fbpx

I socialisti salutano Lellenzo Masi

Avatar

ByAutore/i esterno/i

4 Gennaio 2024
Ceccano Palazzo-del-MunicipioCeccano Palazzo-del-Municipio

di Francesca Ciotoli*

I socialisti salutano Lellenzo Masi
I socialisti salutano Lellenzo Masi

SOCIALISTI. «C’è Lellenzo»… e subito il salone -eternamente sigillato per preservarne la solennità della ricorrenza importante- diventava vivace teatro di aggiornamento, di scambio di opinioni, di ascolto reciproco, di progetti, di idee e di strategie nuove.

La politica per i Socialisti non è mai stata affare solo di Sezione, era affare di famiglia … per tutti: adulti, piccoli, anziani, casalinghe degli anni 80 o lavoratrici indomite. Nessuno doveva restarne escluso.

La politica socialista di quegli anni recava un requisito imprescindibile che stava proprio nel senso e nel valore pieno della “familiarità” con l’azione, con i temi e con l’idea: ognuno parte di un grande progetto e ognuno in grado di fare la sua parte; e proprio lì, proprio allora, la politica era un componente effettivo delle nostre famiglie.

È questa la prima immagine che si è materializzata nella mente stamani alla notizia della scomparsa di Lorenzo Masi, l’evocazione di una immagine chiara e distinta di infanzia prima, dell’adolescenza e infine della maturità.

Voci, tintinnio di bicchieri, concetti e fondamenti che vengono da lontano e che, attualissimi ancora domani, restano inondati di luce. La luce chiara e brillante delle belle giornate in cui, dall’apertura della tenda verso la finestra, potevi intravedere il futuro o l’idea condivisa che di esso si aveva e sapevi esattamente che comunque quel futuro disegnato nelle idee ti avrebbe riguardato.

E di quel mondo, sono arrivati a farsi spazio a poco a poco altri volti noti, impegnati, occasionali o sempre presenti, amici o no non è importante, del passato o del presente, Barletta, Spinelli, Bracaglia, Ciotoli e, non ultimo è arrivato il volto e l’allegria del mio caro amico Pietro Mattone che, del mondo di Lellenzo hanno raccolto e portato lontano, per molto tempo ancora, il testimone politico e in qualche misura anche quel “modo” tutto socialista di essere.

I socialisti salutano Lellenzo Masi
I socialisti salutano Lellenzo Masi

È questa un’idea e un fermo-immagine della politica per niente romantica o ideale, ma valoriale, concreta e che forse purtroppo appartiene ancora solo a quelli della mia età, o poco meno, e che testimonia un modello condiviso di pensare e di fare, per molti anni caratterizzante per la nostra città.

È ferma la convinzione di aver ricevuto – da compagni storici come Lorenzo Masi o dai tanti avvicendatisi negli anni o attualmente in prima linea come i compagni della Sezione PSI cittadina di Ceccano che nel socialismo della scuola pubblica, della sanità pubblica per tutti, dei servizi alla cittadinanza diffusi, dell’uguaglianza, della legalità, dello sviluppo vero e condiviso, dell’aperto e continuo dialogo con le forze politiche del territorio, hanno creduto e credono- se non un vero e proprio insegnamento, quanto meno la certezza che il miglioramento non rappresenti effimera chimera e che l’interesse, la serietà e l’entusiasmo siano le migliori frecce che dall’arco della politica si possano scoccare.

Anche per tutte queste stesse ragioni, la mia famiglia, quella grande, quella socialista, oggi si stringe nell’abbraccio ai familiari del compianto Lorenzo Masi, tributando a lui un saluto sentito, con lo sguardo ben rivolto avanti!

*Francesca Ciotoli, Presidente della Federazione Provinciale di PSI di Frosinone. Ceccano 04/01/2024: Comunicato stampa Federazione Provinciale PSI di Frosinone.

PSI Frosinone

Ceccano su UNOeTRE.it

Partiti su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy