fbpx

A Franco Bernabè rispondono i tarantini

Taranto. Noi non dimentichiamo i complici del nostro genocidioTaranto. Noi non dimentichiamo i complici del nostro genocidioTaranto. Noi non dimentichiamo i complici del nostro genocidio

La Commissione per i Diritti Umani dell’ONU: Taranto è “zona di sacrificio umano”


di Associazione Genitori tarantini

Franco Bernabè
Franco Bernabè

Dottor Franco Bernabè,

anche a lei diciamo che le parole hanno un peso. E le sue parole, offensive e indegne, hanno ferito profondamente la comunità tarantina.

Durante l’audizione alla Camera dei deputati, lei ha dichiarato di voler dare merito alla comunità tarantina che ha sofferto enormemente per i problemi derivanti dall’insediamento dello stabilimento. Qui c’è una verità: i problemi derivano dall’insediamento dello stabilimento. Ergo, per azzerare i problemi bisogna eliminare lo stabilimento.

Ci preme, però, rimarcare il fatto che ha parlato al passato, come se i problemi facciano ormai parte dei libri di storia e non siano tuttora in atto. Questo tipo di propaganda ingannevole è inaccettabile.

Lei, però, si spinge ancora oltre dichiarando che la comunità tarantina responsabilmente ha accettato che l’idea del piano di decarbonizzazione si sviluppi su un arco i dieci anni. Forse il presidente della Regione e il sindaco di Taranto potranno averlo accettato.

Per quanto riguarda la comunità tarantina, vorremmo da lei sapere con chi ha parlato:

con i politici sempre proni ai voleri di Roma?

Con ex attivisti, in odore di falsità, corrotti dalla politica?

Con sindacalisti piagnoni che tifano per la riattivazione di Afo5, per un aumento della produzione a carbone, perché non osano immaginare un futuro diverso per lavoratori e cittadini?

Oppure ha parlato con le centinaia di tarantini costretti giornalmente a lunghe file in attesa della terapia antitumorale, nei corridoi dell’ospedale oncologico “Moscati”?

O con le decine di genitori che devono accompagnare i propri figli, ancora bambini o adolescenti, al reparto di oncoematologia pediatrica del Ss Annunziata?

O, ancora, con i tre o quattro tarantini che giornalmente ricevono la notizia di essere diventati 048, il codice che la sanità assegna ai malati accertati di tumore, andando a sommarsi ai più di dodicimila concittadini già affetti da patologie tumorali?

O con le migliaia di tarantini affetti da gravi patologie respiratorie, cardiovascolari, renali?

Con le centinaia di tarantini affetti da depressione?

O con le migliaia di tarantini con problemi alla tiroide?

O con le migliaia di giovani orfani di cittadini e lavoratori deceduti per cause correlabili alla produzione industriale?

O con le centinaia di proprietari di attività commerciali chiuse, con chi ha perso il posto di lavoro in agricoltura, allevamento, mitilicoltura e pesca?

O forse ne ha parlato con chi è costretto a partire da Taranto per non ammalarsi, per non mettere a rischio la salute dei propri figli o anche solo per trovare un lavoro?

Dottor Bernabè, è a questi tarantini che avrebbe dovuto chiedere lumi sulla tanto pubblicizzata e falsa decarbonizzazione. A questi tarantini avrebbe dovuto chiedere se i problemi creati dall’industria protetta dallo Stato appartengono al passato o fanno ancora drammaticamente parte del nostro presente e del nostro futuro.

Vorremmo anche soffermarci su un’altra frase dura da digerire.

Lei afferma che “lo stabilimento è tra i più ambientalizzati al mondo, ma senza decarbonizzazione arriveranno altri problemi finanziari”. E’ davvero un azzardo definire “ambientalizzato” uno stabilimento che emette nell’aria percentuali di benzene come mai in passato; che ha nuovamente sforato i termini concessi per il completamento dell’Aia, così da richiedere una nuova, ulteriore proroga; che ancora produce a carbone. Anche in questo caso, lei si cimenta in un esercizio di propaganda ingannevole insopportabile. A lei, però, interessano gli eventuali problemi finanziari, non la salute della comunità tarantina.

E’ di gennaio dell’anno scorso il rapporto della Commissione per i Diritti Umani dell’ONU che ha identificato Taranto come “zona di sacrificio umano”.

E’, questa, una vergognosa macchia indelebile per l’intera nazione italiana. E lei si permette di compiacere i deputati regalando loro le sole parole che avrebbero voluto sentire uscire dalla sua bocca?

Si vergogni, dottor Bernabè. E chieda scusa ai tarantini.

Associazione Genitori tarantini


Taranto inquinata

Genitori tarantini

Ambiente su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy