Ceccano vuole parlare di futuro – 5

Avatar

ByAutore/i esterno/i

5 Settembre 2023
Ceccano. PanoramaCeccano. Panorama

Voglio soffermarmi su questioni che quotidianamente intercetto nel mio lavoro di sindacalista


di Guido Tomassi

Questo scritto di Angelino può dare un impulso importante alla imminente apertura della campagna elettorale.

Non sfugge l’analisi puntigliosa e per alcuni versi molto critica, della vita politica della sinistra ceccanese e non solo.

Non ha la presunzione di essere un’agenda futura, ma vorrei spronare verso una maggiore consapevolezza degli errori fatti.
Sicuramente per lui e quelli come lui, è forte la delusione degli ultimi risultati elettorali di Ceccano, per questo il confronto di stasera può essere l’inizio di un nuovo modello politico.

Cosa e come fare??

Dal mio punto di vista, “osservatore esterno”, noto molte similitudini con la situazione politica nazionale degli ultimi decenni.

Senza avventurarmi troppo sulla politica nazionale, voglio soffermarmi su questioni che quotidianamente intercetto, anche per il mio lavoro di sindacalista, nel nostro territorio.
Mio malgrado, anche il sindacato, seppur ancora molto radicato sul territorio, rischia di allontanarsi dai problemi reali della gente.

Le discussioni infinite non producono effetti positivi verso l’obbiettivo comune, ma alla lunga producono un effetto devastante, allontanano i cittadini dalla politica; quindi, dall’interesse generale e creano egoismi ed individualismo.

Mi spiego, pensare di affrontare una discussione convinti che le proprie ragioni siano le “uniche“ valide, ciò è quanto di peggio possa essere utile alla stessa discussione.

Sintetizzo, e a questo punto parlo per me, senza voler fare il professore.
Solo coinvolgendo i cittadini sulle scelte che si intendono perseguire e, soprattutto recuperare quel rapporto di fiducia che porti a credere che sostenendo questi progetti, queste posizioni, queste idee politiche e quindi questa coalizione, le cose possono cambiare…!!
La gente deve avere la consapevolezza che solo partecipando può avere la possibilità di migliorare la sua condizione di vita.

Credo che si possa invertire la rotta e quindi riportare al governo, in questo caso alla guida del comune, una coalizione di sinistra, figlia di un ragionamento comune, dove, appunto l’obiettivo è il benessere e la qualità della vita della comunità, non del singolo… sacrificare l’io e produrre il noi..!!

Questo significa fare tutti 1 passo indietro per farne tutti 2 in avanti.!!
Quindi migliorare la vita delle persone che si intende andare a rappresentare….
Se così è, diventa quasi secondario il candidato o il leader, che sicuramente deve aggiungere capacità di progettualità e carisma per coordinare le “differenze”
Le discussioni e le differenti opinioni devono tornare ad essere un arricchimento della proposta politica.

Pensare che scelte opposte alla volontà delle persone o peggio che non tengono conto delle loro esigenze, in questi anni sono state considerate irreversibili, ha lasciato intendere che questo era il corso delle cose. Tutto ciò ha prodotto sfiducia, allontanando la gente dalla comunità, sono cresciuti egoismi e la convinzione che “sono tutti uguali” e quindi che i problemi devo “risolvermeli da solo”.

A quel punto la gente non vota più, oppure vota il politico più populista del momento… (quello/a che l’ha spara meglio)

In realtà bisogna lavorare affinché i cittadini possano tornare a pensare che un mondo senza guerre, ecosostenibile, un lavoro con diritti e senza rischiare di morire, una sanità pubblica, in grado di offrire efficienza ed efficacia, siano ancora possibili.
Apriamo sedi di associazioni, di partiti, luoghi di aggregazioni, consentendo la partecipazione di tutti, soprattutto di giovani, per sviluppare confronti costruttivi sui già detti argomenti. Potrà essere un parziale rimedio a quell’egoismo di cui parlavo prima.
Si può fare. Questo è il mio augurio!!
Grazie

Guido Tomassi

Ceccano su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy