fbpx
Menu
A+ A A-

"O con me o senza di me. #iostoconPicchio. Avanti tutta verso il progresso"

elicottero-mangusta 350-260di Antonella Necci - E alla fine ritornarono ad Anagnon-sur-la-mer. Mentre scendevano dall'elicottero che li aveva riportati al Campo, laggiù nella foresta dei Ribelli, dove il fiume dalle acque purissime aveva visto i giorni più felici di Poldino, si accorsero che qualcosa non quadrava.
La sensazione era di un corpo estraneo posto laddove nessuno avrebbe mai osato e nemmeno immaginato. Volsero lo sguardo sulla cima della collina, dove tutte le sere i Ribelli si riunivano per le loro feste dell'Unità. Proprio lì, ora, sorgeva un gigantesco cartellone pubblicitario computerizzato ed illuminato al LED.
Rimasero inizialmente senza parole, poi un "Bastardi" si sentì. A denti stretti Geppò stava imprecando contro gli ignoti, ma non troppo, che avevano avuto l'ardire di compiere una simile azione. Marinelle non sapeva se un simile appellativo doveva essere rivolto a chi si fosse avventurato dentro quella foresta per compiere un simile scempio o al faccione del loro avversario politico che li guardava ammiccante e luccicante, strizzando l'occhio e ripetendo all'infinito il proprio slogan:" Io sono il rinnovamento, la luce oltre la nebbia. La quiete dopo la tempesta. Non avrai altro rinnovamento all'infuori di me. Seguimi e la mia luce ti illuminerà. "
Poppea Leon dai capelli lunghi e fluenti, come dettava la moda, muoveva le labbra e i muscoli del volto come se fosse vero e vivo dentro quel cartellone. Un miracolo dell'elettronica che non meritava di essere applicato ad un tizio simile.
Ma all'improvviso si accorsero che il vero problema non erano le assurde affermazioni di Poppea Leon, poiché tutti erano consapevoli che la sua campagna elettorale era sostenuta da forze politiche che si erano sempre opposte al rinnovamento. Aveva un bel dire e martellare il signor Leon. Nessuno lo avrebbe ascoltato. No, non era quello il problema.
Se ne accorsero mentre videro il cartellone girare. Nell'altro lato, illuminato con toni più grigi e meno luminosi si vedeva il faccione dell'altro competitor: Picchio Mantillion. Un giovane di belle speranze che solo ultimamente cominciava ad essere sostenuto dal Grande Partito Provinciale.
Lo slogan che Picchio ripeteva mentre il cartellone girava lentamente ma inesorabilmente era un po' privo di senso politico. "O con me o senza di me. #iostoconPicchio. Avanti tutta verso il progresso."
Avanti tutta? Ma che sciocchezza era quella? Avanti tutta, indietro tutta, e perché non tutti a babordo? Gli slogan politici non avevano mai avuto molto senso, ma bisognava stare attenti a cosa si comunicava.
Geppò e Marinelle espressero ad alta voce il loro consenso incondizionato nei confronti di Picchio. Era un loro amico e lo avrebbero aiutato, ma Poldino rimase taciturno, per non offendere la sensibilità di Marinelle.
Il giudizio tagliente nei confronti di quei due buoni a nulla gli sarebbe costato troppo caro e lui non voleva rischiare di perdere quel poco terreno acquisito nell'avvcinarsi al cuore di Marinelle. Aveva capito che lei gli voleva bene. Innamorata no, non lo sarebbe mai stata. Ne era certo guardandola mentre con occhi sognanti si rivolgeva al suo Robert, il lombrico. Voleva dire che li avrebbe sposati, una volta riconquistato lo Sceriffato. Se lei voleva rovinarsi la vita non sarebbe stato lui ad impedirglielo.
Ma così dicendo gli venne un tale senso di rabbia che dalla bocca gli uscì un " Avanti tutta", che gli costò lo sguardo interrogativo degli altri due e anche del fido Powder, che insieme alla sua Layla, lo guardavano con compassione mista a tenerezza. Gli umani non li avrebbe mai capiti, si diceva Powder, ma la cosa lo interessava sempre meno. Ora poi, che stava per diventare padre. ......
Poldino si accorse dell'errore fatto nel proferire quelle parole senza senso, che subito si riprese sostenendo, con amarezza, che quell' avanti tutta aveva di sicuro un senso ironico, viste le lotte intestine che stavano portando all'implosione del partito.
"Chissà chi ha mosso la levetta sbagliata e innescato il conto alla rovescia. Sarei curioso di sapere quale dei due Francis si è dato più da fare per portare tutti verso l'autodistruzione. "
Calcio d'angolo. Gli altri due lo guardarono con complicità mista ad approvazione. Aveva ragione, pensò Marinelle. Se continua così esploderanno tutti tra un baillame di cartacce, di tessere inutili, di sigilli che nemmeno il Papa usa più. Vecchia burocrazia senza senso. "Hai maledettamente ragione amico mio". Gli disse Geppò accompagnando le parole ad una amichevole pacca sulla spalla che gli faceva più male.
Si era ripreso il lombrico gaudente, pensò Poldino, mentre gli sorrideva con una smorfia di dolore di cui Marinelle si accorse immediatamente. Non si sopportano, pensò, ma almeno Robert si sforza di farselo piacere. Lui invece resta chiuso in se stesso come un riccio. Ma come faranno a mettersi d'accordo per governare insieme?
Serve un intermediario. Qualcuno di cui entrambi si fidano. Ma chi?

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it

Torna in alto
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici