Menu
A+ A A-

Le periferie di Cassino

ospedaleciviledi cassino g.debosis 2di Fausto Pellecchia - Uno dei paradossi urbanistici di Cassino consiste nella storicità negletta delle cosiddette “periferie”, a vantaggio della pretese identitarie del centro urbano. L’attributo “periferico” contiene in sé l’idea che vi sia un luogo città, depositario di identità e qualità, e che attorno ad essa vi sia un luogo “altro” che si definisce per esclusione e diversità rispetto al luogo centrale. In generale, nell’urbanistica moderna, questa definizione non ha più alcun senso e serve piuttosto a dissimulare la rilevanza di un fenomeno urbano che tende a sottrarsi alla comprensione e alla memoria collettiva. Se, ad esempio, pensiamo al rione Colosseo e al quartiere di San Silvestro vecchio, lungo la via che conduce alla frazione Caira, ci rendiamo immediatamente conto di un fatto tanto evidente quanto lungamente rimosso. Queste “periferie” infatti non sono “altro” rispetto alla città, ma sono la città, ed anzi appartengono al suo più autentico nucleo storico . Se proprio si vuole conservare la dicotomia centro/periferia, sarebbe necessario sostituire le coordinate che ne definiscono l’opposizione puramente topografica; il centro è il luogo dello scambio, dell’interazione tra le persone ed in definitiva della multi-funzione, mentre la periferia è il luogo della mono-funzione: nella fattispecie l’abitare (quartieri dormitorio) disgiunto dal lavorare, dal tempo libero, dal comprare. In questo senso, se la città storica è il luogo dell’identità e dell’integrazione delle funzioni e dello scambio, la periferia è il “non-luogo”, dove le differenze sono negate e domina la mono-funzione, cioè la segregazione. Ma è proprio questo l’anello da spezzare.
Si tratta di un problema non meramente architettonico, la cui soluzione, perciò, non si esaurisce in una questione di forma urbana, ma piuttosto nella varietà e nell’intreccio delle funzioni e delle relazioni sociali. Pertanto, a proposito dei due quartieri “periferici” summenzionati, esiste ancora la possibilità di una riqualificazione e di un risarcimento dall’oblio urbanistico al quale da sempre sono stati condannati. Nel rione Colosseo, situato a ridosso della zona archeologica (con l’anfiteatro romano da cui prende il nome) è situato il complesso edilizio che ospitava un tempo l’Ospedale Gemma De Bosis e attualmente in stato di semiabbandono. Un progetto di recupero e di riuso potrebbe innescare un serio processo di riqualificazione dell’intero quartiere, se solo vi si individuasse la sede di un nuovo Palazzo di Giustizia, di cui pure Cassino ha urgente bisogno. Non è infatti pensabile che il Tribunale della città, praticamente raddoppiato nelle sue competenze dalla recente legge di riordino, possa rimanere in un alloggiamento precario, con uffici e pertinenze divise tra la sede di Piazza Labriola e l’edificio dell’ex-scuola “Diamare”, in via S.Marco. (all’altro capo della città), entrambe caratterizzate da enormi difficoltà di parcheggio. La riunificazione del Tribunale nel complesso edilizio del vecchio ospedale avrebbe inoltre il pregio di situarsi all’imbocco del raccordo per la superstrada Cassino-Formia e per le autostrade, favorendo perciò gli utenti e gli operatori che provengono dalle province limitrofe.
Analogo discorso concerne il quartiere storico di S.Silvestro, situato sulle estreme propaggini del Monte Maggio, tanto paesaggisticamente suggestivo quanto urbanisticamente degradato. La ristrutturazione e la riqualificazione del ex-deposito militare e del ex-campo di concentramento in via Caira potrebbero ospitare, ad esempio, la sede dell’Istituto tecnico-agrario e/o del corpo forestale dello stato, unitamente ad un orto botanico e un parco turistico- ricettivo , mediante di un piano di intervento integrato. L’intitolazione del parco a Ludwig Wittgenstein, il grande filosofo austriaco che, insieme a migliaia di compagni di prigionia, rimase internato nel campo di Cassino alla fine della Grande guerra, costituirebbe un ulteriore motivo di attrazione per il turista in visita al cimitero militare tedesco di Caira, nonché per gli studiosi e i docenti convenuti a Cassino in occasione delle manifestazioni culturali promosse dall’Università degli Studi di Cassino e del Lazio.
E’ evidente che progetti di questo tenore possono essere realizzati solo con il contributo di fondi regionali ed europei, a patto che il Comune, in sinergia con l’Università, si doti delle opportune strutture tecniche per la partecipazione ai relativi bandi di concorso.
Del resto, un approccio che privilegi il ricupero ed il riutilizzo dei contenitori edilizi esistenti anziché la realizzazione di nuovi edifici, appartiene al metodo della più moderna cultura urbanistica: questa, infatti, all’inutile consumo del territorio, oppone la valorizzazione del patrimonio agricolo e il recupero di contenitori edilizi degradati o vuoti (Case, capannoni, fabbriche, ecc). In tutte le grandi città d’Europa questa tendenza è sempre più evidente e si può dire che l’esito della sfida dipenderà in larga parte dalla nostra capacità di riutilizzare i vecchi edifici e di reiventare per loro funzioni nuove e qualificanti.
fonte, L'Inchiesta, 27 giugno 2015

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici