Sanità sempre peggio

medici sanita 350 260

SANITA’ PUBBLICA IN PERICOLO GRAVE

Chiedere ed avviare una fase di mobilitazione, se necessario scioperare

di Angelino Loffredi
medici sanita 350 260Assistiamo ogni giorno di più ad iniziative, a nefaste prese di posizioni ed a proposte riguardanti la distruzione continua e programmata della sanità pubblica. Chiunque infatti è nelle condizioni di verificare che il sistema sanitario pubblico è boccheggiante. Sinteticamente delineo il quadro generale: le prestazioni sospese al tempo della pandemia ancora non sono riprese, le lunghe e interminabili liste d’attesa si allungano sempre di più, la inarrestabile fuga di medici e infermieri, l’inferno dei Pronto soccorso, il mancato rinnovo del contratto di lavoro. Per finire ad un governo che ora decreta provvedimenti controproducenti.

Quasi a confermare confusione ed incapacità in questi giorni il governo invece di affrontare il doloroso e persistente problema con provvedimenti coerenti, organici e ben strutturati ha inserito, oltre tutto in modo sbagliato, alcune linee guida addirittura nell’interno del Decreto riguardante l’energia ed il caro bollette.

Il governo che si autodefinisce del fare, mentre decreta provvedimenti “Arlecchino” per ridurre il caro energia introduce, senza un ragionevole motivo, la liberalizzazione delle professioni sanitarie.
Il ministro Schillaci con un colpo di bacchetta non magica infatti ha inventato gli infermieri robot. In verità in tale professione sono le donne a prevalere, alle quali però non viene assicurata nessuna prospettiva di carriera.

A fronte del disastro quale è la soluzione prospettata dal ministro ?

La possibilità di smontare dal turno di notte in ospedale e andare a lavorare in una clinica privata o in una Residenza per anziani.

Non sto scherzando e nemmeno sto inventando. E’ proprio cosi!
Ministro e colleghi non si sono posti un punto essenziale e doveroso: l’indispensabile riposo. Nemmeno tengono nel dovuto conto la direttiva europea, a suo tempo recepita dal nostro Paese, su orario di lavoro e pause in sanità. Argomenti e importanti temi ignorati dai cosiddetti uomini nuovi.

Non si tratta di tutelare solo la salute di lavoratrici e lavoratori del settore ma anche quella dei pazienti. Tutti noi cittadini veniamo immolati sull’altare della necessità di personale da un lato e della necessità di aumentare il proprio reddito dall’altro.
Si va dunque da male in peggio. Si tratta di un provvedimento a dir poco ingannevole perché visto che da nessuna parte sono previste risorse per il rinnovo dei contratti viene concessa la possibilità di svolgere un’attività privata.

Concretamente questo significa che infermiere ed ostetriche finito l’orario di lavoro, più gli straordinari, potranno incrementare il loro reddito lavorando anche in strutture private.

A problemi veri e che si protraggono da anni, quali quelli della mancanza di personale e del mancato rinnovo del contratto, viene data una risposta sbagliata: far lavorare, fino all’estremo, il personale.
Ci troviamo di fronte ad un governo che attenta alla salute ed alla nostra integrità fisica. Costoro dovrebbero rispondere ad una domanda posta da Andrea Filippi, responsabile medici della Fb CGIL e che si vuole eludere “chi si affiderebbe consapevolmente alle cure di una operatrice sanitaria che invece di riposare dopo un turno di notte entra nella sala operatoria di una clinica privata o nella terapia intensiva o nel pronto soccorso di una struttura convenzionata? E che rischi corre la stessa professionista?”

E’ necessario intervenire affinché le cose cambino. Bisogna chiedere ed avviare una fase di mobilitazione caratterizzata da assemblee ed incontri con associazioni e cittadini e se necessario arrivare ad uno sciopero per avere garantito un servizio di cura pubblico ed universale e per applicare fino in fondo l’articolo 32 della nostra Costituzione,che non dobbiamo mai dimenticare dispone:
“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge”.

Ceccano, 11 Aprile 2023

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l’App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 



Clicky

 

 

 

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Angelino Loffredi

ByAngelino Loffredi

Angelino Loffredi: nato il 2 Luglio 1941 è stato collaboratore di Edicolaciociara.it dal 2000 e poi ha collaborato e collabora con UNOeTRE.it. Diplomato presso l'Istituto Superiore di Educazione Fisica del L'Aquila, è stato dirigente del Pci fino al suo scioglimento con i seguenti impegni nelle Istituzioni: Consigliere Provinciale dal 1970 al 1981, consigliere comunale a Ceccano dal 1970 al 1993, Sindaco di Ceccano dal 1981 al 1985.

Privacy Policy Cookie Policy