fbpx

Lettera aperta ai candidati alla carica di sindaco della città di Anagni, edizione 2023.

Fiume Sacco inquinatoFiume Sacco inquinato

Sintesi, sicuramente non esaustiva, dei temi di maggiore interesse

di Legambiente Anagni

Logo di Legambiente Anagni

Le elezioni amministrative del 14 e 15 maggio 2023 vedono in campo 4 aspiranti alla carica di Sindaco, sostenuti ciascuno da una coalizione di più soggetti, per un totale di 23 liste con 368 candidate/i in campo.

Così come in occasione delle amministrative del 2018, Legambiente Anagni si rivolge a chi aspira a governare la città presentando una serie di richieste che nascono da un’analisi, oggettiva, acritica e non ideologica, della realtà territoriale.

Nel 2018, la nostra lettera aperta partiva da un’osservazione, ancora valida dopo 5 anni: la nostra città soffre di una “crisi di rappresentazione” perché è evidente la mancanza di corrispondenza tra le dinamiche e i problemi del territorio e la capacità, o la volontà, di rappresentarle e risolverli da parte della politica istituzionale.

Molti dei temi sollevati cinque anni fa sono ancora irrisolti. Anagni ha tuttora la necessità di pianificare e sviluppare serie e puntuali azioni per trovare soluzioni a problemi tanto critici quanto annosi, come l’inquinamento atmosferico, la riqualificazione energetica degli edifici, la conservazione del suolo agricolo e naturale, la crescita delle aree verdi e dei parchi naturali, l’abbassamento delle emissioni da fonti agricole e industriali, la gestione della biodiversità condizionata dal clima che cambia, l’economia circolare, la riduzione e prevenzione dei rifiuti, la mobilità dolce e il trasporto pubblico locale, la tutela delle acque, il dissesto idrogeologico del territorio. 

Richieste che ci sentiamo in obbligo di rivolgere nuovamente agli uomini e alle donne che aspirano ad amministrare la città per i prossimi cinque anni.

Chiediamo, dunque, ai candidati alla carica di Sindaco di Anagni, quali siano in concreto le rispettive proposte per la risoluzione delle sfide ambientali che (ri)presentiamo e come intendano metterle in atto, concretamente, per costruire una città attrattiva, moderna e resiliente.

Auspichiamo risposte chiare ed argomentate che possano consentire agli elettori ed alle elettrici di decidere, sulla base delle azioni programmatiche proposte dalle singole coalizioni, a chi assegnare la propria preferenza.

Di seguito si presenta una sintesi, sicuramente non esaustiva, dei temi di maggiore interesse.

1. Economia circolare

La normativa nazionale vigente, (legge 52/2006 e legge 296/2006) stabilisce che entro il 31 dicembre 2012, il nostro Paese avrebbe dovuto raggiungere il 65% di raccolta differenziata.

Gli ultimi dati per Anagni, rilevabili dal Catasto Rifiuti ISPRA, segnalano percentuale di raccolta differenziata del 62.7% in calo rispetto ai tre anni precedenti.

Chiediamo ai candidati sindaco cosa la prossima amministrazione intenda realizzare per la concreta attuazione del PRGR della regione Lazio 2019-2025, che punta, entro il 2025, alla chiusura del ciclo dei rifiuti all’interno del territorio regionale e al raggiungimento di una percentuale di raccolta differenziata di qualità pari almeno al 70%. 

È imbarazzante, ma siamo costretti a tornare a chiedere alla prossima amministrazione di realizzare finalmente l’Isola Ecologica, che la città attende da quando è iniziata la raccolta dei rifiuti porta a porta: quali sono i progetti dei candidati?

Anagni è stata destinata a diventare “luogo baricentrico” per la gestione del rifiuto organico con una decisione politica, fortemente contrastata dalla popolazione, che ora, inevitabilmente, tiene banco tra le forze in lizza: chiediamo ai candidati sindaco cosa propongono per contrastare efficacemente la realizzazione del biodigestore di Energia Anagni.

2. Manufatti e coperture in amianto

A oltre trenta anni dall’approvazione della legge 257/1992 ad Anagni a che punto siamo con il censimento e rimozione dei manufatti in amianto dagli edifici pubblici e privati?

Quali sono i programmi dei candidati sindaco per la bonifica e l’eliminazione di questo pericoloso materiale?

