fbpx

Colleferro: berillio e metalli pesanti nel sito di ARPA2

AMBIENTE

E’ doveroso permettere una discussione pubblica della situazione

 di Ina Camilli*
inceneritori ColleSughero Colleferro 350 minIn questi giorni Arpa Lazio ha pubblicato online “Ambiente Lazio 2021”, il rapporto sui più importanti fattori ambientali regionali, con un focus sul “Comprensorio industriale di Colleferro” per esaminare i valori di fondo naturale dell’area denominata “Arpa2” (Pag. 208).

L’area interessata, circa 1,5 ettari, è ubicata all’interno del Sito di Interesse Nazionale (SIN) “Bacino del fiume Sacco”, ex zona industriale utilizzata fino al 1982 dall’azienda chimica SNIA-BPD, che ha dato luogo ad un pesante inquinamento delle matrici ambientali.

L’impatto del carico inquinante ha portato al regime commissariale, nel 2006, ed “Arpa2” è stata sottoposta a caratterizzazione e successiva messa in sicurezza permanente.

Gli interventi per disinquinare l’area e migliorare il livello di salubrità ambientale dei cittadini residenti sono stati inclusi anche nell’Accordo di programma del 2019-2022 (Addendum) ed inseriti tra quelli immediatamente attivabili, in ragione della loro priorità, con uno stanziamento di 4.652.469,63 €.

Le attività integrative eseguite nell’area di “Arpa2” hanno rilevato la presenza di berillio (sostanza tossica e cancerogena) in quantità superiore alle concentrazioni soglia di contaminazione (CSC).

A seguito di tale criticità, la Regione ha avviato uno studio per la stima dei valori di fondo naturale (VFN) per il berillio in tutto il comprensorio, studio esteso anche al cobalto (potenzialmente cancerogeno), mentre per il tallio (sospetto cancerogeno) è emersa la necessità di una ulteriore investigazione.

Per affrontare le criticità legate ai superamenti di CSC potenzialmente riconducibili a valori di fondo naturali, Arpa ha adottato delle linee guida, non potendo disporre di strumenti normativi procedurali da parte della Regione. Nel frattempo il Ministero della Transizione Ecologica è intervenuto in materia con l’approvazione della legge n. 108/2021.

La lunga vicenda amministrativa, il tortuoso procedimento, il tecnicismo del rapporto, e la complessità delle informazioni non sono di immediata comprensione e di facile divulgazione. Richiedono invece un’azione di interpretazione e semplificazione, soprattutto per gli aspetti sanitari ed ambientali.

E’ lo stesso rapporto ad evidenziare che le norme sull’informazione ambientale impongono di diffondere e valorizzare i dati raccolti, anche attraverso le attività di comunicazione, oltre che di pubblicazione nei siti web istituzionali.

Al fine di non concentrarsi solo sui numeri e creare ingiustificati allarmismi sui contaminanti rilevati è doveroso permettere una discussione pubblica del rapporto, portandolo a conoscenza della cittadinanza dalle Istituzioni ed Enti pubblici, cui compete la salvaguardia della salute e l’informazione sui dati ambientali.

E’ necessario che di questi risultati si discuta in Consiglio comunale e che il Comune riferisca anche sugli altri due progetti del comprensorio industriale di Colleferro Area ingrosso merci e centrale termica e Area ossicloruro di rame – in attesa del decreto di approvazione – nonché sul progetto di bonifica dell’area Chetoni-Fenilglicina.

L’informazione deve essere completata con una approfondita discussione sullo stato di avanzamento dell’Accordo di programma e dell’Addendum del 2019-2022, sull’impiego delle risorse assegnate e utilizzate. Un invito in questo senso deve essere rivolto al Commissario straordinario per gli interventi di bonifica e messa in sicurezza della valle del Sacco e per l’attuazione dell’Accordo di programma, in carica da circa un anno.

Da anni nel territorio della valle del Sacco è in corso un dibattito sul recupero delle aree degradate e inquinate che si scontra con mille difficoltà, non ultima quella di una più adeguata e realistica informazione.

*Ina Camilli – Rappresentante Comitato residenti Colleferro Contrada Fontana degli Angeli 00034 Colleferro – Roma comitato.residenti@libero.it – cell. 3357663418

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l’App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 



Clicky

 

 

 

 

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Ina Camilli

ByIna Camilli

Mi sono laureata in scienze politiche con 110 e ho sempre avuto un interesse speciale per il sociale, ma ho lavorato molto dentro e fuori casa e non ho potuto finora dedicarmi ad altro. Da poco più di un anno sono in pensione, dopo 45 anni di servizio alla Camera dei deputati. Come consigliere parlamentare ultimamente mi ero occupata di progetti di formazione per studenti ed esterni. Tuttavia sono riuscita da più di 10 anni a dedicarmi al volontariato, partecipando attivamente ad aggregazioni civiche di cui curo le pagine fb, i comunicati, la documentazione, ecc. Ho anche partecipato da candidata consigliera e sindaca alle ultime due elezioni comunali di Colleferro, dove risiedo, con liste civiche non apparentate, senza risultare eletta. La mia passione è la natura dove mi piace fare sport. Questa attività richiede disciplina e costanza e praticarla mi impone un po’ di sacrificio per mancanza di tempo.Questo in breve il mio percorso di vita fin qui. Il seguito sarà meglio.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy