Ucraina. Un’escalation folle

Aldo Pirone

ByAldo Pirone

31 Maggio 2024 , ,
Conferenza annunciata per pace in Ucraina . Per ora prevalgono gli assenti!Conferenza annunciata per pace in Ucraina . Per ora prevalgono gli assenti!

La conferenza di pace annunciata da Zelenskij è una burla viste le assenze


di Aldo Pirone

Ucraina. Un'escalation folle. La Conferenza stampa di presentazione in Svizzera
Ucraina. Un’escalation folle. La Conferenza stampa di presentazione in Svizzera

UCRAINA Non sono un esperto di tecniche militari ma la mia esperienza vissuta in oltre sessant’anni di battaglie internazionaliste qualcosa mi ha insegnato e può essere utile ancora oggi in un mondo totalmente cambiato dove la cifra dominante sono gli imperialismi e i nazionalismi di grandi e medie potenze.

Quando sostenevamo il Vietnam

Ho passato la mia gioventù a solidarizzare con il Vietnam contro l’aggressione americana. Il gruppo dirigente vietnamita diretto da Ho Chi Min poi dal successore Le Duan e dal generale Giap loro braccio militare è stato di una lungimiranza e fermezza politica con amici e nemici che non ho più ritrovato nei gruppi dirigenti che hanno guidato popoli e Stati ad affermare la propria indipendenza e sovranità.

Il discorso su quella guerra sarebbe lungo per rimarcarne sia le differenze che le similitudini con quella di oggi in Ucraina contro l’aggressione di Putin.

Ma una cosa balza agli occhi davanti alla dissennata discussione dentro e fuori la Nato e all’interno dei singoli Stati che ne fanno parte di attaccare i siti russi da dove partono i missili aggressori: i vietnamiti basarono la loro strategia sulla resistenza ai bombardamenti che da un certo punto in poi, febbraio 1965, gli americani fecero quotidianamente sullo Stato sovrano del Nord Vietnam con i loro B52 che partivano dalla base militare di Guam.

Non si posero mai il problema di lanciare missili, che l’Urss gli forniva come difesa dai bombardieri statunitensi, per attaccare i siti Usa nel Pacifico da dove quei bombardieri partivano.

Il fallimento della strategia militare e politica angloamericana

La strategia militare di Ho Chi Min, di Le Duan e di Giap fu sempre subordinata alla politica che alla fine la ebbe vinta contro l’aggressione Usa sebbene fossero una superpotenza nucleare.

La discussione drammatica oggi in corso dentro la Nato e dentro i paesi europei è frutto del fallimento della strategia militare e politica angloamericana in risposta all’aggressione di Putin.

E precisamente nell’aver utilizzato la guerra in Ucraina e la sacrosanta resistenza militare del suo popolo per altri scopi che non erano quelli di aiutare un popolo aggredito ma di sfruttarne la resistenza per indebolire e logorare il regime dell’autocrate russo secondo criteri geopolitici.

La colpa di Zelenskij è di non aver resistito a questa strategia ma di averla condivisa attivamente fino a parlare di vittoria militare sul campo fra molti dubbi dei suoi generali e quelli espressi con chiarezza dall’ex capo di Stato maggiore americano Mark Milley.

Il fallimento di questa strategia – in continuità con la precedente espansione della Nato portato fino “ad abbaiare” alle porte della Russia favorendo la ripresa del nazionalismo imperialistico russo – è palese.

E oggi presenta il conto di una nuova escalation militare con rischi evidenti di scontro generalizzato e nucleare. L’Europa con i suoi silenzi e i suoi accodamenti alla strategia angloamericana ha una responsabilità politica e morale enorme.

La conferenza di pace annunciata per giugno da Zelenskij in Svizzera è una burla.

Non ci sarà la Russia, non ci sarà la Cina e, forse, non ci sarà Biden anche se manderà presumibilmente il povero Blinken a rappresentare gli Usa.

Una Conferenza di pace senza tutti i contendenti in campo è pura propaganda. L’unica cosa che sarebbe necessaria, e auspicabile, è che l’Europa la sfruttasse per uscire dal suo letargo biennale con una seria proposta per una “pace giusta”.

Ma viste le cose come stanno e le elezioni dell’europarlamento in corso non c’è da sperare.


La Conferenza di pace di Zelenskij 1

La Conferenza di Pace di Zelenskij 2

Aldo Pirone

Aldo Pirone Link ai suoi articoli

Aldo Pirone. Giornalista. Vive a Roma. Redattore di Malacoda


Privacy Policy Cookie Policy
Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Privacy Policy Cookie Policy