fbpx

Il controcanto del Presidente Mattarella

Palazzo del QuirinalePalazzo del Quirinale Palazzo del Quirinale

Affermazioni di Mattarella palesemente in contrasto con la visione di lorsignori liberal liberisti

di Aldo Pirone

Mattarella 31dic18 460 min1
Sergio Mattarella Presidente della Repubblica

Prima sul 25 aprile celebrato a Cuneo, terra partigiana e antifascista per antonomasia, sabato sul primo maggio anticipato a Reggio Emilia in un discorso sul valore fondativo del lavoro nella nostra Costituzione.

Il Presidente Mattarella sembra dedito a cogliere ogni celebrazione di Feste civili nazionali fondative della nostra Repubblica per affermare una visione diversa e opposta da quella della premier Giorgia Meloni. Chissà cosa dirà il 2 giugno festa repubblicana per eccellenza, temono i post fascisti. 

L’altro ieri alcune affermazioni presidenziali erano palesemente in contrasto anche con la visione di lorsignori liberal liberisti che insieme al ministro leghista Giorgetti si crogiolavano nella crescita del Pil italiano. Una crescita che, come si sa, non vuol dire assolutamente nulla come indice del benessere italiano, basterebbe ricordarsi in proposito del discorso del marzo 1968 di quel pericoloso comunista bolscevico che fu Robert Kennedy.

Mattarella ha sottolineato che “La precarietà come sistema stride con le finalità di crescita e di sviluppo”. Cosa questa assai diffusa in Italia e che la Meloni ha esteso oggi nel suo decreto sul lavoro. Il Presidente ha invitato a respingere “l’idea che possa esistere il lavoro povero, la cui remunerazione non permette di condurre una esistenza decente” per cui, ha detto, “è necessario affermare con forza, invece, il carattere del lavoro come primo, elementare, modo costruttivo di redistribuzione del reddito prodotto”.

Con l’inflazione corrente che si mangia salari e pensioni, la considerazione presidenziale è un cazzotto in faccia alla destra e a lorsignori che predicano la “moderazione salariale”

Il discorso di Mattarella ha declinato in tutti i suoi elementi civili, nazionali, unitari e democratici il valore del lavoro dentro prospettive sempre più mutanti grazie a un’innovazione tecnologica vieppiù permanente.

Non è mancato anche un riferimento all’art. 37 della Costituzione sugli stessi diritti della donna lavoratrice, alla piaga degli infortuni sul lavoro, allo sfruttamento minorile e degli immigrati.

Centrale è stata la costatazione del Presidente circa la lontananza persistente, nonostante le conquiste fatte, fra i precetti della Costituzione e la realtà del mondo del lavoro e la situazione sociale dei lavoratori.

Un discorso completo, chiaro e giusto, alternativo alle pratiche del governo di Giorgia Meloni.

Però anche un discorso, come altri su altri argomenti fatti recentemente, che richiede che il Presidente non si limiti più solo alla moral suasion e faccia qualcosa di più quando deve firmare i decreti governativi della destra o le leggi che vanno in direzione opposta a quella propugnata dalla nostra Costituzione.

I suoi poteri presidenziali, si sa, non possono bloccarli; una volta rimandati alle Camere se tornano dal Presidente tal quali o con qualche modifica marginale, Mattarella deve controfirmarli. Ma rimandare alle Camere quei provvedimenti, almeno quelli più contrari agli articoli della Costituzione, accompagnandoli con messaggi motivati, sarebbe di grande aiuto al discorso pubblico sull’osservanza della nostra Carta fondamentale.

Della cui osservanza, non lo si dimentichi, il Presidente è garante.


Il discorso di Sergio Mattarella a ReggioEmilia

Cronache&Commenti su UNOeTRE.it

Aldo Pirone
Aldo Pirone

Aldo Pirone Link ai suoi articoli

Aldo Pirone. Giornalista. Vive a Roma. Redattore di Malacoda



 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Aldo Pirone

ByAldo Pirone

Aldo Pirone. Giornalista. Vive a Roma. Redattore di Malacoda

Privacy Policy Cookie Policy