Collirio e cioccolato benefattori dell’arte

Michele Santulli

ByMichele Santulli

15 Settembre 2023
Barnes FoundatioBarnes FoundatioBarnes Foundatio

Le maggiori raccolte di opere d’arte al mondo, fino ad oggi, per qualità e quantità


di Michele Santulli

Questi due prodotti sono quelli che hanno consentito a due uomini, anzi a un uomo e a una coppia, di mettere assieme nel corso delle loro esistenze le maggiori raccolte di opere d’arte al mondo, fino ad oggi, per qualità e quantità: un farmaco per gli occhi e una delizia del palato hanno procacciato  i mezzi finanziari giganteschi  per  permettere  a questi personaggi la loro impresa e allo stesso tempo  assicurare  alla società un apporto cognitivo e culturale e estetico di primissimo significato. Lo spazio mi consente di ricordare solo i nomi e qualche dettaglio, sufficienti però per aprire  al cultore interessato la via dell’approfondimento: c’è da sbalordire e apprendere! E non tanto per le cifre spese o per le quantità di opere accumulate, quanto principalmente per  le finalità a fondamento del loro impegno,  contribuire all’acculturamento e quindi all’avanzamento della società: la bellezza in tutti i suoi aspetti e forme ne è, in effetti, la pietra miliare, da sempre, disponibile a tutti.

Il dr Albert Barnes  (1951) di Philadelphia, americano dunque, nei primi anni del Novecento, avviata e consolidata la sua piccola ditta di produzione di un farmaco per la vista da lui scoperto, iniziò i suoi viaggi marittimi a Parigi per cercare e comprare opere d’arte soprattutto degli Impressionisti.

Rammento delle cifre e dei nomi solamente per dare un’idea della qualità  e quantità dell’impegno del dr Barnes, senza tradurlo in valori di oggi! Era particolarmente innamorato di Renoir e acquistò nel corso di una decina d’anni 181 sue opere pittoriche cioè non disegni o stampe o altro e poi 70 opere pittoriche di Cézanne tra le quali il ciociarello di Atina col gilet rosso, 50 Soutine, 25 opere pittoriche di Matisse e decine di Picasso, di Modigliani, di Manet, di Courbet, di Van Gogh, di Seurat, tra cui dei capolavori unici e incredibili, oggi senza prezzo!! Anche significativi maestri antichi, Tintoretto, El Greco,  Rubens, ecc. e anche opere di artisti americani contemporanei e poi quantità di mobili americani del 1700 e  di utensili in ferro battuto quali  chiavi, battenti, decorazioni, ecc.

Verso gli anni ’40 fece costruire  un apposito museo per ospitare e esporre dovutamente quanto raccolto. E si torna all’origine, alla molla determinante della incredibile avventura:  le porte del museo venivano aperte solo a studenti, agli operai, a studiosi selezionati e basta.

Istituì una scuola per acculturare e insegnare, guidata e seguita dal più famoso pedagogista dell’epoca, John Dewey, talmente sentita da parte del dr Barnes la istanza dell’elevamento culturale ed estetico.

In effetti i cosiddetti benpensanti e acculturati concittadini dell‘epoca, deridevano e si beffavano del dr Barnes e delle opere accumulate e esposte: chi mai poteva apprezzare un Renoir o un Van Gogh o un Matisse!  Anche Bertrand Russell, Albert Einstein e altri grandi pensatori diedero il loro contributo e apporto all’impegno didattico e sociale del dr Barnes che si realizzò in multiformi iniziative: libri, cataloghi, periodici… Andando in America non si manchi una visita a questo crogiuolo di arte di Philadelphia, oggi aperto a tutti!

Il museo di Colonia

Uno dei musei creati da Peter e Irene Ludwig!

