fbpx

Vittoria contro Fassa Bortolo

La protesta di Artena, Cori, GiulianelloLa protesta di Artena, Cori, GiulianelloLa protesta di Artena, Cori, Giulianello

Vittoria dei Comitati cittadini, TAR accoglie il loro ricorso

di Ina Camilli

Vittoria. Contro bruciatori di Fassa Bortolo
Vittoria. Contro bruciatori di Fassa Bortolo

VITTORIA. Il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) per il Lazio si è pronunciato ieri sul merito del ricorso per l’annullamento della determinazione regionale riguardante il provvedimento autorizzatorio unico regionale (PAUR) del «Progetto di ampliamento dello Stabilimento Fassa di Artena», comprese le determinazioni della Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e della Valutazione di Impatto Ambientale (VIA).

Il Tar ha ritenuto il ricorso fondato nel merito e, accogliendolo, ha annullato il provvedimento impugnato.

La decisione positiva era attesa ed auspicata dopo che lo scorso 25 ottobre il Tar aveva accolto le obiezioni sollevate con l’atto di intervento ad adiuvandum presentato dai comitati civici – Comitato Residenti Colleferro, Comitato Cittadini di Giulianello, Comitato Carventum, Cittadini di Rocca Massima e Comitato Cittadini di Lariano – in favore del Comune di Cori, ricorrente contro la Regione Lazio, il Comune di Artena e la Fassa Bortolo srl, rispetto alla illegittimità degli atti posti in essere nell’ambito del procedimento amministrativo regionale del PAUR.

Il Tar infatti aveva deciso, con provvedimento monocratico di urgenza di sospendere l’autorizzazione regionale, bloccando l’inizio dei lavori in attesa della decisione presa nella giornata di ieri.

Il Tar ha individuato nel parere tecnico di Arpa l’elemento critico dirimente, osservando che per la dispersione delle emissioni è stato utilizzato un modello di calcolo che non rispetta le distanze legali, necessarie per comprendere tutte le ricadute delle emissioni dovute all’esercizio dell’attività e che quindi era necessario un aggiornamento del relativo studio.

La Regione invece si è limitata a prendere atto delle integrazioni prodotte dalla società, senza tenere conto che al parere di Arpa doveva seguire un atto motivato e puntuale.

Il progetto di ampliamento prevede un nuovo forno di calcinazione a ciclo continuo da alimentare mediante combustione con rifiuti di legno e un nuovo impianto per la produzione di idrato di calcio. Forni di 32 metri – l’edificio più alto è di 60 metri – per un totale di 400 tonnellate al giorno, con 23 nuovi camini contro gli attuali 7.

Gli aspetti tecnici del progetto evidenziano la capacità dell’intervento di produrre un potenziale impatto sanitario ed ambientale, che colpisce e sacrifica una zona già fragile, ricompresa nel SIN valle del Sacco, dove la pessima qualità dell’aria e il forte inquinamento industriale per la salute degli abitanti e per l’economia agricola sono causa di costanti tensioni e preoccupazioni.

“Sono molti i motivi che ci hanno spinto a rivolgerci alla giustizia amministrativa, commenta Ina Camilli, rappresentante del Comitato residenti Colleferro, rappresentato e difeso dall’Avv. Vittorina Teofilatto.

Innanzitutto la vicinanza dei due Comuni, dove si registrerebbero ricadute negative sia per i fumi dei camini, sia per le polveri sottili dovute al traffico pesante verso il casello autostradale di Colleferro, adiacente al Monumento naturale Selva di Paliano e Mola di Piscoli.

In secondo luogo non è stato garantito un percorso realmente partecipato e condiviso con il territorio.

Terzo per solidarietà verso la realtà artenese per il prevalere in maniera aggressiva di interessi economici rispetto a quelli della salute umana e dell’ecosistema.”

Le comunità di Colleferro ed Artena hanno vissuto momenti terribili negli ultimi anni ed ogni occasione di condivisione e vicinanza su temi di rilevanza pubblica deve essere colta.

La Regione e i privati che intendono investire sul territorio devono farlo osservando la legge e devono “restituire” il potere di decidere del loro futuro ai cittadini, mentre, ancora una volta, il conflitto è stato deciso dalla magistratura e non dalla politica, molto spesso troppo vicina ad alcuni interessi per riuscire ad ascoltare la voce dei cittadini e farsi interprete dei loro bisogni.

Ha vinto il bisogno di legalità, il rispetto dell’ambiente e delle esigenze di tutti i cittadini, ben consapevoli che questa vittoria è solo un punto di partenza poiché la sentenza non è una decisione definitiva, ma può essere appellata avanti il Consiglio di Stato. Così come è possibile che la società presenti una nuova istanza, tenendo conto delle indicazioni della sentenza.

In ogni caso nel futuro saremo vigili rispetto ad eventuali forzature del procedimento da parte di chiunque.

Quella della valle del Sacco è una lunga storia di campagne civili, che forse non avranno mai fine.

*Ina Camilli, Rappresentante Comitato residenti Colleferro
Colleferro, 6.11.2023
Contrada Fontana degli Angeli 00034 Colleferro – Roma comitato.residenti@libero.it – cell. 3357663418

Vittoria contro Fassa Bortolo


La decisione del TAR

Ina Camilli 350 min
Ina Camilli

Ina Camilli su UNOeTRE.it

Mi sono laureata in scienze politiche con 110 e ho sempre avuto un interesse speciale per il sociale, ma ho lavorato molto dentro e fuori casa e non ho potuto finora dedicarmi ad altro. Sono in pensione, dopo 45 anni di servizio alla Camera dei deputati. Come consigliere parlamentare ultimamente mi ero occupata di progetti di formazione per studenti ed esterni. Tuttavia sono riuscita da più di 10 anni a dedicarmi al volontariato, partecipando attivamente ad aggregazioni civiche di cui curo le pagine fb, i comunicati, la documentazione, ecc. Ho anche partecipato da candidata consigliera e sindaca alle ultime due elezioni comunali di Colleferro, dove risiedo, con liste civiche non apparentate, senza risultare eletta. La mia passione è la natura dove mi piace fare sport. Questa attività richiede disciplina e costanza e praticarla mi impone un po’ di sacrificio per mancanza di tempo. Questo in breve il mio percorso di vita fin qui. Il seguito sarà meglio.

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByIgnazio Mazzoli

Nato nel 1943. Fondatore e direttore di UNOeTRE.it. Risiede a Veroli in provincia di Frosinone. Lazio. Italia.

Privacy Policy Cookie Policy