fbpx

“ZEGOTA” cos’è? Storia di solidarietà

La guerra nella testa da ilmanifesto.itLa guerra nella testa da ilmanifesto.it

Non lasciamo che venga mai dimenticata!


Segnalataci da una cara lettrice su WhatsApp

ZEGOTA cos'è? Storia di solidarietà Irena Sendler ©Holocaust Encyclopedia
Irena Sendler ©Holocaust Encyclopedia

ZEGOTA Durante la seconda guerra mondiale, Irena Sendler ottenne l’autorizzazione a lavorare nel Ghetto di Varsavia, come specialista di tifo.

Un lavoro e un atto d’amore

Ma il suo lavoro ne nascondeva un altro: Irena trasportava bambini piccoli nascosti nel fondo della sua cassetta degli attrezzi, in un sacco di iuta nel retro del camion, trasportava i bambini più grandi. Aveva un cane lì, al quale aveva insegnato ad abbaiare ai nazisti quando entrava e usciva dal ghetto.

Naturalmente i soldati non volevano avvicinarsi al cane e l’abbaiare copriva ogni rumore che i bambini potessero fare.

Durante quel lavoro, Irena è riuscita a rimuovere e salvare quasi 2.500 bambini.

Alla fine i nazisti la scoprirono.

Il 20 ottobre 1943 Irena Sendler fu arrestata dalla Gestapo e portata nella famigerata prigione di Pawiak, dove fu brutalmente torturata.

In un pagliericcio trovò un piccolo quadro di Gesù con la scritta: “Gesù, confido in Te”, e lo conservò fino al 1979, quando lo offrì a Papa Giovanni Paolo II.

The Holocaust ©Holocaust Encyclopedia
The Holocaust ©Holocaust Encyclopedia

Lei, l’unica che conosceva i nomi e gli indirizzi delle famiglie che ospitavano bambini ebrei, sopportò le torture e si rifiutò di consegnare quei bambini nascosti. Gli hanno rotto le ossa sia dei piedi che delle gambe, ma non sono riusciti a infrangere la sua determinazione.

Una volta guarita, è stata condannata a morte e, in attesa della sua esecuzione, un soldato tedesco l’ha portata per “un ulteriore interrogatorio”. Mentre usciva, le gridò in polacco: “Corri”.

Lo ha fatto, aspettandosi di essere colpita dai proiettili alla schiena. Uscì da una porta laterale e si nascose in alcuni buchi nella neve finché non fu sicura di non essere seguita.

Il giorno dopo, già tra amici, lesse che era elencata come morta in una lista che i tedeschi pubblicavano.

I membri dell’organizzazione “ZEGOTA” (Salvataggio) erano riusciti a fermare l’esecuzione corrompendo un soldato tedesco. Irena ha continuato a lavorare sotto falsa identità.

Il registro dei salvataggi

Irena teneva un registro con i nomi di tutti i bambini che aveva salvato, lo conservava in un barattolo di vetro sepolto sotto un albero nel suo giardino . Dopo la fine della guerra, ha cercato di localizzare i genitori sopravvissuti e quindi di riunire le famiglie. La maggior parte di loro era morta, quindi ha cercato di sistemare i bambini con genitori adottivi.

Nel 2006 è stata nominata per il Premio Nobel per la Pace, ma non è stata selezionata. Quell’anno fu Al Gore (ex vicepresidente degli Stati Uniti) a vincerlo per la sua campagna sul riscaldamento globale.

Non lasciamo che questa Signora venga mai dimenticata! Ora sai cos’è “ZEGOTA”. Sto contribuendo con il mio granello di sabbia affinché ciò non avvenga inoltrando questo messaggio. Spero che tu faccia lo stesso.

Sia un messaggio di Pace

Sono trascorsi più di 75 anni dalla fine della seconda guerra mondiale in Europa e questo messaggio verrà trasmesso come una catena commemorativa, in memoria dei 6 milioni di ebrei, 20 milioni di russi, 10 milioni di cristiani (di cui 1.900 sacerdoti cattolici), 500 mila zingari, centinaia di migliaia di socialisti, comunisti e democratici e migliaia di handicappati fisici e mentali che sono stati assassinati, massacrati, violentati, uccisi in modo umiliante, mentre altri popoli del mondo guardavano dall’altra parte.

Homeless children Warsaw Ghetto ©Wikipedia
Homeless children Warsaw Ghetto ©Wikipedia

Ora più che mai, con la recrudescenza del razzismo, della discriminazione e del massacro di migliaia di civili nei conflitti e nelle guerre in tutto il mondo, è imperativo garantire che il mondo non dimentichi mai.

“Sono stato educato a credere che una persona bisognosa dovrebbe essere aiutata dal cuore, indipendentemente dalla sua religione, razza o nazionalità.”

Persone come Irena Sendler, che ha salvato migliaia di vite praticamente da sole, sono estremamente necessarie.

L’intenzione di questo messaggio è di raggiungere 40 milioni di persone in tutto il mondo.

Fallo conoscere


Enceclopedia dell’Olocausto

Il 1900 su UNOeTRE.it


Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Autore/i esterno/i

ByAutore/i esterno/i

Autori che hanno concesso i loro articoli, Collaboratori occasionali

Privacy Policy Cookie Policy