fbpx

Fotovoltaico non a danno di SIN e agricoltura

Avatar

ByAutore/i esterno/i

21 Dicembre 2023
FotovoltaicoFotovoltaicoFotovoltaico

di Associazioni varie*

Fotovoltaico. Impianto a Frosinone
Fotovoltaico. Impianto a Frosinone

FOTOVOLTAICO. Negli ultimi anni si stanno moltiplicando in tutto il paese i progetti per installare mega impianti fotovoltaici su terreni agricoli a medio-basso reddito, non si fanno ovviamente nelle aree pregiate, tipo le aree del Chianti, del Prosecco.

Tutto questo avviene senza una pianificazione strategica che, partendo dalla produzione dei pannelli e delle infrastrutture, definisca i criteri di collocazione degli impianti, salvaguardando gli equilibri territoriali, ambientali ed agricoli.

In questa situazione, sia pure in assenza di una strategia nazionale, noi chiediamo che si arrivi a definire una corretta politica di insediamento degli impianti fotovoltaici con il contributo delle istituzioni, delle associazioni economiche e professionali – in primo luogo quelle agricole- garantendo la partecipazione dei cittadini attraverso una informazione corretta, comprensibile e completa.

Nel frattempo siamo impegnati a contrastare l’assalto ai terreni agricoli, in particolare nell’area SIN ‘Bacino del fiume Sacco’, finalizzato ad insediare mega impianti fotovoltaici con pura logica speculativa.

Nel contesto di questa mancanza di strategia è partita l’aggressione ai terreni agricoli in area SIN, nel nostro caso nel SIN ‘Bacino del fiume Sacco’. 

Una iniziativa legislativa si è fatta carico di favorire questo tipo di interventi con un emendamento al decreto Governance e Semplificazioni del 2021, proposto dal deputato Mauro D’Attis che in una intervista dichiara: “La norma gioca su due fronti: uno che guarda alla transizione ecologica e l’altro al riutilizzo di aree ex agricole. Per quanto concerne il primo punto, favorire la realizzazione di impianti fotovoltaici concorre, chiaramente, a proseguire nel processo di transizione ecologica a cui il ministro Cingolani sta lavorando molto bene. 

(…) Per quanto riguarda, invece, il secondo punto, bisogna sottolineare che nel territorio italiano persistono delle aree che, ad oggi, non hanno una destinazione né un potenziale di utilizzo: ad esempio, le aree ex agricole su cui vige il divieto di coltivazione. Si tratta di superfici assolutamente improduttive, oltre che pericolose.” (https://www.affaritaliani.it/green/aree-sin-fotovoltaico-ok-al-mio-emendamento-al-dl-semplificazioni-750835.html )

È del tutto evidente che questo tipo di politica va contro il progetto di caratterizzazione e bonifica dell’area SIN, dei terreni agricoli in particolare, contribuendo alla devastazione ambientale poiché la bonifica e la ripresa delle attività agro-pastorali contribuiscono alla difesa dell’ambiente; non solo, molte aree in area SIN già oggi sono soggette a controllo periodico del prodotto coltivato, senza essere interdette.

Peraltro nella Valle del Sacco, come in altri territori, va ribadito, l’obiettivo di queste norme è quello di insediare impianti fotovoltaici a terra in aree agricole a basso reddito; in molti casi i contratti proposti -senza acquistare il terreno- nascondono poi i costi di smaltimento degli impianti a fine vita.

Come già avvenuto in altri settori, la mancanza di una strategia di lungo periodo favorisce le logiche speculative, potendosi avvalere di finanziamenti senza che sia esercitato un reale controllo.

La posta in gioco nella Valle del Sacco non riguarda solo i terreni su cui si vogliono insediare gli impianti, ma anche gli equilibri ambientali di un territorio che negli scorsi decenni è stato fortemente contaminato ed è caratterizzato da una urbanizzazione diffusa che ha impoverito fortemente la biodiversità, l’integrità e la complessità degli ecosistemi.

Le piccole e medie attività agricole, nel loro insieme, danno un contributo fondamentale per garantire il controllo del territorio -a partire da una corretta gestione del ciclo dei rifiuti e dei reflui urbani e industriali- e gli equilibri ambientali. La difesa del  nostro territorio si iscrive nel contesto nazionale caratterizzato da un crescente consumo di suolo ed impoverimento della sua fertilità, come descritto nel rapporto  2023 “La Salute del suolo italiano ai tempi della crisi climatica” della Re Soil Foundation” (https://resoilfoundation.org/eventi/presentazione-del-rapporto-salute-del-suolo/ ).

Valle del Sacco, 21.12.2023

Associazione Rete per la Tutela della Valle del Sacco (retuvasa), Comitato L’Avamposto della Valle del Sacco, Università Popolare di Veroli, Associazione Anagni Viva, Circolo Legambiente Anagni, CIA Agricoltori Italiani Frosinone, Agriturist Frosinone, Associazione Il Gallo Larino

 Re.Tu.Va.Sa.

Ambiente su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy