Luigi Centra…”non piangete per me”

Colori per l'arte...Colori per l'arte...

di Fausta L’Insognata Dumano

Luigi Centra..."non piangete per me"
Luigi Centra…”non piangete per me”

“Ho  predisposto questo mio ultimo viaggio“, scrive così  Luigi  Centra sulla sua bacheca, attraverso un limpido e luminoso cielo, lo vedo già come un miraggio. “Un poderoso e caldo sole ho chiesto a scaldare e confortare il vostro amato cuore…..Non piangete per me, sono ora beato tra le braccia del Signore”.

La notizia  della scomparsa di Luigi Centra si è diffusa  come un tam tam  nel mondo dei social e  come un tam tam è  arrivata al Parco del  Matusa a Frosinone  dove degli artisti  si erano dati appuntamento per l’inaugurazione delle nuove sculture.

Con la mente  vado al nostro ultimo incontro alla sua mostra ad  Anagni  alla casa  Barnekow per celebrare ”Sessanta anni di Pop Art. L’ultimo moicano della pop art americana,” un  Pollock del 2000 come lo definisce Argan. il critico  Sgarbi “l’arte di  Centra comunica il senso dell’esistenza remota presente e futura”.

Queste citazioni vengono dal suo sito in rete, Maschere a  Venezia, un acrilico su tela è stato donato al  Comune di  Frosinone  per la pinacoteca. Dallo scaffale della mia libreria  cade “The Legend story”  Monografia di un artista.

Le  sue opere sono esposte in tutto il mondo. I funerali si svolgeranno il prossimo 14 gennaio alle ore 15 all’ Abbazia di  Casamari.

Nel corso della sua vita ha collaborato a tante iniziative e ricerche a favore dell’umanità sull’energia pulita. Un senso di colpa – mi aveva telefonato per organizzare un premio dell’arte destinato ai giovani artisti, voleva organizzare questo premio insieme alla pittrice  Luciana  Lisi, ma io in questa nuova fase della vita ho dei ritmi “rallentati”, poi dopo mi lacero con i sensi  di colpa.

Luigi Centra…”non piangete per me”

La foto è stata presa dalla sua pagina di Facebook
*Fausta Dumano – Docente di Lettere, Liceo Artistico Statale “Bragaglia”-Frosinone

Luigi Centra

Belle Arti su UNOeTRE.it

Fausta Dumano su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Fausta L'Insognata Dumano

ByFausta L'Insognata Dumano

Fausta Dumano divenuta Fausta L'Insognata Dumano è laureata in lettere con tanti sogni nel cassetto. Giornalista, scrittrice, critica d'arte si è inciampata nella prima supplenza con il favoloso mondo degli studenti ed è rimasta intrappolata nel discount istruzione. Frequenta corsi di scrittura creativa, ha pubblicato alcuni libri di narrativa. Da sempre è impegnata nell'arcipelago della sinistra.Ambientalista nel dna, la mamma le parlava di difesa del verde, quando non era nell' agenda della politica tanto da creare la prima festa dell'albero ad Arpino negli anni 60. Impegnata nell'arte pubblica relazionale con artqube e 03100 (zerotremilacento) vive a Frosinone, per metà ciociara e per metà siciliana, cresciuta con due culture e stili di vita differenti... è fortemente convinta che la diversità sia un valore importante, per questo si impegna nelle associazioni che favoriscono l'integrazione. Ha insegnato nelle scuole operaie ai migranti, ai figli di un dio minore e in carcere. Perennemente innamorata dell'idea dell'amore, i capolavori indiscussi della sua creatività sono i suoi figli Venera e Matteo, che riescono sempre a strapparle un sorriso, anche quando tutti i pianeti si allineano contro.

Privacy Policy Cookie Policy