fbpx

Ceccano. Anni ’90: sembrava impossibile, ma…

Autore/i esterno/i

ByAutore/i esterno/i

26 Giugno 2024
Ceccano panoramaCeccano panorama

Certe situazioni possono tramutarsi in vittoria


di Maurizio Cerroni

Ceccano. Anni ’90: sembrava impossibile, ma… m.cerroni 390 min
Ceccano. Anni ’90: sembrava impossibile, ma…*

CECCANO. Il 26 giugno 1994. Superiamo gli 8550 voti.

Finalmente, è il momento della gioia per la vittoria, condivisa con tutta la coalizione. Piazza 25 luglio è strapiena di persone, ricordo quasi di volare preso tra le braccia di tanti Ceccanesi.

Sono istanti indimenticabili e ancora oggi ringrazio la città per la tanta fiducia che mi ha riservato. Vengo eletto Sindaco a soli 37 anni e sono il primo Sindaco di Ceccano eletto direttamente dal popolo.

La destra era galvanizzata dalla recente vittoria alle politiche del 27 marzo 1994, e nei mesi che mancavano alle amministrative il tempo a disposizione era poco e la strada davanti a me tutta in salita.

Dopo qualche giorno avevo iniziato a tessere la ragnatela per mettere in piedi la coalizione. In vista delle amministrative, la Federazione provinciale del PDS (Segretario Francesco De Angelis, Arcangelo Spaziani) mi aveva dato anche delle indicazioni a livello personale, raccomandandomi di cambiare il mio abbigliamento, perché ritenuto troppo sportivo per un candidato a Sindaco.

La coalizione

Il lavoro politico di quei giorni aveva portato alla formazione di una coalizione, unita da un solido programma amministrativo, e costituita da quello che era il mio partito, il PDS, che annoverava tra le sue fila molte persone ben radicate sul territorio, da una lista socialista di Antonio Ciotoli e Angelo Ciotoli, da un’altra lista di area socialista con Matteo Maura e Pasqualino Vicheni, dalla lista civica guidata da Giovanni Montoni, Insieme per Ceccano, dalla lista di Rifondazione Comunista di Marcello Tucci.

Cerroni 1 90 350 min
Cerroni eletto Sindaco direttamente dal popolo a soli 37 anni eletto*

Uno dei primi atti a cui sono chiamato come Sindaco, è stato quello di nominare la nuova giunta; una giunta comunale davvero nuova quella nominata nei giorni successivi alle elezioni, in quanto nessuno dei designati aveva mai fatto parte di quelle passate: Luigi Compagnoni, Angelo Ciotoli, Pasqualino Vicheni, Salvatore Liburdi, Fabio Langiu, Camilla Lucchetti.

Ero e sono convinto che con la motivazione, la passione, il coraggio, suffragati da un serio programma politico, si può trasmettere fiducia agli altri.

Sono state settimane intense quelle, tra Ceccano, la città territorio, le sue colline, le contrade, le strade i vicoli, porta a porta; penso di essere stato ospitato in tutte le case dei ceccanesi in quella campagna elettorale. Qualche volta, anche le situazioni che sembrano impossibili possono tramutarsi in una vittoria.

Dunque. Governare, ascoltare, stimolare la partecipazione

Quelli che vanno dal 1994 al 1998 furono quattro anni di una esperienza straordinaria alla guida del Comune, che mi consentirono di affrontare la campagna elettorale per le amministrative del giugno 1998 con la consapevolezza che il programma amministrativo presentato nel 1994 era stato realizzato e portato a termine praticamente in toto, anche grazie ad un rapporto eccezionale costruito tra il Comune di Ceccano e la Regione Lazio.

Infatti, ci fu la vittoria al primo turno per la nuova consigliatura e per il secondo mio mandato da Sindaco (1998 /2002).

Il Piano Regolatore e le realizzazioni

L’amministrazione comunale eletta nel 1994 aveva deciso di concentrare grande attenzione nel recupero e nella valorizzazione degli spazi pubblici, attraverso cui la città fu dotata di ampi parcheggi. Venne adottato il regolamento per attuare il piano regolatore, che era stato approvato dalla Regione Lazio; e il piano regolatore si dimostrò subito una vera rivoluzione urbanistica: approvammo numerosi piani particolareggiati nelle zone artigianali, nel centro storico, nella zona di Vigne Vecchie per edilizia economica popolare agevolata.

