fbpx

Scuola, impresa e disciplina – 2

Banchi di scuolaBanchi di scuolaBanchi di scuola

Un’ottica neoliberista

Perché dunque sopprimerlo e non semplicemente affiancarlo con un nuovo indirizzo? “Credo che alla base di questa scelta ci sia l’idea di una scuola sempre più tarata sui bisogni dell’impresa e del mercato per cui gli studenti sono ‘materiale’ da addestrare al lavoro – commenta Graziamaria Pistorino, segretaria nazionale della Flc Cgil –.

È il frutto di un’ottica neoliberista che ignora completamente il fatto che la scuola pubblica deve, invece, educare cittadini consapevoli, aperti al dibattito critico anche rispetto al lavoro, mettendo invece al centro di tutto gli interessi del capitale. 

Perché dunque sopprimerlo e non semplicemente affiancarlo con un nuovo indirizzo? “Credo che alla base di questa scelta ci sia l’idea di una scuola sempre più tarata sui bisogni dell’impresa e del mercato per cui gli studenti sono ‘materiale’ da addestrare al lavoro – commenta Graziamaria Pistorino, segretaria nazionale della Flc Cgil –. È il frutto di un’ottica neoliberista che ignora completamente il fatto che la scuola pubblica deve, invece, educare cittadini consapevoli, aperti al dibattito critico anche rispetto al lavoro, mettendo invece al centro di tutto gli interessi del capitale”. 


da Collettiva

Diritto allo studio su UNOeTRE.it

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy