fbpx

Chell che me ricordu di Bruno Ceroli

Angelino Loffredi

ByAngelino Loffredi

19 Maggio 2023 ,
La cascata di Isola del LiriLa cascata di Isola del LiriLa cascata di Isola del Liri

Comm’era Lisera ‘na vuota e chell che me ricordu je di Bruno Ceroli


di Angelino Loffredi

Con qualche anno di ritardo ho letto il bel libro scritto da Bruno Ceroli ” Comm’era Lìsera ‘na uòta i chéll che  me recòrde je. Viaggio nella mia memoria e in quella collettiva di Isola del Liri”.

Se in un primo momento il dialetto mi  appariva come ostacolo, una volta ben concentrato e deciso a comprendere il lavoro realizzato ho avuto la sensazione che è il dialetto stesso a nobilitare i pensieri riportati, a rendere  ancora più chiare le descrizioni e più vivace i dialoghi.
Da questa storia, ricostruita a più voci, viene fuori una affascinante Chanson de Geste per le esperienze riportate, per le genuine descrizioni di momenti fondamentali della vita, per la comunicazione e i ragionamenti  sempre diretti e immediati e, infine, per le speranze contenute e senza pretese.

L’unico sentimento assente è la rassegnazione, il ripiegamento intimistico.

Nel libro si mescolano saggiamente sentimenti e storia della città, vicende personali e familiari con lo sviluppo industriale e più in generale con il sapere tecnologico ed il ruolo stesso della classe lavoratrice. Si, è proprio il lavoro che unisce, amalgama, organizza la vita della città, rende le donne di Isola del Liri emancipate ed autonome.

L’impegnativa ricerca è riuscita a dare una risposta al fondamentale quesito: come  Isola del Liri sia divenuta capitale ed avanguardia del lavoro nel Lazio.

L’autore, infatti, ha saputo ben  unificare ed evidenziare lo sviluppo della città nel diciannovesimo e ventesimo secolo con l’utilizzo delle risorse idriche e delle nuove tecnologie e l’apparire sulla scena cittadina di uomini apparentemente modesti ma di grande talento e più in generale ha ben unificato il capitale industriale con il capitale umano.

Mi ha colpito il fatto che Bruno Ceroli eviti ogni agiografia ed ogni retorica sulle persone che hanno diretto il comune, anche se un particolare ma moderato riconoscimento lo riserva al sindaco Valente.

Sindaci come Di Piro, Fiorini, Sperduti, Bartolomucci, consiglieri provinciali come Pizzuti, Natalizio e Antonelli, il sindacalista Pantano sono presenti ma ben incastonati nell’insieme generale, quasi a confermare la coralità e l’epopea di una città.

La coralità, l’affermazione di una comunità coesa attorno ai propri valori  di solidarietà si evidenzia dalle interviste raccolte che non sono mai staccate una dall’altra ma sempre ben fuse e ben amalgamate nell’interno della ricerca.

Storie vive, cruciali e sentimenti costituiscono l’essenza della ricerca per farne un bellissimo libro, che procede sempre con uno stile asciutto ed essenziale, ben raccontato in oltre duecento pagine, corredate da 500 fotografie e duecento note esplicative. Tutto ciò è stato riportato con precisione, senza sbavature, per  assicurare  il senso compiuto ed  una eccezionale fonte storica da cui poter attingere a piene mani per studiare ed approfondire.

Reparto celere contro operai in lotta a Isolaliri 17 febbraio 1949
Reparto celere contro operai in lotta a Isolaliri 17 febbraio 1949

La postfazione di Eugenio Beranger “I fatti di Isola Liri del febbraio 1949” evidenzia un modo esemplare di fare ricerca storica che completa compiutamente il lavoro di Ceroli.

Essa è composta da oltre dodici pagine che raccolgono ricerche ed approfondimenti su giornali d’epoca, sempre accompagnate da note e commenti puntuali e rigorosi che uniscono e fondono la grande eccezionale solidarietà cittadina a fianco degli operai che le Meridionali voleva licenziare con  le tecniche, gli inganni della repressione scelbiana e le manipolazioni della ideologia dominante, quella cioè che indicava in ogni difesa del lavoro, ogni sussulto di dignità  come  atto preparatorio per il sovvertimento dello Stato ed alle sue leggi.

Un modo di pensare e una realtà non molti lontani dalle filosofie ancora dominanti.

Angelino Loffredi, www.edicolaciociara.it 28 settembre 2011

Loffredi.it

Ricordi su UNOeTRE.it

Testimonianze su UNOeTRE.it

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Angelino Loffredi

ByAngelino Loffredi

Angelino Loffredi: nato il 2 Luglio 1941 è stato collaboratore di Edicolaciociara.it dal 2000 e poi ha collaborato e collabora con UNOeTRE.it. Diplomato presso l'Istituto Superiore di Educazione Fisica del L'Aquila, è stato dirigente del Pci fino al suo scioglimento con i seguenti impegni nelle Istituzioni: Consigliere Provinciale dal 1970 al 1981, consigliere comunale a Ceccano dal 1970 al 1993, Sindaco di Ceccano dal 1981 al 1985.

Privacy Policy Cookie Policy