fbpx

Ricordo. 40 anni dopo (1983)

Avatar

ByIgnazio Mazzoli

26 Ottobre 2023 ,
Ricordo. Fortezze volanti Boeing B17Ricordo. Fortezze volanti Boeing B17Ricordo. Fortezze volanti Boeing B17

Un ricordo del 3 novembre 1043 quando ricorrevano i primi quarant’anni


di Angelino Loffredi

Ricordo  gli Aerei Apache
Ricordo gli Aerei Apache

RICORDO. Il 3 novembre ricorreranno ottanta anni dal bombardamento anglo americano che seminò nella città distruzione, terrore, dolore  e 18 vittime.

Con questo intervento voglio sostenere l’impegno della Pro Loco e di altre associazioni  che da settimane stanno promuovendo a tale riguardo positive iniziative, ricordando che la  prima attenzione promossa dal Comune di Ceccano per tale triste tragedia avvenne nel lontano 1983. Nella mattinata di domenica 30 ottobre, infatti, proprio in via San Pietro, avanti a tante persone commosse, l’Arciprete Antonio Piroli celebrò la messa, ponemmo una lapide ricordo¹ (qui sul lato destro) in quello che poi diverrà il “Giardino della memoria” e, come Sindaco, ricordai quei lontani avvenimenti con queste parole, compiendo, però, qualche errore:

Ricordo. La lapide
Ricordo. La lapide (nota 1)

Cittadini,

40 anni fa e precisamente il 3 novembre 1943 a mezzogiorno² dal cielo azzurro arrivarono le fortezze volanti americane.

In due ondate³ rovesciarono sul nostro paese tonnellate di bombe. Gran parte di questo quartiere venne distrutto. La chiesa di San Pietro che per secoli era stata un punto di riferimento spirituale della popolazione venne rasa al suolo⁴ In mezzo alle macerie fumanti e fra tante grida di dolore dei feriti alla fine si contarono 18 morti.

In quella tragica giornata i Ceccanesi conobbero veramente cosa fosse la guerra. Fino ad allora ne avevano solamente sentito parlare !. Sulla propria pelle conobbero che non era quella retoricamente descritta e propagandata. Era qualcosa di nuovo, imprevedibile e mostruoso.

Oggi il Consiglio Comunale di Ceccano vuole ricordare quell’evento accumunando alle vittime del 3 novembre anche le altre decedute successivamente, per un totale di circa cento.

Il Comune ha voluto che questa rievocazione fosse semplice ma significativa. Si svolge infatti proprio nel luogo dove i segni della distruzione sono ancora evidenti. In un posto ove ogni sasso, ogni arbusto, ogni rudere parla alle giovani generazioni ed ogni cosa che resta è da monito agli uomini di buona volontà.

Nel momento in cui con animo commosso rievochiamo il passato insieme con quella parte di popolazione che sulle proprie spalle porta le ferite della guerra vogliamo lanciare anche un segnale di speranza: l’opera avviata di ripristino, di risistemazione delle piazzette e delle viuzze non si fermerà, essa andrà ancora avanti. La dove una volta ci fu distruzione e morte vogliamo che la vita riprenda in condizioni umane e civili. Vogliamo che questa vita sia senza angoscia, e senza paure. Vogliamo che l’orizzonte non sia macchiato di turbamenti e di pericoli di una nuova guerra.  

L’altro giorno la Giunta comunale si è incontrata con i giovani di Ceccano promotori del “Comitato per la pace” i quali mi hanno chiesto sul significato della nostra iniziativa. A costoro, con molta sinteticità, ho detto che dopo quaranta anni un sindaco scopriva una lapide non solo per ricordare i morti ma anche per evitare che un altro sindaco fra 15 o 20 anni ne possa scoprire un’altra per ricordare altre morti, forse in un altro quartiere. A questa risposta ho avuto una ferma replica: non ci pensare- mi hanno detto- in caso di guerra non ci sarà nessun sindaco che ripeterà queste cose perché non rimarrà nessuno.

Confesso, cari concittadini, che queste affermazioni, questa freddezza mi hanno turbato. Sembrava cinismo ma invece è paura, è angoscia, è il male oscuro delle giovani generazioni.

Noi di una certa età ci rifiutiamo di credere che se ci sarà una nuova guerra essa sarà la fine del pianeta. Magari pensiamo che ci sarà un paese vincitore ed uno vinto. Pensiamo che dopo una guerra la vita possa riprendere come quaranta anni fa. Invece, purtroppo non sarà così. Quei giovani, venerdì avevano drammaticamente ragione perché una guerra nucleare sancirà la fine del pianeta Terra.

Proprio perché sarà cosi, nel ricordare i nostri morti vogliamo pensare anche ai vivi, provando a fermare la corsa agli armamenti.

In questi anni sono cresciute le componenti che sostengono la richiesta di una politica di pace. In questo periodo sono scesi in campo giovani, partiti, ordini religiosi, stati. Sempre più estesa è la voce di chi chiede di fermare la corsa alle armi nucleari, senza porre condizioni, ovvero senza se e senza ma.

Oggi i mali fondamentali del mondo ruotano attorno a due ingiustizie: l’accumulo delle armi, specialmente atomiche e lo scandaloso traffico degli armamenti. L’altra ingiustizia riguarda la distribuzione della ricchezza nel mondo. Le struttura esistenti così come sono organizzate fanno diventare i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri.

Chi oggi ha il potere e la forza per decidere le nostre sorti vogliamo che sappia, anche attraverso questa iniziativa, quale sia lo stato d’animo, le aspirazioni di tanti esseri umani.

2)-Secondo l’Arciprete Meniconzi, nella sua lettera al Vescovo del 6 novembre 1943 l’orario dell’incursione aerea fu alle 10,15
3)-Secondo l’Arciprete Meniconzi,  nella sua lettera al Vescovo del 6 novembre 1943, le ondate furono tre
4)-La chiesa di San Pietro il 3 novembre fu colpita parzialmente. Solo nel bombardamento del 21 maggio 1944 venne completamente rasa al suolo.
Ricordo

Loffredi e Dintorni

Loffredi su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByIgnazio Mazzoli

Nato nel 1943. Fondatore e direttore di UNOeTRE.it. Risiede a Veroli in provincia di Frosinone. Lazio. Italia.

Privacy Policy Cookie Policy