3. Stop al consumo di suolo

Gli obiettivi Comunitari perla tutela del suolo, del patrimonio ambientale, del paesaggio, per il riconoscimento del valore del capitale naturale, impongono agli Stati membri di azzerare il consumo di suolo netto entro il 2050, di allinearlo alla crescita demografica e di non aumentare il degrado del territorio entro il 2030.

Ciascun Comune deve fare la sua parte predisponendo adeguati strumenti amministrativi per il monitoraggio e la difesa del suolo che, con le sue molteplici funzioni, rappresenta la risorsa naturale più preziosa e allo stesso tempo più indifesa.

Il comune di Anagni, secondo il Report 32/2022 del SNPA (Sistema Nazionale di Protezione Ambientale), ha subìto nel quadriennio 2018-2021 un incremento costante di consumo di suolo annuo pari a circa il 10% del territorio comunale, dato superiore sia della media della provincia di Frosinone (6.7%) che della media della Regione Lazio (8.1%).

Quali sono i programmi e le strategie che i candidati Sindaco intendono attuare per mettere un freno al consumo di suolo?

4. Rigenerazione Urbana

Quali sono le proposte dei candidati Sindaco per la rigenerazione urbana della città?

Nel 2018 osservammo che: “Il rilancio della città passa anche attraverso l’uso efficiente del territorio costruito: sono necessari processi di rigenerazione e di ricollocazione di funzioni urbane, ambientali e produttive negli spazi esistenti sottoutilizzati, non prescindendo dal risanamento delle aree dismesse. Occorre agevolare gli interventi di rigenerazione, che tengano in adeguata considerazione l’opportunità di sviluppare, insieme al reinsediamento, anche le funzioni connesse alla resilienza e al benessere urbano (aree e corridoi verdi, sistemi di drenaggio sostenibile, ripristino del reticolo e delle pertinenze idriche), sviluppando progetti supportati da adeguate ambizioni e competenze”.

Quali sono le proposte ed i progetti per abbattere l’inquinamento e le emissioni climalteranti, per promuovere l’efficienza energetica del patrimonio edilizio, privato e pubblico, per il miglioramento della sicurezza statica e sismica degli edifici, per la pedonalizzazione del centro storico, per la creazione di luoghi fruibili di socializzazione?

5. Qualità ecologica e ambientale del territorio comunale

Quali sono i progetti dei candidati per la valorizzazione del territorio comunale? Quali gli investimenti sul patrimonio naturale di Anagni?

Che progetti si hanno per il recupero e la valorizzazione dei patrimoni storici di “Castel San Giorgio”, “Villa Magna” e della “Badia”, del “Rutone” e dell’area archeologica di Osteria della Fontana, del sentiero naturalistico che dal centro storico porta a “Ju Rio” e alle “Marmitte dei Giganti”? Quale sarà il supporto che si pensa di fornire ai volontari che si occupano fattivamente dei beni comuni? Quale sarà il destino della “Ex Polveriera”? e quello della “Macchia di Anagni”?

6. Emergenza idrica.

Il clima che cambia ci mette di fronte alla necessità di mettere in campo azioni di adattamento alla scarsità idrica. A partire dal risanamento della rete di distribuzione comunale, quali azioni si intendono programmare per il recupero, riutilizzo e risparmio dell’acqua, per migliorare la gestione idrica, per efficientare la depurazione delle acque reflue urbane per consentirne il recupero come previsto dal regolamento UE 741/2020?

 

7. Uscire dalle emergenze territoriali

La bonifica del territorio compreso nel SIN “Bacino Del Fiume Sacco” stenta ad essere realizzata. Chiediamo alla prossima amministrazione di farsi parte attiva con la Regione Lazio e con il Governo Nazionale per valutare una visione sistemica e di insieme della Valle del Sacco, tenendo conto di tutti i diversi aspetti socio-economici ed ambientali, per restituire dignità ad un territorio penalizzato da troppi anni.

17/04/2023

    Registrazione a UNOeTRE.it

    Invito a registarsi per restare sempre aggiornato.

    Questo modulo utilizza Akismet, che non raccoglie più dati del necessario per proteggere il sito dallo spam.

     

    Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

     

    Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

     
    Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

     

    Sostieni UNOeTRE.it

     

    con una carta

    Sostieni il nostro lavoro

    UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

    La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

    Creative Commons License
    UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

     

    Contatori visitatori

    Clicky

    Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

    Avatar

    ByAutore/i esterno/i

    Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

    Privacy Policy Cookie Policy