fbpx
Menu
A+ A A-

Musica, Teatro, Amore - parte 2

ll Festival “Mercantia” a Certaldo fu il luogo dell' "incontro"

Tatamata teatro di Serena e Zar Luomo Orchestra e la Ballerina 400 minRiprendo il racconto sul polistrumentista Aleksandar Caric' detto Zar, dalla sua partenza dalla Calabria nel 1992. Il terzo e ultimo capitolo sarà pubblicato il 31 Agosto, il giorno del 56° compleanno di Zar. L'intervista è stata fatta nei primi giorni succesivi al lockdown, a maggio 2020.

Capito II - L’incontro

Dopo aver trascorso oltre un anno a Mammola, Zar si sposta in Umbria, a Montepeglia, nei casali occupati sparsi tra Orvieto e Perugia. Seguendo la compagnia e soprattutto una delle attrici del “'90 Teatro Movimento”.
La vita a Montepeglia era quella di una comune di giovani universitari e attori, che vivevano sostenendosi in due modi: la terra e l’arte. L’orto e il training durante la settimana, un training alla “terzo teatro” con otto ore al giorno di attività di vario genere e nei week end a Roma, a fare spettacolo e guadagnare con il “cappello” a Piazza Navona. L'autosufficienza era l'obiettivo, per vivere di ciò che si ama e in armonia con la natura: niente luce, l'acqua arrivava nel casolare in caduta, l'orto a 100 metri di dislivello vicino al fiume sotto casa e si irrigava con un impianto a goccia che dava frutti meravigliosi... che si portavano a spalla, su per la salita.
La sera si suonava e mangiava tutti insieme, componendo e continuando a creare.
Video del “'90 Teatro Movimento”:  >>

Nei favolosi anni ’90, le poche compagnie esistenti di teatro di strada avevano un luogo incontrastato dove incontrarsi, il Festival “Mercantia” a Certaldo in luglio.
Un caldo indimenticabile, come quegli anni incredibili.

E’ lì che ho visto il loro spettacolo e loro il mio, mi esibivo come solista sui trampoli in una performance di danza e pantomima. Il loro era lo spettacolo più interessante di tutto il festival, avevano messo in scena una novella del Boccaccio “Lisabetta da Messina”; nella riunione che precedeva le serate avevano insistito per presentarlo nella piazza Boccaccio, sotto casa del poeta.
Ad ogni domanda del direttore artistico per definire lo spazio idoneo al tipo di spettacolo, loro rispondevano per primi, perchéLOdissea secondo Serafina 2 1000 min per primi erano riusciti a “miscelare” tutte le arti della tradizione teatrale dei trovatori. Musica, canto, teatro d'attore, teatro di marionette, trampoli e mestiere! Immediatamente facemmo amicizia e iniziammo ad organizzare assieme la “Parata” in omaggio all’artista e artigiano Beppe Chiodo, amico che apriva, a tutti noi, la sua bottega all’entrata del borgo medievale.

Tra me e Zar fu naturale innamorarsi e galeotta fu la parata!
La organizzammo insieme: io guidavo i teatranti e lui la musica; da quel momento le parate non furono più totalmente improvvisate, ma si lavorava su un canovaccio comune, anche se in centinaia tra artisti e musicisti.

LOdissea secondo Serafina 1000 minLa storia continua per oltre 17 anni, pieni di mille aneddoti, in cui abbiamo girato lo stivale in lungo e in largo, tanti Festival in diversi paesi e continenti, collaborazioni delle più diverse, TV e tanta strada. Zar, in quegli anni insieme, ha ottenuto la cittadinanza italiana, sostenendo un colloquio dove si è dichiarato artista e musicista che fa spettacoli per bambini in strada e prestando giuramento davanti ai testimoni commossi e felici.

 

 cliccare sulle foto 2 (a ds) e 3 (a sin) per ingrandirle

 

Serena Galella intervista Zar - Video

 

 

 

L'ultimo capitolo sarà pubblicato il 31 agosto '20. Il primo è raggiungibile cliccando qui
 e il ì terzo qui

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici