

Michele Santulli è ciociaro di Atina in Valcomino. Già insegnante nelle scuole superiori e temato in Germanistica alla Università di Pisa, poi, lasciata la scuola, antiquario per molti anni in Cassino. Ha raccolto neim suoi libri le proprie deduzioni ed osservazioni su aspetti e realtà eccezionali eppur sconosciuti della Terra di Ciociaria che marcano e contrassegnano la storia artistica e sociale dell’Europa Occidentale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy