Menu
A+ A A-

Il “Mostro” di via Anime Sante a Ceccano

Ceccano ospedale mai costruito 350 260di Angelino Loffredi - Il “Mostro” di via Anime Sante, quello che avrebbe dovuto essere il Nuovo Ospedale di Ceccano, sembra avere i giorni contati. Questa è la notizia che riceviamo da fonti attendibili. Attorno a me avverto qualche sospiro di sollievo ed anche qualche soddisfazione.
Io invece mi limito a scrivere: non è tutto oro quello che luccica.
Proverò a spiegare il perché di tanta prudenza. Quel manufatto nero e decrepito, saccheggiato, circondato da rovi e cespugli, pessimo biglietto da visita della nostra città fa brutta mostra di se da circa 46 anni. Ha una storia complessa e particolare che sintetizzo in qualche rigo. Durante la campagna elettorale del giugno 1970 presso l’ingresso del vecchio ospedale di via Roma, ne venne presentato un plastico dai connotati avveniristici, con tanto di eliporto.
Il 21 novembre del 1971 con una solenne cerimonia venne posta la prima pietra. C’erano tante persone felici e speranzose ma il Commissario prefettizio dell’Ente Ospedaliero “dimenticò” di invitare il vice sindaco Aldo Papetti e i consiglieri provinciali Pinetto Bonanni e Angelino Loffredi. Sin dall’inizio l’esclusione dei rappresentanti degli Enti locali si presentò dunque come un modo di agire, un metodo che a lungo andare avrebbe portato alla mala gestione. Per dieci anni si assistette a 7 perizie di variante con notevole lievitazione dei prezzi, alla rotazione di 4 appaltatori, a presenze mafiose (Perelli/Cuntrera) e a qualche arresto. Alla fine vennero dilapidati circa 750 milioni di lire ma in nessuna fase venne coinvolto il Consiglio Comunale.
Chi vuol saperne di più può cliccare sul link https://www.unoetre.it/radici/storia-provinciale-e-locale/item/4317-racconto-di-una-grande-truffa-a-danno-di-ceccano.html

Torniamo all’oggi: dopo 37 anni dall’ultima deliberazione della USL FR5 attraverso la quale si approvava una perizia di variante pari a 8 miliardi, mai resa esecutiva, perché non finanziata, ora il Commissario ASL Macchitella delibera l’abbattimento di 56.452 metri cubi del manufatto esistente e l’edificazione di una struttura bimodulare di 10.638 metri quadrati per realizzare una REMS di 40 posti. Con un complicato appalto finanziato non dalla Regione ma dal Governo pari a 6 milioni e 200 mila euro.
Cosa non mi convince ? Che una sola persona decida escludendo da ogni minimo confronto il Consiglio Comunale di Ceccano. E’ vero che la legge 502/92 lo permette ma nessuna legge vieta che in casi cosi importati riguardati il territorio ci sia un passaggio illustrativo e consultivo nel Consiglio Comunale cittadino.

E’ vero che sostenere l’eliminazione del Mostro può essere “popolare “ ma io chiedo qualcosa in più e spesso dimenticato. Una discussione e una indicazione in Consiglio Comunale di utilizzo di locali e superfici esistenti (Padiglione Mosconi) nel S. Maria della Pietà. Ambienti che non bisogna abbattere perché già sistemati e predisposti, attraverso limitati aggiustamenti, al buon uso e alle necessarie destinazione.
Escludere il Consiglio Comunale da ogni ipotesi di indirizzo e di controllo è un ritorno all’indietro. Vuol dire permettere al Commissario Macchitella di agire da corpo separato rispetto alla volontà di una assemblea eletta dai cittadini.
Non accetto questo metodo ma non mi piacciono nemmeno, a tale proposito, i silenzi del Sindaco e dei Consiglieri Comunali che vorrei, al contrario, attivi, propositivi, incalzanti attorno ad un tema, quello della programmazione sanitaria, importantissimo.

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

Sostieni UNOeTRE.it
Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici