fbpx

Picasso, Mancini e i saltimbanchi

Michele Santulli

ByMichele Santulli

2 Agosto 2023
Prevetariello di A. ManciniPrevetariello di A. ManciniPrevetariello di A. Mancini

Entrambi così autarchici e individualisti dal  punto di vista del loro lavoro


di Michele Santulli

A. Mancini. Luiggiello
A. Mancini. Luiggiello con uil violino

E’ motivo di curiosità mettere o vedere assieme due giganti della pittura quali Antonio Mancini e ancora di più Pablo Picasso: sono, in parte, contemporanei e Picasso a Parigi sicuramente ha visto o preso conoscenza, dei dipinti creati da Mancini sia quando a Parigi anni prima sia quando a Londra ai primissimi del 1900 e, per converso, anche Mancini ha conosciuto  e visto o sentito parlare delle opere di Picasso del primo periodo,  ai primissimi anni del 1900.

Entrambi così autarchici e individualisti dal  punto di vista del loro lavoro, che di nessuno  e di niente abbisognavano, se non di dare libero sfogo alle proprie intuizioni ed emozioni. Picasso dalla potenza creativa magmatica e onnicomprensiva che tutto assorbiva e metabolizzava quanto idoneo e pertinente alla propria sensibilità, Mancini al contrario limitato nello sguardo e nell’orizzonte ma, in cambio, tutto sé stesso, tutta anima e corpo, partecipazione totale al proprio soggetto.

Il Saltimbanco di A. Mancini
Il Saltimbanco di A. Mancini

E le prime opere di Antonio Mancini (1852-1930)  sono considerate le più tipiche e coinvolgenti, dipinte all’età di poco più di venti anni a Napoli nel 1870, poi a Parigi nel 1875 poi di nuovo nel 1877-78: Antonio Mancini  a Napoli sempre affamato e senza soldi coi suoi due altri amici disperati come lui ma come lui geniali e cioè Vincenzo Gemito e Pasquale Fosca: nati tutti e tre lo stesso anno, morti a un anno distanza l’uno dall’altro, prede dei loro ideali dove non poteva esserci spazio per compromessi e accomodamenti e mode e scopiazzature, tutti e tre chi più chi meno addirittura piombati per un periodo nella pazzia e demenza, perciò delle esistenze travagliate e tormentate, scontrose e riottose e spigolose e scostanti eppure geniali, come i prediletti degli dei: figli diretti e indiretti di quella “strana e divina cosa che è Napoli” che marchia in qualche modo le esistenze dei propri figli!  

Picasso, altra natura, padrone di sé, pur anche  lui in un  certo periodo preda della fame e della miseria, ma non precipitato negli abissi della emotività e della disperazione, perché sotto questo aspetto di altra natura e temperamento. E quindi ecco che nel 1905 all’incirca, tra periodo blu e periodo rosa, Picasso ha poco più di ventanni, realizza ‘Les Noces de Pierrette’, ‘Fillette à la corbeille fleurie’, ‘Le garçon à la pipe’ che raccomando caldissimamente di gustare in internet se non si conoscono; queste opere assieme ad altre del medesimo periodo, è da escludere che siano state realizzate, ad avviso di chi scrive, senza aver conosciuto quelle di Antonio Mancini degli anni che stiamo descrivendo intorno al 1870 in poi, dipinte a ventanni di età o poco più. Si obietterà: Picasso aveva tutto anche lui dentro di sé, una miniera, e non aveva bisogno di ispirazioni o di altro dall’esterno: è vero, epperò le convalide, le conferme, le testimonianze di un soggetto ad altro soggetto  assolvono e contribuiscono sempre al momento creativo.

A. Mancini, Prevateriello
Prevatariello di A. Mancini

E che cosa produsse Mancini in questo periodo, profondendovi la sua anima e la sua mente, tutto se stesso? I saltimbanchi prestigiosi, le immagini miracolose di Luiggiello,  al tavolo a studiare o a leggere o col messale sotto braccio o coi giornali in mano a venderli, o vestito da Pulcinella, o gli scugnizzi col tamburello e il violino, o col  salvadanaio o che legge … un mondo di sofferenza, di miseria, di abbandono e pure di vita che Mancini ci ha dato, tutto trascendendo e facendo diventare poesia e che Picasso nelle vetrine di Parigi o nei giornali o in qualche mostra ha visto o di cui gli hanno parlato i cari amici giornalisti e scrittori ben informati quali Apollinaire, Salmon, Iacob, Cocteau…E’ sicuro che ha conseguito odore e sapore dei saltimbanchi di trenta anni prima anche allorché ha visto o sentito parlare o letto, questa volta a lui contemporanei quei capolavori pur se dipinti in una differente temperie morale, che Mancini esponeva nella grandiosa personale a Earl’s Court a Londra nel 1904,  l’anno del trapasso di Picasso dal periodo blu al periodo rosa: d’accordo, nessuna ispirazione, ma quale insegnamento o testimonianza, della titanica forza e vigore di Mancini! 

Un filo unisce, lega il periodo blu della disperazione di Picasso alle tele di Mancini e anche quelle degli inizi del periodo rosa, della resurrezione dunque:  è arduo immaginare tali capolavori di Picasso  senza prima in qualche modo aver conosciuto da parte sua i saltimbanchi o gli studentelli o i vari Luiggiello e pulcinella di Antonio Mancini.

Che  la ormai sconfinata bibliografia picassiana si arricchisca quanto prima anche dello studio di questa pagina!       


Pablo Picasso

Antonio Mancini

Belle Arti su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Michele Santulli

ByMichele Santulli

Michele Santulli è ciociaro di Atina in Valcomino. Già insegnante nelle scuole superiori e temato in Germanistica alla Università di Pisa, poi, lasciata la scuola, antiquario per molti anni in Cassino. Ha raccolto neim suoi libri le proprie deduzioni ed osservazioni su aspetti e realtà eccezionali eppur sconosciuti della Terra di Ciociaria che marcano e contrassegnano la storia artistica e sociale dell’Europa Occidentale.

Privacy Policy Cookie Policy