fbpx

La terra dove fioriscono i limoni

Michele Santulli

ByMichele Santulli

16 Luglio 2023
Salto di FondiSalto di FondiSalto di Fondi

Fondi come la vide Goethe e i suoi ricordi fino al degrado odierno


di Michele Santulli

Litografia di Fondi antica

Cittadina come tante altre. Pertanto un posto nella storia  conservato grazie alle riflessioni del grande poeta Goethe.

La cittadina di Fondi a dispetto del degrado ambientale e della cementificazione, male inguaribile  dell’Italia, è meritevole della più grande attenzione e rispetto a seguito delle considerazioni espresse da Goethe, il sommo poeta tedesco, in occasione del suo viaggio in Italia alla fine del 1700.

Anche trenta anni dopo il suo passaggio in questi luoghi, al momento di mettere su carta i ricordi e le memorie, ne rammentava l’atmosfera e i profumi e i colori nel chiuso del suo studio al primo piano della sua abitazione di Weimar: immaginiamo il poeta seduto al tavolo davanti alla finestra che dava sul giardino, forse nella solita giornata plumbea e piovosa della Turingia e che con la mente ritornava al suo mai dimenticato viaggio nell’Italia dell’epoca, l’evento a suo dire più memorabile della sua esistenza, e in particolare alla sua sosta  a Fondi  che ora, al momento della stesura, pur dopo tanti anni, assumeva  un sapore ancora più  dolce: è infatti in quei luoghi che immaginò la presenza di Mignon e del suo diletto, cioè il simbolo amato del Romanticismo tedesco ed europeo:  il luogo dove fioriscono i limoni e le arance dorate, dove si levano l’alloro e il mirto, dove lo zefiro spira dolce  …. Raccomandiamo la rilettura dei versi incantati e la magia dei luoghi pur se riferita a tanti anni passati.  

Questa cittadina nella pianura pontina ai piedi dei Monti Aurunci, solcata dalla antica Via Appia, affacciata sul Mar Tirreno,  a suo tempo città di confine tra Regno di Napoli e Stato della Chiesa, come la vicina Terracina stazioni di sosta sin dall’epoca romana per i viaggiatori diretti a Sud  o a Nord. Fondi si ricorda storicamente grazie alla presenza intrigante non solo seducente  di Giulia Gonzaga-Colonna:  donna  immortalata  dal pennello dei più grandi artisti dell’epoca  come Tiziano e altresì donna di lettere e di filosofia e soprattutto eccezionalmente proiettata verso il futuro e le nuove idee e concezioni che in quel momento sconvolgevano l’Europa e cioè la riforma protestante ad opera di Martin Lutero prima di tutto e poi di Giovanni Calvino e di altri riformatori, tanto che il papa di quegli anni per poco non la dichiarò eretica, ‘luterana’, con quanto di mortifero seguiva! E’ infatti lo stesso ferocissimo papa che plaudiva a Caterina dé Medici regina di Francia per il massacro dei protestanti Ugonotti del 1572 a Parigi nella notte di San Bartolomeo.

Nelle località montagnose sovrastanti,  Alberto Moravia  ambientò la vicenda della sua ‘Ciociara’ che ebbe quale risultanza il successo del romanzo e anche quello del nome ‘ciociara’ mai prima di allora assurto a tale fama. Anche il famoso film “Non c’è pace tra gli ulivi” decanta il carattere  ciociaro dei luoghi. Fondi si ricorda anche perché patria di due celebri personaggi del Novecento, del poeta e letterato Libero de Libero e di  Giuseppe de Santis  il regista di “Riso amaro” e del già menzionato  “Non c’è pace tra gli ulivi” .

Una posa dell'amico doi Goethe che lo accomoagnònel viaggio in Italia
Una posa dell’amico di Goethe che lo accompagnò nel viaggio in Italia

Partiti da Velletri  la mattina del 23 febbraio 1787,  Goethee il suo amico Tischbein  arrivarono a Fondi in serata dove pernottarono e non molto comodamente.  La mattina del 24 di buon’ora riprendono il viaggio: le poche ore trascorse nella zona di Fondi restano indelebili nella sua memoria e la nostalgia dei luoghi si conserva fino al momento della redazione del  Viaggio in Italia, pilastro della letteratura europea.  

Che cosa mai dovevano essere Fondi e il suo paesaggio in quegli anni: basterebbe chiudere gli occhi e sforzarsi di immaginare  cosa al posto di quell’agglomerato pauroso di ville e di villette e capannoni e palazzi e distributori di benzina, ecc. che oggi ne ricoprono gran parte del suolo in modo osceno e degradante:  selve di agrumeti e di piante mediterranee quali mirto e timo e alloro e  pini, e poi olive, viti, alberi  da frutta, a sinistra la vista dei Monti Aurunci ed Ausoni vellutati di verde, a destra Terracina e il mare di Ulisse e poi indimenticabili i profumi, gli aromi, i colori, le sensazioni, l’atmosfera, la fantasia che galoppa…Nel 1850 Ferdinand Gregorovius così scriveva: “La vista di questo quadro, uno dei più belli che l’Italia sicuramente possiede”.  E Goethe e Tischbein  continuano il tragitto attraverso  le montagne di Itri e poi la discesa  già verso il mare.

Il viaggio in Italia

Oggi tutto finito! Amministrata anzi disamministrata e vilipesa dai politici del luogo  che nessuna idea avevano, e hanno, del valore del paesaggio, dell’ambiente, della natura  cioè della bellezza, “gente zotica e vile”, perniciosa per il bene pubblico che solo capiva distruzione e cemento armato e allo stesso tempo promozione e valorizzazione spietata  del  consumismo che, peculiarità dei luoghi, troverà la sua  conferma e approvazione negli anni seguenti fino ad oggi. 

Certo è che Libero de Libero, orgoglioso di Fondi e della Ciociaria, ad un certo momento della sua esistenza non volle più metterci piede perché troppo offeso ed umiliato della degradazione dell’ambiente, parimenti a Domenico Purificato, altro figlio della cittadina. 


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Michele Santulli

ByMichele Santulli

Michele Santulli è ciociaro di Atina in Valcomino. Già insegnante nelle scuole superiori e temato in Germanistica alla Università di Pisa, poi, lasciata la scuola, antiquario per molti anni in Cassino. Ha raccolto neim suoi libri le proprie deduzioni ed osservazioni su aspetti e realtà eccezionali eppur sconosciuti della Terra di Ciociaria che marcano e contrassegnano la storia artistica e sociale dell’Europa Occidentale.

Privacy Policy Cookie Policy