Poi, la viabilità venne trasformata, rendendola più moderna e adatta alle nuove esigenze di una città e dei cittadini che vivevano Ceccano nella seconda metà degli anni ’90: il ponte di collegamento con Castro dei Volsci, il ponte da Passo del Cardinale al campo sportivo, la passerella a Santa Maria a Fiume, il ponte Cantinella, la strada di collegamento da via Fabrateria Vetus a via Giacomo Matteotti.

Ceccano Castel Sindici 390 min
Castel Sindici , vista di un angolo*

Inoltre grazie ai fondi europei, fu operato il recuperato dell’ex cartiera e la realizzazione del centro servizi, quindi la bonifica, la realizzazione e la riqualificazione di cave dismesse in via Morolense – con la creazione di un parco naturalistico.

Vennero realizzati il campo di baseball e la pista di atletica. Vennero portati a termine i lavori di ristrutturazione del cinema teatro Antares, fu costruita e inaugurata la nuova chiesa del Sacro Cuore nel popoloso quartiere di Giuseppe Di Vittorio.

Nel centro storico un nuovo centro sociale per la “terza età”.

Recupero di beni inestimabili

Furono restituiti alla comunità ceccanese due beni di inestimabile importanza storica, artistica e architettonica, oltre che di bellezza unica: prima il Castello dei Conti de’ Ceccano e poco tempo dopo il Castel Sindici, con il parco annesso.

Ceccano CastelloContideCeccano una vista interna min
Un vista notturna all’interno del Castello Conti de Ceccano*

Questo per il passato. Attenzione particolare veniva data alla formazione delle persone, perché la politica fornisce la possibilità a tutti di partecipare.

Certamente, questo era ben diverso da quello che si vede in giro in questi momenti dove il 50%della popolazione non va più a votare. E quindi si va alla ricerca del cosiddetto “toccasana”: alla guida dei processi politici locali si ricorre verso “élite professionale”.

Questo non solo porta a nulla. Ma accentua la frattura il rapporto di fiducia tra i cittadini e le istituzioni democratiche.

Ricordo bene l’attenzione del partito sulla formazione e selezione dei gruppi dirigenti. Io stesso venni spedito per qualche mese a Como, per la scuola di formazione giovanile di Eugenio Curiel, e poi alla mitica scuola politica di Frattocchie per nove mesi.

Furono esperienze utili ma la vera palestra fu la sezione, la federazione, le lotte sindacali, il rapporto quotidiano con i cittadini, l’organizzare e il radicamento del partito in tutte le realtà.

Ceccano ponte sul fiume Sacco
Ceccano ponte sul fiume Sacco*

Spero di essere stato all’altezza dei compiti svolti e ancora oggi non smetto di ringraziare la vita per quanto donatomi. In particolare ringrazio i ceccanesi, per la generosità avuta nei miei confronti, e il mio partito che mi ha dato tanto rispetto alle mie modeste qualità.

Un ricordo va sempre alle tante persone che ho conosciuto, ai tanti amici che non mi hanno mai lasciato solo.

Se chiudo gli occhi ho molti ricordi di quei tempi, mi tornano in mente tante persone straordinarie che ho conosciuto nella lotta politica e un pensiero caro e lieve va a tutte quelle che oggi non ci sono più.

Per domani

Ho sempre avuto un profondo rispetto delle istituzioni e degli avversari, che ho incontrato e con cui mi sono scontrato e confrontato a viso aperto.

E per il presente, voglio dire che la politica è bella per questo. Non pensate che tutto sia finito, che si devono fare accordi solo per la paura di perdere. Rimarcate le vostre identità. Siate orgogliosi delle vostre idee. Nel nostro paese c’è ancora bisogno di buona politica. C’è bisogno di partiti organizzati. Perché sono la linfa della democrazia.

C’è bisogno di sinistra. Una sinistra moderna, aperta al mondo dell’associazionismo e alle sensibilità civiche.

Ricordi degli anni '90
Ricordi degli anni ’90
*Le foto sono dell’archvio dell’autore Maurizio Cerroni e di repertorio di UNOeTRE.it

Loffredi e dintorni

Ceccano su UNOeTRE.it


Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni
Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.


Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Autore/i esterno/i

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy