fbpx

Ricordo e un saluto al caro Lorenzo Masi

Ceccano Palazzo-del-MunicipioCeccano Palazzo-del-Municipio

di Angelino Loffredi

Ricordo e un saluto al caro Lorenzo Masi
Ricordo e un saluto al caro Lorenzo Masi

RICORDO E SALUTO . Un caro amico, un caro compagno non è più fra noi.

Lellenzo Masi ha trascorso tutti i suoi anni  in buona salute e con una mente fino alla fine ancora eccezionalmente reattiva.

L’ho sentito l’ultima volta il giorno di Natale. Di lui tutti ricorderanno la simpatia, la socievolezza, il gusto della battuta sempre pronta ma in particolar modo l’autoironia, virtù mai presente fra chi svolge attività politica.

Si questa era l’originalità, o meglio l’unicità di Lellenzo, quella di sapersi prendere in giro. Era un modo per eliminare ogni tensione, per rasserenare gli animi e avvicinare le posizioni.

In queste ore dominate dai ricordi una domanda mi è stata fatta: quando hai conosciuto Lellenzo ?

Anche se qualcuno non mi crederà, debbo rispondere che il nostro primo incontro avvenne il 1 maggio del 1945. In una piazza piena di persone, contente e festose per la fine della guerra e la riacquistata libertà, piena di bandiere rosse e di bandiere bianche, con la banda comunale che suonava.

A Lellenzo mi venne indicato, ricordo ancora chi me lo chiese, di portare il giornale L’Unità. Lui lo prese accompagnandolo con un sorriso. Quel sorriso per me fu il  battesimo di un lungo, ininterrotto rapporto amicale.

Ieri visitandolo a casa sua per un saluto ho trovato una foto riguardante il lungo corteo che sfila per le vie cittadine in occasione della vittoria repubblicana nel Referendum del 1946. A capeggiarlo c’era lui, Lellenzo.

A proposito di Referendum un giornalista televisivo un anno fa doveva fare un servizio, si rivolse a me per avere un testimone di quelle giornate. Andammo nella sua abitazione. Fu molto chiaro nella esposizione, raccontò aneddoti che non conoscevo e dopo aver chiaramente dimostrato che aveva fatto la campagna elettorale, sorprendendo il giornalista concluse dicendo “Vedi che io non votai perché ero minorenne“.

Aveva infatti 17 anni. Da subito, dunque, Lellenzo è stato  Lellenzo.

Io voglio ricordarlo anche come amministratore. Noi siamo stati legati da un filo rosso che neanche nei momenti più aspri della diversità delle posizioni politiche  si è mai lacerato.

E’ stato un convinto socialista. Socialista da sempre e per sempre. Quando a metà degli anni novanta fra i suoi ex compagni di partito, si preferiva il trasformismo e la trasmigrazione verso altri partiti egli preferì ostinatamente rimanere legato alle sue convinzioni, alle sue lotte giovanili che ricordava in ogni occasione con tanto orgoglio e compiacimento.

Legato insomma alla tradizione ed al pensiero socialista. Senza ripensamenti.

Ricordo e saluto a Lorenzo Masi.
Ricordo e un saluto al caro Lorenzo Masi

E’ stato consigliere comunale di Ceccano per conto del PSI dal 1975 al 1990. Sindaco dal 1976 al 1977. Assessore dal 1981 al 1985.

Con lui ho collaborato e sostenuto con convinzione quando fece il sindaco. Ne fui ricambiato nel periodo successivo in cui fui  io a farlo, dal 1981 al 1985.

E’ stato un uomo di partito ma leale con tutti, critico ma propositivo, uomo che amava costruire, mediare e mai demolire. Nei confronti più impegnativi la sua diventava sempre una posizione centrale accompagnata,  perché accompagnata da saggezza ed equilibrio.

Non è mia intenzione riportare le opere,  i tanti servizi realizzati insieme. Sarebbe troppo lungo elencarli. Mi limito ad indicarne uno: far conoscere e mettere a disposizione gli atti a tutti non solo ai consiglieri ma anche ai cittadini. Affermare la trasparenza, dimostrare che il Comune era una casa di vetro.

Prima di terminare permettetemi di esternare alcun considerazioni  che ritengo essere importanti e significative ed in particolar modo doverose.

Premetto che in tutti questi anni non ho mai usato i termini onesto–disonesto, me ne guardo bene per non scadere nel  moralismo.

Per quattro anni quando ero sindaco e lui assessore, quando era un amministratore influente, abbiamo avviato lavori, abbiamo dato incarichi, affidato servizi, espletato concorsi, appaltato opere per miliardi di lire. C’era da farsi venire l’appetito, si poteva facilmente cadere in tentazione.

Eppure quest’uomo esperto e navigato che conosceva il potere, perché militava in un partito che era diventato di potere, mai si è permesso di spingermi a fare carte false.

Oggi mai come in questo momento mi sento di affermarlo con vigore e determinazione. Lo meritano i suoi figli  Laura e Pierpaolo, i parenti, gli amici ed i compagni che con lui hanno condiviso la sua esperienza.

Dovete, dobbiamo,  tutti essere orgogliosi di averlo avuto come punto di riferimento. La sua scomparsa è una grande perdita non solo per la sua famiglia ma per tutti coloro che lo hanno conosciuto, apprezzato e voluto bene.

Ceccano, 5 Gennaio 2024


PSI Frosinone

PSI

Partiti su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Angelino Loffredi

ByAngelino Loffredi

Angelino Loffredi: nato il 2 Luglio 1941 è stato collaboratore di Edicolaciociara.it dal 2000 e poi ha collaborato e collabora con UNOeTRE.it. Diplomato presso l'Istituto Superiore di Educazione Fisica del L'Aquila, è stato dirigente del Pci fino al suo scioglimento con i seguenti impegni nelle Istituzioni: Consigliere Provinciale dal 1970 al 1981, consigliere comunale a Ceccano dal 1970 al 1993, Sindaco di Ceccano dal 1981 al 1985.

Privacy Policy Cookie Policy