La prima firma per liberare il lavoro

Lotta per i dirittiLotta per i diritti

Iniziata la mobilitazione per arrivare ai 4 referendum


Redazione di Collettiva.it

La prima firma per liberare il lavoro
La prima firma per liberare il lavoro

LA PRIMA FIRMA A Casa Cervi, nel giorno della Liberazione, Landini dà ufficialmente il via alla campagna referendaria su quattro quesiti promossi dalla Cgil

La prima firma è stata quella di Maurizio Landini. E lo ha fatto a Casa Cervi di Gattatico (Reggio Emilia), il 25 aprile. In un luogo simbolo della Resistenza, il segretario generale della Cgil ha dato così il via alla raccolta firme per i quattro referendum popolari promossi dal sindacato.

“Farlo qui, oggi, é indicativo, oggi è la giornata della libertà, della democrazia e una persona che lavora, per essere libera, non deve essere precaria”, ha detto Landini. “Un lavoratore – ha continuato – deve avere tutti quei diritti sanciti dalla Costituzione e che siano applicati. Avere cioè una retribuzione dignitosa, il diritto alla salute, all’istruzione. Oggi non è così: c’è troppa precarietà, i salari sono bassi, in realtà sei povero anche lavorando e addirittura si muore sul lavoro perché c’è un funzionamento delle imprese balorde costruite su appalto, subappalto e logica della precarietà”.

25 aprile, liberiamo il lavoro

Nel giorno della Liberazione parte la raccolta di firme per i 4 referendum promossi dalla Cgil: per un lavoro stabile, dignitoso, tutelato e sicuro  

“Noi vogliamo dire basta – ha aggiunto – e i referendum indicano la possibilità per i cittadini di partecipare per cambiare la condizione di lavoro e di vita ed è una battaglia che vale per tutto il Paese. La nostra è una battaglia per la crescita e il futuro di questo Paese e si rivolge ai giovani e alle donne, i più penalizzati da questa precarietà. Vogliamo aprire una discussione vera per cambiare il modello sociale ed economico che si è affermato in questi anni”.

I QUESITI

quesiti, come detto, sono quattro. I primi due sui licenziamenti, uno sul superamento del contratto a tutele crescenti e l’altro sull’indennizzo nelle piccole imprese, previsti dal Jobs act. Il terzo riguarda invece la reintroduzione delle causali per i contratti a termine, in questo caso il riferimento legislativo è ad una delega del Jobs act ma anche alla norma introdotta dal governo Meloni che lascia alle parti individuali la possibilità di indicare esigenze di natura tecnica, organizzativa o produttiva. Il quarto è infine relativo agli appalti, sulla responsabilità del committente sugli infortuni. 

25 aprile 2024


Referendum 2025

Lotte e Vertenze su UNOeTRE.it


Privacy Policy Cookie Policy
Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Avatar

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy