fbpx

I forni crematori sono insalubri

Frosinone panoramaFrosinone panoramaFrosinone panorama

La dr.ssa Teresa Petricca*, ha fatto mettere a verbale quanto di seguito:

I forni crematori sono insalubri ©casertasera.it
I forni crematori sono insalubri ©casertasera.it

FORNI CREMATORI. Il consiglio di stato in data 03/01/2022, con sentenza n.14, stabilisce che: “i forni crematori sono industrie insalubri di 1° classe” similmente agli inceneritori di rifiuti.

Non esistono, né sono descritti nella letteratura scientifica internazionale, forni crematori, o meglio, inceneritori esenti da emissioni, seppur in adozione di tutte le migliori possibili bat (tecniche operative finalizzate alla riduzione dei livelli emissivi degli impatti considerate maggiormente efficienti, sostenibili ed avanzate). incontrovertibile pertanto fino ad oggi la capacita’ emissiva dei forni crematori.

Per emissioni mi riferisco a sostanze tossiche quali: particolato fine ed ultrafine (pm10 e pm2,5); monossido di carbonio (co); ossidi di azoto e zolfo (nox, so2); composti organici volatili (cov); composti inorganici del cloro e del fluoro (hcl, hf); metalli pesanti; mercurio; zinco; diossine e furani (pcdd/pcdf) e idrocarburi policilici aromatici (ipa).

Contestualizzando la sede di insediamento di un inceneritore nel cimitero della città di Frosinone, considerate le note e certificate condizioni della qualità dell’aria presente (peggior città capoluogo d’italia per superamenti ammessi per le pm10 nell’anno 2023) l’ipotesi di un forno crematorio, puo’ iniziare in lontananza ad essere considerata, solo nel caso si riesca a reperire, a livello mondiale, un inceneritore ad emissioni zero.

Cosa in attuale, ripeto, ancora non descritta. qualora questa amministrazione rinvenisse un inceneritore a zero emissioni, andrebbero considerate altre evenienze fondamentali per l’ipotetica realizzazione.

Necessaria l’assenza completa di abitazioni, entro i duecento metri dall’impianto crematorio. la norma del rispetto della distanza dell’inceneritore dalle abitazioni e’ chiara, perentoria ed inequivocabile, non certo per salvaguadia dei manufatti in cemento, dei laterizi e quant’altri materiali tipici delle costruzioni, ma per la salute di coloro che, inevitabilmente e incontestabilmente, abitano tali case siano esse ufficializzate o non regolarizzate.

Se mai questa amministrazione dovesse realizzare una fascia di salvaguardia di 200 metri dall’inceneritore, abolendo le abitazioni per la realizzazione del forno crematorio, anche in presenza della fascia di rispetto, andrà considerato l’incremento del traffico veicolare, con il relativo aumento delle emissioni in atmosfera da parte dei carri funebri necessari per l’andirivieni delle salme da territori esterni alla città.

A riguardo delle emissioni di polveri sottili quali pm10 e pm2,5 significo che dalla letteratura scientifica è ormai acclarato e comunemente accettato, quale dato di realta’, come ad ogni aumento di concentrazione del particolato corrisponda un aumento previsto del numero di morti oltre l’atteso, nonche’ dell’incidenza di malattie relate all’inquinamento.

Ampiamente documentato che gli effetti sanitari del particolato aumentino in misura proporzionale alla sua concentrazione atmosferica, anche per variazioni minime.

Inoltre, non esiste una soglia minima sotto la quale il particolato sia innocuo per la salute umana e qualunque concentrazione atmosferica addizionale rispetto alla situazione “ante operam”, puo’ avere effetti a breve e lungo termine sulla salute.

il particolato costituisce, inoltre, un rischio crescente per la salute in misura inversamente proporzionale al diametro delle particelle e i forni, in analogia con altri impianti in cui si raggiungono temperature elevatissime, emettono proprio le frazioni di particolato con granulometria più fine (particolato ultrafine), le piu’ pericolose.

Ritengo, pertanto, che ogni atto decisionale in questa materia debba tener in debito conto di questi aspetti, prima perché le responsabilità ricadono in generale su tutti gli amministratori, ma in particolare ricadono sul sindaco quale primo responsabile della salute di tutti i cittadini.

Tali attenzioni dovranno essere ancora piu’ puntuali e pressanti, considerato il rischio di “class action” risarcitoria a cui si e’ esposti per i pluriennali sforamenti da pm10 e che decisioni improvvide, principalmente di ordine economico, potrebbero aggravare.

Stante quanto sopra affermato, risulta perfettamente inutile qualsiasi richiesta di valutazione di ordine tecnico vista l’incontestabilita’ dell’inesistenza di un forno ad emissione zero e di una citta’ ad alta pressione ambientale.

Né è ammissibile un impegno di spesa per conoscere il già ampiamente noto. riguardo la tesi di danno erariale per mancato recupero di opere in disuso ed abbandonate da decenni, ritengo che tra un improbabile rischio amministrativo, facilmente disinnescabile e le evidenze scientifiche di morti e malattie certe, la scelta debba essere la vita e la salute.

La Dr.ssa Petricca ha chiesto poi che il Sindaco Mastrangeli, in qualità di Presidente della conferenza dei sindaci, attivi, nell’immediato, le istituzioni responsabili all’ottenimento di un piano epidemiologico provinciale, con attenzionamento in particolare ed in primis, per i comuni di Frosinone e San Vittore.

*Dott.ssa Teresa etricca – membro Commissione ambiente – Presidente Commissione Sanità del Comune di Frosinone

Frosinone capoluogo

Capoluogo su UNOeTRE.it

Ambiente su UNOeTRE.it


 

Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all’aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it – Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

Pagare con una carta

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s’impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest’articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l’autore. E’ vietato il “copia e incolla” del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l’articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l’insieme della pubblicazione. L’utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy