Salute e vita, cosa le minaccia?

Difendiamo la Sanità pubblicaDifendiamo la Sanità pubblica

Un contributo per Ceccano 2030: “Le ultime dalla sanità”


di Angelino Loffredi

Ospedale di Ceccano
Ospedale di Ceccano che in molti vorrebbero riattivato

SALUTE. Sabato 23 settembre sulla Piazza del comune di Ceccano, alle 17,30 il Comitato Costruire Ceccano 2030 promuove una Conferenza programmatica aperta ad associazioni e cittadini. Sono stato sollecitato ad intervenire. Lo farò ma ancor più intendo far conoscere il mio pensiero anticipatamente, augurandomi che anche altri vogliano farlo.

L’iniziativa promossa da Ceccano 2030  è necessaria perché rompe l’immobilismo e la rassegnazione ed aiuta a costruire un reale progetto alternativo al nulla, all’improvvisazione ed alla prevaricazione che ancora oggi attanagliano la nostra cittadina.

Intendo contribuire a tale impegno corale evidenziando alcuni aspetti che minacciano la nostra vita e la nostra salute. Se le famiglie che hanno denunciato i propri redditi, infatti,  vanno ad analizzare alcuni dati noteranno che la spesa sanitaria sostenuta dalle famiglie stesse per acquisto medicine e visite mediche private è notevolmente aumentata rispetto agli anni precedenti. E’ un dato allarmante che dovrebbe far intervenire chi esercita una funzione pubblico. E’ un dato attraverso il quale si determinano le disuguaglianze perché contribuisce ad indebolire il tenore di vita di chi già possiede poco.

Inoltre risulta interessante tener conto di  alcuni dati statistici riportati sia dalla Fondazione Gimbe (organizzazione indipendente che promuove l’integrazione delle migliori evidenze scientifiche)  ..che dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ( OCSE) .

Ambedue le autorevoli organizzazioni ci dicono che mentre  nell’Unione Europea la spesa media per la sanità pubblica è pari al 7,1% del Pil in Italia si arriva al 6,8. il confronto con gli altri Paesi a noi più simili è davvero impietoso: in Germania sono al 10,9%, in Francia arrivano all’11,8.in Spagna al 7,8.

L’altro dato di cui tener conto riguarda il fatto che mentre gli altri Paesi hanno sostanzialmente mantenuto le risorse per i propri sistemi sanitari, da noi il declino è costante.

L’organizzazione Gimbe riporta “l’Italia tra i Paesi del G7 è stata sempre ultima per spesa pubblica pro-capite, ma se nel 2008 le differenze con gli altri Paesi erano modeste, con il costante e progressivo definanziamento pubblico degli ultimi 15 anni sono ormai divenute incolmabili. E se per fronteggiare la pandemia tutti i Paesi del G7 hanno aumentato la spesa pubblica pro-capite dal 2019 al 2022, l’Italia è penultima poco sopra il Giappone”.

Fra qualche settimana il governo dovrà presentare in Europa e al Parlamento la legge di Bilancio per il prossimo anno, e ha già ha fatto sapere di non avere risorse. Non solo: a leggere l’ultimo Documento di economia e finanza presentato a Camera e Senato la scorsa primavera, si sa che Meloni e i suoi ministri hanno deciso di ridurre ulteriormente il finanziamento per la sanità pubblica portandolo, entro il 2026, al 6,2% del Pil.

Da male in peggio ! Si tratta di un’ipotesi lesiva per tutti.

Al contrario è necessario che dalla prossima legge di bilancio e per i prossimi 10 anni venga assicurata la somma  di almeno 5 miliardi. Disponibilità necessaria per non mettere a rischio la tenuta del sistema sanitario e la salute dei cittadini.

I prioritari provvedimenti da prendere dovrebbero riguardare:

  • Nuove assunzioni di personale medico, infermieristico e paramedico.
  • L’aumento delle retribuzioni.
  • Riduzione dei tempi delle liste di attesa
  • Frenare il processo di privatizzazione
  • Avviare e potenziare i necessari servizi di prevenzione sul territorio.

A Ceccano è necessario, dunque,  verificare attentamente quanto avviene nell’interno della Casa della salute. Bisogna porre una oculata attenzione al funzionamento dei servizi, all’uso ed al rinnovo delle attrezzature, ai tempi riguardanti le prestazioni. Bisogna riconoscere, purtroppo, che attorno a tali decisive questioni l’impegno ad intervenire ed a mettere in evidenza i disservizi è stato finora inesistente. I cittadini sono abbandonati a subire un destino disastroso

In una Ceccano che guarda al futuro le iniziative che riguardano la nostra salute, forse la nostra stessa sopravvivenza, per chi intende esercitare un ruolo pubblico debbono essere messe al centro di ogni impegno di lotta per determinare un giusto cambiamento.

Ceccano, 20 Settembre 2023


Sanità pubblica in Costituzione

Sanità su UNOeTRE,it

Sanità inchieste Loffredi


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Angelino Loffredi

ByAngelino Loffredi

Angelino Loffredi: nato il 2 Luglio 1941 è stato collaboratore di Edicolaciociara.it dal 2000 e poi ha collaborato e collabora con UNOeTRE.it. Diplomato presso l'Istituto Superiore di Educazione Fisica del L'Aquila, è stato dirigente del Pci fino al suo scioglimento con i seguenti impegni nelle Istituzioni: Consigliere Provinciale dal 1970 al 1981, consigliere comunale a Ceccano dal 1970 al 1993, Sindaco di Ceccano dal 1981 al 1985.

Privacy Policy Cookie Policy