fbpx

Pace. L’assenza dell’internazionalismo

Pellizza da VolpedoPellizza da VolpedoPellizza da Volpedo

Il risultato è la subalternità e la negazione della umana solidarietà


di Aldo Pirone

Pace. Internazionalismo socialista. ©Archivio di Stato di Bologna
Pace. Internazionalismo socialista. ©Archivio di Stato di Bologna

PACE. Sabato scorso il Presidente Mattarella ha celebrato il 4 novembre. Giornata delle Forze Armate che trae origine dalla vittoria dell’Italia nella Grande guerra o anche detta Prima guerra mondiale.

Quella “inutile strage” come la chiamò Papa Benedetto XV – Lenin la definì uno “scontro tra briganti imperialisti”- la vincemmo grazie all’eroismo dei nostri fanti contadini che di quella guerra avrebbero volentieri fatto a meno e che nelle trincee sopportarono di tutto, anche l’incapacità dell’alto comando di Cadorna che a centinaia di migliaia li mandò a morire spesso inutilmente.

La pagammo cara quella vittoria con vent’anni di dittatura fascista che ci portò nella catastrofe della Seconda guerra mondiale perduta rovinosamente insieme alla Germania di Hitler di cui Mussolini era stato vassallo acquiescente in ogni ignominia, innanzitutto dell’Olocausto degli ebrei.

Ci riscattammo moralmente da quell’abisso grazie alla Resistenza e alla Guerra di liberazione nazionale contro fascisti e nazisti tedeschi che fecero dell’Italia una Repubblica e la dotarono di una Costituzione democratica e antifascista.

Se si guarda al mondo di oggi non si sfugge all’impressione che per certi versi si sia tornati all’epoca precedente la Grande guerra dominata dai nazionalismi imperialistici – oggi mascherati spesso sotto l’involucro degli integralismi religiosi – e dalle mire di dominio di grandi e piccole potenze. Dove anche le giuste istanze di giustizia avanzate da stati e nazioni per un mondo multipolare e multilaterale non sempre sono facilmente separabili da interessi di dominio nazionalistico.

Solo che allora in campo c’era anche il movimento operaio rappresentato dall’Internazionale socialista.

Vero è che di fronte alla guerra l’Internazionale socialista fallì risucchiata dal travolgente nazionalismo, mancando alla sua solenne promessa di due anni prima di scatenare lo sciopero generale contro la guerra. Tant’è che Rosa Luxemburg definì un “fetido cadavere” la socialdemocrazia tedesca che aveva votato il 4 agosto 1914 i crediti di guerra e che dell’Internazionale socialista era il partito più forte e prestigioso.

Pace. 9 tesi di internazionalismo oggi ©Jean-Michel basquiat olympics. effimera.
Pace. 9 tesi di internazionalismo oggi ©Jean-Michel basquiat olympics. effimera.

Poi, nonostante le divisioni nel movimento operaio europeo fra la seconda Internazionale, l’Internazionale 2 e mezzo, di ispirazione socialiste, e il Komintern comunista scaturito dalla Rivoluzione d’Ottobre, che favorirono non poco l’avvento del fascismo in Italia e del nazismo in Germania e la débâcle rinnovatasi, anche se in termini diversi, di fronte al secondo conflitto mondiale, il suddetto movimento operaio rimase un protagonista della scena internazionale divenendo un fattore importante per la vittoria della democrazia e della libertà contro il nazifascismo.

Oggi l’assenza di un punto di vista internazionalista è totale. Non solo del movimento operaio di origine socialista ma anche delle moderne sinistre progressiste.

Per curiosità ho cercato di capire la posizione dell’Internazionale socialista sul conflitto israelo – palestinese visitandone il sito web. L’ultimo comunicato, firmato da Pedro Sanchez che è Presidente dell’Internazionale, di cui fanno parte circa 150 partiti sparsi in tutto il mondo, è del 14 ottobre. Si condanna Hamas, s’invita Israele a rispettare i civili palestinesi di Gaza e si ripropongono i due stati. Dopo, più nulla.

Poi c’è il sito di Alleanza progressista, organizzazione creata nel 2023 per superare l’Internazionale socialista ed essere più coerente sul piano delle adesioni di organizzazioni non solo di origine socialista ma democratica nel mondo. Nata nel 2013 ne fanno parte 118 partiti e 28 organizzazioni associate. Qui il buio è pesto.

Manca del tutto un’elaborazione di un proprio punto di vista, e un’azione conseguente, della sinistra mondiale moderna e dei progressisti sul mondo attuale, dei suoi conflitti, contrasti e guerre fondato su tre esigenze: la pace, la cooperazione internazionale e la solidarietà con chi lotta per liberarsi da ogni tirannide, oppressione neocoloniale o soltanto nazionalistica e religioso-integralista.

Il risultato è la subalternità e la negazione dell’internazionalismo.

Pace. L’assenza dell’internazionalismo


Internazionalismo

Aldo Pirone

Aldo Pirone Link ai suoi articoli

Aldo Pirone. Giornalista. Vive a Roma. Redattore di Malacoda


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Aldo Pirone

ByAldo Pirone

Aldo Pirone. Giornalista. Vive a Roma. Redattore di Malacoda

Privacy Policy Cookie Policy