fbpx

La sentenza su Luana D’Orazio: la vita operaia non vale niente?

Morte Luana DOrazio titolari ditta patteggiano condanna 390 minMorte Luana D'Orazio, i titolari della ditta patteggiano condanna ©ANSA

MORTI SUL LAVORO

Due anni di reclusione ai responsabili con sospensione condizionale della pena 

di Maurizio Acerbo
Morte Luana DOrazio titolari ditta patteggiano condanna 390 minSe Luana D’Orazio insieme ad altre operaie avesse fatto un blocco stradale per rivendicare più sicurezza avrebbe rischiato una condanna dai 2 ai 12 anni. Queste le pene previste dal decreto Salvini approvato dal governo Conte1 e non abrogato dal Conte2.

I responsabili della morte della giovane madre stritolata a 22 anni dentro un orditoio hanno preso una condanna inferiore a quella che avrebbe rischiato lei.

Due anni di reclusione per Coppini, e a un anno e 6 mesi per Faggi, entrambi con sospensione condizionale della pena. I datori di lavoro di Luana D’Orazio, uccisa dall’orditoio su cui lavorava perchè avevano tolto le protezioni di sicurezza, se la cavano con delle condanne lievissime.
Non ditemi che questa non è una società di classe.

Gli omicidi sul lavoro sono reati minori? Sono meno gravi dell’omicidio stradale? Togliere le protezioni per aumentare il ritmo produttivo è meno grave della guida in stato di ebrezza? Come è possibile e accettabile una cosa del genere? Perché il presidente del consiglio intervenendo alla Camera nel suo discorso programmatico ha detto che non c’è bisogno di nuove leggi per garantire la sicurezza e nessuno l’ha contestata?

Questa sentenza che indigna spiega perché come Unione Popolare abbiamo proposto di modificare la normativa.

Attualmente è previsto il reato di omicidio colposo sul lavoro con una pena dai 2 ai 7 anni. Col patteggiamento siamo arrivati a questa sentenza.

Unione Popolare propone di introdurre il reato di omicidio e lesioni sul lavoro con pene dai 10 ai 18 anni per i datori di lavoro che, non adempiendo agli obblighi normativi, causano la morte o l’infortunio grave di un dipendente.

Nell’ultima legislatura le deputate di “ManifestA” hanno depositato una proposta di legge preparata con l’USB. Perché è venuto in mente solo a noi che pure siamo per la depenalizzazione dei reati minori e assai più garantisti della destra?

La risposta è semplice. Per Giorgia Meloni “non bisogna disturbare chi vuole fare”, cioè le imprese. Figurarsi se viene in mente di colpire con durezza chi non rispetta le norme sulla sicurezza.
Certo non si risolve tutto inasprendo le pene e proponiamo un complesso di norme e misure. Però una sentenza come questa rende evidente la necessità di intervenire anche sul codice penale.

Unione Popolare non ha eletto e non potrà presentare di nuovo la proposta ma continuerà a battersi per fermare questa strage. Le vite delle lavoratrici e dei lavoratori contano.

28 Ottobre 2022 da https://www.kulturjam.it/

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l’App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 



Clicky

 

 

 

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy