Strage di migranti, ti ricordi di Cutro?

Avatar

ByAutore/i esterno/i

26 Febbraio 2024
Strage di migranti a Cutro. Foto di Giovanni Isolino LaPresseStrage di migranti a Cutro. Foto di Giovanni Isolino LaPresse

Viaggio in Calabria a un anno dalla strage


di Carlo Ruggero da Collettiva.it

Strage di migranti, ti ricordi di Cutro? ©ASGI
Strage di migranti, ti ricordi di Cutro? ©ASGI

STRAGE. Nella notte tra il 25 e il 26 febbraio 2023 un caicco partito dalla Turchia carico di migranti s’arena su una secca a poche decine di metri dalla spiaggia di Steccato di Cutro, in provincia di Crotone.

L’impatto espone l’imbarcazione alla violenza delle onde del mare forza 5, che la rovesciano e la distruggono.

A soccorrere per primi i naufraghi sono due pescatori del luogo.

Nel buio più completo e al gelo della notte, i volontari e le forze dell’ordine salvano chi è ancora vivo, ed estraggono dall’acqua numerosi corpi senza vita. Il bilancio definitivo parla di 94 morti accertati, molti dei quali minori, oltre a un numero imprecisato di dispersi.

Il governo Meloni arriva in Calabria solo nel pomeriggio del 9 marzo, protetto da imponenti misure di sicurezza. Viene ricevuto a Cutro con tutti gli onori dalle autorità locali e dà vita a un consiglio dei ministri straordinario, in cui viene approvato un decreto legge che inasprisce le pene nei confronti dei trafficanti e rende più stringenti le norme sull’immigrazione.

Il cosiddetto “decreto Cutro”, in realtà, non affronta le cause che in questi anni hanno portato alla morte in mare di migliaia di persone. Prevede invece condizioni giuridiche peggiorative per coloro che arrivano in Italia, e aumenta le situazioni di irregolarità ed esclusione, anche di chi è già da tempo sul territorio nazionale.

Dopo il clamore mediatico di quei giorni, in ogni caso, a un anno dalla strage la Calabria appare ormai abbandonata a se stessa. È la frontiera meridionale dell’Unione europea, una delle regioni più povere d’Europa, ma si trova ad affrontare da sola un fenomeno di dimensioni spropositate.

“Il governo e l’Ue non ci sono. L’esecutivo Meloni ha addirittura usato quella tragedia per peggiorare le condizioni di chi arriva sulle nostre coste”, dice Celeste Logiacco, segretaria regionale della Cgil Calabrese.

La Cgil e la rete di associazioni che da anni si occupano di accoglienza sul territorio chiedono invece “politiche eque ed efficaci sull’immigrazione e sul diritto di migrare, canali legali di ingresso e corridoi umanitari. Perché le misure attuali non rispondono al bisogno di protezione internazionale”.

Intanto sulla spiaggia di Steccato di Cutro, restano ancora le tracce della tragedia del 26 febbraio 2023: scarpe, abiti, coperte. Addirittura alcuni dei sacchi bianchi in cui sono stati deposti i corpi delle vittime. 

Chi all’epoca si adoperò per dare una mano ai naufraghi torna lì, con un nodo stretto in gola. Non può far altro che osservare il mare, oggi calmo, e sperare di non dover più vivere un’esperienza come quella.  

26 febbraio 2024


MigrantiCutro

Migranti su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy