fbpx

Satnam Singh è morto anche per colpa nostra

Satnam Singh il bracciante morto a Latina ©Il Fatto quotidianoSatnam Singh il bracciante morto a Latina ©Il Fatto quotidiano

Fare rete e contrastare lo schiavismo


di Diego Protani

Satnam Singh è morto anche per colpa nostra
Satnam Singh è morto anche per colpa nostra. Omizzolo a Ceccano

SATNAM SINGH il bracciante morto a Latina dopo un incidente sul lavoro e poi scaricato dal proprio padrone davanti casa con il braccio tranciato messo dentro una cassetta dobbiamo averlo tutti sulla coscienza.

Sono decenni che siamo a conoscenza di quello che succede nell’agro pontino, non  possiamo gridare allo scandalo solo perchè questo dramma ci ha turbato un pò di più del solito. Perchè sappiamo benissimo che a pochi km da noi esiste lo schiavismo.

Sappiamo le condizioni inumane dei braccianti  extracomomunitari sfruttati da “imprenditori” senza cuore. Sappiamo benissimo che la frutta e la verdura che abbiamo sulle nostre tavole sono intrise del sangue dei braccianti.  Negarlo è da ipocriti.

Da anni sappiamo

La storia di Satnam Singh è soltanto la punta dell’iceberg, perchè Marco Omizzolo da anni racconta ciò che accade in territorio pontino. Lo fa con articoli sui giornali, lo fa scrivendo  dei libri. Braccianti dopati per sentire meno le fatiche del lavoro, presi a bastonate se chiedono i diritti.

E questo succede grazie alla complicità delle istituzioni che spesso guardano altrove e dal silenzio della politica. Che se parla si rende anche ridicola, Nicola Procaccini di Fratelli d’Italia accusò in un post sui social  Marco Omizzolo di discriminare il territorio del sud pontino.

In questi anni più recenti abbiamo avuto l’onore di ospitare a Ceccano per due volte Omizzolo, nel nostro piccolo non ci siamo voltati. Ci abbiamo messo la faccia, ma non basta.

Bisogna fare di più. Dobbiamo coinvolgere tutti i partiti che rispettano la costituzione con i fatti e non a parole, dobbiamo coinvolgere la società civile. Fare rete e contrastare lo schiavismo dei braccianti. E’ l’unico modo per non essere complici .

Perchè se Satnam Singh è morto dobbiamo ammettere che la colpa è di tutti. E’ colpa anche nostra.

Comunità indiana di Latina sarà tutta in piazza ©Latina Corriere
Comunità indiana di Latina sarà tutta in piazza ©Latina Corriere

E’ vera schiavitù

Diritti del lavoro e dei lavoratori

Lavoro e sangue


Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni
Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Diego Protani

ByDiego Protani

Diego Protani è un operatore dell'informazione, cultore di Cinema e Teatro. grande lettore di Libri.

Privacy Policy Cookie Policy