Un messaggio del Vescovo Ambrogio Spreafico

Assemblea con Vescovo Spreafico

Il grande valore civile di compassione e misericordia


di Pietro Alviti

Un messaggio del Vescovo Ambrogio Spreafico ©Ciociaria Oggi
Un messaggio del Vescovo Ambrogio Spreafico ©Ciociaria Oggi

MESSAGGIO. Secondo il vangelo, il giudizio finale sarà una domanda sull’amore verso i poveri: “Avevo fame e mi avete dato da mangiare, sete e mi avete dato da bere, ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi”.

La compassione e l’amore per i poveri comunque cambiano la vita, l’aria che respiriamo, i rapporti, rendono il mondo più umano e più in comunione. Non è anche questo un aspetto fondamentale di una convivenza civile e democratica?

Sono alcune delle parole che il vescovo Ambrogio Spreafico ha rivolto alle sue comunità nella meditazione per il periodo di Quaresima, domenica 25 febbraio a Tecchiena, evidenziando come il comportamento richiesto dall’insegnamento evangelico abbia un grande valore civile.

Partendo dall’azione compassionevole del samaritano che si cura del ferito abbandonato dai briganti, Spreafico dice: le nostre comunità dovrebbero chiedersi chi è quell’uomo per le nostre comunità.

Certo, c’è tanta povera gente, tante famiglie in difficoltà, ci sono gli immigrati, gli anziani soli o nelle RSA.

Non dovremmo tuttavia anche pensare ai ragazzi e ai giovani, spesso inascoltati, prigionieri dei social, facilmente disorientati e a volte depressi, in famiglie che sono pronti a difenderli quanto poco ad aiutarli? Ma noi li ascoltiamo? Cosa significa per loro far parte della famiglia che noi dovremmo essere?

Il vescovo ha posto alcune domande: Come riannodare il tessuto lacerato e rammentato delle nostre città? Come ritessere la tela dei rapporti nell’individualismo e nella solitudine crescente? Con quali basi si può proporre un modello sociale che dia una risposta vera e necessaria a un bisogno riconosciuto da tutti?

Il Vangelo offre delle risorse spirituali straordinarie perché germogli e cresca un vissuto di comunione e di fraternità che capovolga la freddezza e l’indifferenza delle nostre società. La Chiesa è chiamata a essere a testimone della comunione, come lo è stata sin dall’inizio, in un mondo globalizzato e spaesato dove le risorse economiche applicate ai servizi sociali aiutano a risolvere solo una parte del problema.

Gesù non considera che lui e i suoi discepoli debbano isolarsi dal mondo che li circonda. Non pensa per loro un percorso vitale guidato dal “miglioramento personale”, neppure dal punto di vista religioso.

Non li invita a fare lunghissime meditazioni pensando a se stessi e alla loro purificazione interiore.

Li invita a riconoscersi peccatori, cioè, a sapere che spesso si allontanano dal bene e dal vero, e propone loro di aprire il cuore alla misericordia, alla compassione dinanzi colui che è abbattuto oppure è stato calpestato, colui che ha perso la gioia o si chiude sterilmente in sé stesso.

Per Gesù, i discepoli devono imparare a vivere un tessuto di comunione, devono comunicare la gioia del Vangelo.

Potete trovare il testo completo del vescovo qui

Pietro Alviti su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Privacy Policy Cookie Policy