L’altro astro, anzi astri, li incontriamo ad Aquisgrana, la ancora città sacra della Germania: i coniugi Peter  (†1996) e Irene (†2010) Ludwig!! Entrambi forniti di cultura universitaria, lui  con due dottorati in economia  e storia dell’arte, entrambi con un solo autentico e vero interesse: l’arte, in tutte le sue manifestazioni, quale strumento di elevazione culturale e morale dell’uomo, come per il dr Barnes!

La fabbrica di prodotti di cioccolato della famiglia di lei, nelle loro mani gradualmente fu portata ad una dimensione e a un successo mai raggiunti prima per cui  Peter e Irene Ludwig potettero soddisfare le loro estese ricerche e acquisti senza limitazioni e preoccupazioni.

Gli specialisti citano una cifra riassuntiva inimmaginabile delle acquisizioni effettuate negli anni: quattordici mila pezzi! E solamente oggetti d’arte preziosi e opere pittoriche e scultoree  anche di decorazione (porcellane,  argenteria,…) di massima qualità: uno dei risultati è che la Sammlung Ludwig, la Collezione Ludwig, ha rifornito venti-trenta musei in tutto il mondo!

Il dr Barnes più sopra ricordato ha lasciato  una Fondazione a ricordo del suo passaggio in questo mondo,  i coniugi Ludwig hanno lasciato  veri e propri  musei al loro nome, almeno dieci, e altrettanti da loro forniti di opere di ogni secolo: musei strabilianti, veri e propri punti di riferimento per l’arte mondiale: il Museo Ludwig di Basilea per le opere d’arte antiche egiziane, ecc., poi il Museo Ludwig di Colonia per la Pop Art americana e altro, il  Museo Ludwig di Bamberga, quello di Aquisgrana, il Museo Ludwig di Lipsia per le porcellane e poi i Musei Ludwig a Pechino, a l’Avana, a  Budapest, a Vienna..….incredibile ed inaudito che cosa hanno dato alla umanità quest’uomo e questa donna, senza nulla chiedere o pretendere!

In verità non si è compreso ancora nemmeno elementarmente quanto i coniugi Ludwig hanno dato alla società! E se si va in Svizzera, non si manchi di visitare il Museo Ludwig di Basilea come pure, aggiungo, la Collezione Buehrle di Zurigo dove si può ammirare il ragazzo dal panciotto rosso di Cézanne  -il ciociarello di Atina-  come pure  la incredibile ciociara in stile cubista di Picasso. 

Se si pensa che oggi le ursule europee e nostrane e gli altri ometti ipocriti e pavidi europei, i guerrafondai della NATO, una vera mina vagante per la umanità, senza dimenticare il primo e più feroce aggressore da sempre, gli Stati Uniti, grazie alle loro forniture di armamenti  e finanziamenti stanno impunemente appezzentendo i propri popoli per accontentare le farneticazioni del loro beniamino Zelensky che a sua volta sta impunemente, ancora, distruggendo di più il paese, senza menzionare gli sbudellamenti della gente: di fronte a questo spettacolo nefando, impunito, sempre e ancora come sempre, allora si capisce pienamente, e se ne ha nostalgia grande, l’opera di questi tre personaggi, che hanno dedicato la loro vita e i loro soldi e la loro cultura solo per il miglioramento della società.


Barnes Foundation

Barnes Foundation da Wikipedia

Museo Ludwig di Colonia ed altri citati nell’articolo si possono trovare su internet

Belle Arti su UNOeTRE.it                                           


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Michele Santulli

ByMichele Santulli

Michele Santulli è ciociaro di Atina in Valcomino. Già insegnante nelle scuole superiori e temato in Germanistica alla Università di Pisa, poi, lasciata la scuola, antiquario per molti anni in Cassino. Ha raccolto neim suoi libri le proprie deduzioni ed osservazioni su aspetti e realtà eccezionali eppur sconosciuti della Terra di Ciociaria che marcano e contrassegnano la storia artistica e sociale dell’Europa Occidentale.

Privacy Policy Cookie Policy