fbpx
Menu
A+ A A-

Un massacro di vent'anni fa. Ancora da capire

tribunalecassino 350 260di Fausta l’Insognata Dumano - ...e fermati un attimo. Questa volta voglio raccontarti una storia macabra del passato, una storia inquietante, in cui senti vibrare l'eco di Pasolini......il massacro del principe del foro di cassino, l'avvocato Enzo Avino.
Correva l' anno 1995, il 17 novembre , quando il suo corpo o meglio i resti del suo corpo furono ritrovati abbrustoliti nella carcassa di una A112, ossa umane annerite, qualche spicciolo, delle chiavi. Un agguato nella notte, picchiato, colpo di pistola e cosparso di benzina. Rituale da camorra , lui aveva difeso un boss di un altro clan ...killer e movente erano il dibattito del periodo, i resti sono tumulati nel cimitero di Cassino, sepolti con tanti interrogativi e misteri .....un mistero infittito dalla parola gay .

Per ricostruire la vita basta digitare il nome del penalista

Sulla stampa al periodo la parola veniva ovattata con “amicizie maschili”. Il luogo del massacro era frequentato da prostitute e travestiti. Per ricostruire la vita basta digitare il nome del penalista, quasi sessantenne, un carattere difficile, antipatico a molti.
Diciamolo, il suo dramma era essere accettato in una città piena di pregiudizi, una città che lo deride per le sue scelte di vita inaccettabili in quegli anni. Difende professionisti, ma anche criminali, assiste gratis gli straccioni. “Da piccolo ho vissuto troppe ingiustizie, in ogni mio cliente vedo un potenziale innocente, da un articolo de “Il Messaggero”.
Il suo curriculum lo vede difensore di assassini, figli parricidi, stupratori di figlie, ma anche denunciatore di grandi, denuncia Gorbaciov per la fuga di Chernobyl, la centrale nucleare, si scontra con il pool di mani pulite. Un grande intellettuale, citazioni dotte nei processi, si narra che al San Carlo prenotasse cinque posti, lui sedeva al centro, due posti liberi a destra e a sinistra, per non avere spettatori non all'altezza. Sognava di fare la fine del ballerino Nurajev (da un' intervista su “Il Messaggero”). Elegante e raffinato, triviale nel linguaggio nel foro, spesso per protesta procuratrici abbandonavano l'aula. Un personaggio complesso, tutto da scoprire, era stato professore di diritto ecclesiastico, prima di fare il penalista, riannodare i fili della memoria significa scavare anche in questo massacro.

 
Vuoi dire la tua su unoetre.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

regime-attività

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici