fbpx

Biga Alata Frosinone: siamo al calice amaro

FilctemCgil-FemcaCisl-UilTecFilctemCgil-FemcaCisl-UilTecFilctemCgil-FemcaCisl-UilTec

Un altro famoso marchio dell’alta moda mondiale che muore sul territorio ciociaro


Rischiano 22 lavoratrici di alta professionalità

INDUSTRIA. Forte amarezza e disappunto per un altro famoso marchio dell’alta moda mondiale che muore sul territorio ciociaro. Un altro “strappo” al tessuto industriale della provincia di Frosinone.

Le segreterie territoriali di categoria FILCTEM CGIL, FEMCA CISL e UILTEC UIL rappresentate rispettivamente da Vincenzo Farina, Antonella Valeriani e Davide Favoriti, e Giuseppe Caccianini, chiedono un passo indietro ai vertici aziendali per salvaguardare le ventidue lavoratrici qualificate e altamente professionali della Biga Alata, azienda “satellite” della ex Michelangelo, che si occupa della produzione per un noto marchio nazionale e mondiale della moda con sede a Napoli, che sta per chiudere le porte in faccia alle sue dipendenti.

Motivi? Alti costi di gestione, danni pandemici ed altre giustificazioni che ai sindacati appaiono futili.

Giustificazioni che non reggono visto il forte valore aggiunto con la creazione di abiti e confezionamento di vestiario di alta moda che avevano in dote.

Una situazione inspiegabile ed ingiustificata decisione di mettere sul lastrico le 22 famiglie.

Secondo le informazioni il gruppo di questa notissima azienda di Napoli ha deciso di inviare alla Curatela Fallimentare della ex Michelangelo la disdetta del contratto di affitto del ramo di azienda. Il 27 agosto potrebbe essere la data in cui inizia il percorso di restituzione delle maestranze al Curatore Fallimentare.

“In questa circostanza – spiegano i sindacati – si potrebbero creare due condizioni: ricerca di un nuovo acquirente, attraverso bandi di manifestazione di interesse, oppure seguire la strada purtroppo della passività con la conseguenza del licenziamento collettivo, circostanza a cui le OO.SS. territoriali di Categoria, le RSA di stabilimento e tutte le lavoratrici non ci stanno!”.

“E’ un peccato – sottolinea il Segretario UILTEC Giuseppe Caccianini – che un’azienda così importante a livello nazionale e mondiale, che produce Made in Italy di altissima qualità stia chiudendo la sua attività satellite di Frosinone dove lavorano operatrici di altissima professionalità. Chiediamo l’intervento dei vertici aziendali affinché si possa scongiurare questa cessata attività, trovare soluzioni alternative per le lavoratrici oppure, in extrema ratio, ricorrere all’utilizzo degli ammortizzatori sociali”.

Pertanto verranno messi in campo tutti gli strumenti di salvaguardia occupazionale a disposizione per non disperdere quel patrimonio di conoscenza professionale di cui il territorio ha fortemente necessità.

F.to le OO. SS. Territoriali di categoria: Filctem Cgil – Femca Cisl – Uiltec Uil


Filctem Cgil

Femca Cisl

Uiltec Uil

Lotte e Vertenze su UNOeTRE.it

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Autore/i esterno/i

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy