fbpx

Leggendo Amedeo, mio nonno. Vite e storie.

Vendere libriVendere libri

L’ultima fatica letteraria di Amedeo Di Sora


di Fausta l’Insognata Dumano*

Leggendo Amedeo, mio nonno. Vite e storie.
Leggendo Amedeo, mio nonno. Vite e storie.

LEGGENDO Una preziosa lettura è il libro del prof Amedeo Di Sora, un libro che non ha  bisogno certamente di presentare l’autore, conosciuto non solo a  Frosinone e  provincia, un impegno culturale a 360 gradi come attore, docente e scrittore.

L’ultima fatica letteraria è “Amedeo, mio nonno”. Una foto, rovistando, per caso, dentro una valigia contenente vecchie foto di famiglia è l’occasione per stimolare una serie di ricordi, per ricostruire non solo la sua famiglia, ma anche una generazione  di questa città.

La foto seppiata in buono stato, pubblicata nel libro è priva di data, ma dovrebbe essere stata scattata non molto tempo prima del 1927, anno della sua morte. Questa foto è quindi l’occasione per ricostruire la famiglia, ma anche la politica, la vita del tempo.

Se lo immagina partecipare all’inaugurazione del monumento del grande patriota Ricciotti essendo il nonno un socialista anarchico. Per la ricostruire della città testi di riferimento sono le opere dello storico Maurizio Federico.

Ma nella storia della ricostruzione un peso spetta alle donne a partire dalla nonna, che era una Archiletti, sorella di Silverio, il campione di motociclismo, eterno rivale di ”Bicchierino”, Giovanni Morgia.

La vita della nonna dopo la morte del marito non fu tutta fiori e rose, ma seguendo le storie delle 4 sorelle non puoi non innamorarti.

I due figli vengono rinchiusi in collegio per studiare.
Cominciamo da Angelamaria la più grande, la più bella, sarta, rifiutò i pretendenti per  prendersi cura dei nipoti, le piaceva cantare.

Amedeo nel ricostruire la storia, ha conosciuto solo due zie Rosina e Teresina, ormai anziane  che abitavano  a  Piazza Valchera, già Piazza del  Popolo, nel cuore del centro storico, che era fiorente di negozi e vita.

Rosina. era minuscola e gracile, aveva fatto la domestica a  Roma dal “viceduce Bocchini”. la zia parlava sottovoce delle idee politiche del fratello come se la potessero ascoltare i vecchi datori di lavoro.

invece come non innamorarsi di zia Teresina? Una popolana che parlava un dialetto tagliente, ricco di metafore. Aveva contratto la poliomielite, che l’aveva resa claudicante, ma aveva una forza di reazione straordinaria .. Con stratagemmi vari al mercato guadagnava sempre lei. Leggendo, quindi, il libro si ricostruisce la Frosinone di via del  Campo, l’ odore del forno Papetti.

Immergersi nella lettura è tornare indietro nel tempo. Ci sono storie  che non hanno un tempo, ci sono storie che nascono dalla ricerca del passato, dal bisogno di fare luce sulla propria origine.

*Docente di Lettere, Liceo Artistico Statale “Bragaglia”- Frosinone

Amedeo Di Sora

Fausta Dumano su UNOeTRE.it


Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni
Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Grazie per aver letto questo post, se ti fa piacere iscriviti alla newsletter di UNOeTRE.it!

Fausta L'Insognata Dumano

ByFausta L'Insognata Dumano

Fausta Dumano divenuta Fausta L'Insognata Dumano è laureata in lettere con tanti sogni nel cassetto. Giornalista, scrittrice, critica d'arte si è inciampata nella prima supplenza con il favoloso mondo degli studenti ed è rimasta intrappolata nel discount istruzione. Frequenta corsi di scrittura creativa, ha pubblicato alcuni libri di narrativa. Da sempre è impegnata nell'arcipelago della sinistra.Ambientalista nel dna, la mamma le parlava di difesa del verde, quando non era nell' agenda della politica tanto da creare la prima festa dell'albero ad Arpino negli anni 60. Impegnata nell'arte pubblica relazionale con artqube e 03100 (zerotremilacento) vive a Frosinone, per metà ciociara e per metà siciliana, cresciuta con due culture e stili di vita differenti... è fortemente convinta che la diversità sia un valore importante, per questo si impegna nelle associazioni che favoriscono l'integrazione. Ha insegnato nelle scuole operaie ai migranti, ai figli di un dio minore e in carcere. Perennemente innamorata dell'idea dell'amore, i capolavori indiscussi della sua creatività sono i suoi figli Venera e Matteo, che riescono sempre a strapparle un sorriso, anche quando tutti i pianeti si allineano contro.

Privacy Policy Cookie Policy