fbpx
Menu
A+ A A-

La Ministra Bongiorno a Veroli

giulia bongiorno 350 260 mindi Maria Giulia Cretaro - Tappeti rossi alla Galleria la Catena per il Ministro della Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno. L'Avvocato, arriva a Veroli dopo un incontro a Casamari con gli Operatori del Telefono Rosa della provincia. Ad accoglierla gli eletti del territorio tra le fila della Lega, il candidato sindaco Marco Bussagli e un parterre di concorrenti alle elezioni europee. Tutto accompagnato da una nutrita quantità di pubblico, interessato dal tema principale del convegno, la sicurezza declinata nelle recenti novità legislative. Perché l'Avv. Bongiorno, per sua stessa ammissione, è poco avvezza ad abbandonare il Palazzo del Ministero, lo fa per poco e rare occasioni, nelle quali occorre spiegare il perché di certi interventi amministrativi. Forse la coalizione che l'ha accolta, sperava in qualche parola in più spesa per il candidato di centro destra, ma questo non sarebbe stato costume del Ministro, la propaganda la delega ad altri. Ed infatti ci pensa Gianfranco Rufa, ai ruffiani ringraziamenti di rito. Le sue parole sono tutte per il coordinatore regionale della Lega, Francesco Zicchieri che lo ha accompagnato al Senato assicurandogli fiducia e per l'ospite d'onore Giulia Bongiorno. Un grande privilegio poter accogliere nella sua città natale un Ministro dall'impegno e la tenacia tangibili.

Un visibilmente emozionato il Dottor Bussagli, nel suo breve intervento di accoglienza esalta la forza delle donne che si concretizza tutta nella capacità retorica del Ministro. Una donna competente, che fa della sua professionalità il proprio motore attivo senza manierismi. Il candidato sindaco aggiunge una promessa: se dovesse essere eletto avrebbe delle responsabilità in questa città, tra i primi punti ci sarebbe aprire un telefono rosa che ancora manca.

Essendo in piena campagna elettorale, il già citato coordinatore regionale per la Lega, Francesco Zicchieri, rimarca l'ammirevole attaccamento per Veroli di Gianfranco Rufa. Così come ammirevoli sono gli atti concreti del Ministro e sua amica Giulia Bongiorno. Lascia il pubblico appellandosi al buonsenso degli elettori affinché" liberino questa città dal potere clientelare che la sinistra esercita da anni in ambito comunale" Un po' come paragonare Veroli ad un'oligarchia greca, senz'altro gli va riconosciuta l'audacia di raffronto. "Bussagli è una persona educata, che prima di chiedere il voto racconta storie e lo fa con eleganza e competenza. Perché votare Lega? Perché se prendiamo un impegno lo manteniamo, in 10 mesi abbiamo fatto non detto. Noi saremo con voi specialmente dal 27 Maggio in poi, garantendo una filiera con il Governo. Se vinciamo a livello nazionale, dobbiamo riuscire anche nelle amministrative " Se poi non ci fosse vittoria beh, altro discorso. 

Le presentazioni elettorali cessano quando prende la parola il Presidente della Camera Penale di Frosinone, Rosario Grieco. A lui il compito di introdurre le due nuove norme già votate: la Legittima Difesa ed il Codice Rosso, importanti per gli operatori del diritto.
"L'intelligenza di questo profilo di indagine sulla legittima difesa sta nell'aggiungere dei paletti a tutela del soggetto di parte lesa. È una garanzia per chi viene accusato di eccesso colposo di legittima difesa".

Toccato anche il tema della violenza sulle donne, con la norma "codice rosso", contro la violenza domestica e di genere. "La nuova legge annulla le lungaggini giudiziarie e obbliga l'autorità giudiziaria ad ascoltare la parte lesa entro 3 giorni dall'accaduto. Le norme introdotte rappresenveroli bongiorno 350 mintano il principio di una civiltà giuridica in evoluzione al di là delle connotazioni politiche". Un intervento di natura tecnica che pur cercando di mascherarlo, sprizza approvazione ideologica da ogni dove.

E dopo un'ora di ovazioni ecco finalmente la parola al Ministro della Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno. Fin da subito sottolinea la sua vicinanza alla Lega essenzialmente per il tema sicurezza, un po' come a rinnegare tutti gli altri dogmi che in questi settimane il partito sta parafrasando. Parte dunque dalla spiegazione della sua creatura giuridica "Noi non pensiamo che la legittima difesa sia la soluzione a tutto. Reputiamo però essenziale stabilire chi sia l'aggressore e chi l' aggredito, perché l'attuale linea di demarcazione è troppo sottile. Chiunque entra a casa altrui, accetta un rischio perché è nel torto. Nella norma non è prevista una licenza ad uccidere ma può semplicemente a respingere, e il verbo non è casuale. Prima di questa legge per difendermi avrei dovuto operare un'indagine notturna. Ma cosa dovevo accettare e soprattutto come potevo comprendere le reali intenzioni? Per questo la legislazione deve prendere in considerazione la diversità del tessuto sociale. La novità introdotta è che se agisco in uno stato di turbamento eviterò il calvario giudiziario" E qui arriva il nodo centrale, la questione politica. Una legge tanto chiara impone una posizione soprattutto se si è sostenuta in campagna elettorale. Si può cercare l'equilibrio con termini che possono suonare meno aggressivi, ma in sintesi è un'autorizzazione alla violenza come da copione elettorale. Perché, ribadisce la Bongiorno "Una promessa non è una dichiarazione d'intenti ma un impegno, questo ci assicura una credibilità politica. Come ministro non voglio fare grandi proclami, ma apportare cambiamenti nella vita quotidiana del cittadino" Un colpo al cerchio, uno alla botte, per riabilitare il nome della Lega e supportarlo nella coerenza avuta in 10 mesi.

La par condicio legislativa riaffiora verso la fine dell'intervento parlando di violenza sulle donne. "Questa riguarda per primi gli uomini, non ha senso parlarne tra donne, perché serve condividere il tema del Codice Rosso. Il problema dei problemi è per me il tempo della giustizia. Chi denuncia una violenza non ha adeguati aiuti, anzi troppo spesso l'attesa è di anni. O lo stato reagisce subito o la denuncia diventa un boomerang. Questo stabilisce la norma, mira a garantire la tutela della donna". La fiera e tronfia Bongiorno chiude la sua spiegazione senza alcun assist per il candidato sindaco che si assicura comunque la chiusura. Lo fa citando Salvini: "Quello che proponiamo è un mondo di buon senso, se lo volete sapete dove votare". Minaccia o promessa?

Mentre il VinciSalvini, il nuovo metodo di propaganda del Vice premier, fa il giro del web, a Veroli la Lega ha tentato di recuperare toni concreti e moderati.
All'elettore l'ardua sentenza, tra poco più di due settimane.

 

 

Articoli e  news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui

aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici