fbpx
Menu
A+ A A-

Adrian Bandirali e il suo Antidoto Lento

 L'arte trovata per caso

 Adrian è un burattinaio ma la sua arte è stata e resta un agire politico.

di Serena Galella
Adri y la muerte minScrivere di Adrian è veramente difficile. Adrian è un burattinaio ma il suo approccio all'arte è stato e resta un agire politico.
Conosco Adrian da una vita, era il 1993 quando avevo ripreso da pochi mesi a fare teatro presso la compagnia romana Abraxa Teatro.
Con loro mi esibivo in spettacoli corali sui trampoli con uso di strumenti musicali, racconti e personaggi, ma avevo immediatamente preparato un mio spettacolo solista che mi permetteva di guadagnarmi la pagnotta a Piazza Navona o a Santa Maria in Trastevere, la domenica, se non impegnata negli spettacoli della compagnia.
Come solista, danzando sui trampoli, mi sono esibita per oltre sei anni.
Adrian aveva più di me conoscenza di questo tipo di spettacolo, avendo già lavorato in Francia e in Argentina con artisti di fama internazionale come i fratelli Peralta.
Fu lui a portarmi la prima volta a Certaldo, al festival Mercantia, nell'estate del '93 e con lui a fine stagione partii per Buenos Aires e mollai la compagnia per intraprendere la strada da solista. Insieme facevamo uno spettacolo di burattoni a guanto e a vista, senza la baracca, dal titolo “Chimpete Chiampata” un'opera di Javier Villafane, un maestro.

In Argentina abbiamo fatto spettacolo lungo la costa e fino al Bolson, in Patagonia, dove ci siamo esibiti per le scuole, e alla002 io e Adrian 370 min Fiesta del Luppolo. A Buenos Aires in tutte le piazze e al Centro Cultural de “La Recoleta” e al “Paracultural” en Sant'Elmo.
Ho trasformato il mio spettacolo adattandolo al luogo e creando un pezzo di tango, cantato dalla grande artista Tita Merello, “Se dice de mi”.
Fu un'intuizione di Adrian suggerirmi quel brano che mi calzava a pennello e ancora interpreto con molta gioia.
Ho imparato a presentarmi e a parlare con il pubblico in Argentina, in Italia mi bastava finire lo spettacolo e spontaneamente il pubblico veniva a mettere la propria offerta nel mio cappello, ma in Argentina... bisognava parlare, altrimenti restavi da sola e se ne andavano tutti.
Le nostre avventure amorose si sono frantumate presto con l'arrivo a Buenos Aires dove Adrian era perso tra vecchi amori e vecchie abitudini ritrovate... ma anche dopo la rottura e il ritorno rocambolesco in Italia (la compagnia aerea nel frattempo era fallita e aveva interrotto i voli...), la nostra collaborazione artistica è proseguita e abbiamo continuato a presentare lo spettacolo più “leggero” del mondo per anni.
Raggiungerlo a Milano con il treno era una passeggiata, se non dovevo portarmi i trampoli e le mie cose, una borsa con i burattini di gomma piuma è un piacere!
In cambio per il viaggio di sei mesi in Argentina, in due, avevamo un carico di 90 kg, motivo di tante discussioni e fatiche. All'epoca si viaggiava con tutto: trampoli, baracca, burattini, costumi... oggi è molto più complicato.
003 bisTita Merello 350 minAdrian è il personaggio più interessante nel panorama che negli anni '90 ha animato l'arte di strada italiana, il più attento a fiutare i cambiamenti sociali e culturali. Conserva una attenta natura che lo pone con occhio vigile sulla politica del suo paese e quella internazionale.
Ha iniziato a fare il burattinaio per fare politica, ma questo sarà lui a raccontarlo.
Per non perdere nulla della sua incredibile traiettoria artistica vi propongo una serie di interviste, perché temo che lui è un fiume e se si comincia non si finisce più tra ricordi, aneddoti e storie di battaglie artistiche, perché l'arte per Adrian è un antidoto, lento, che agisce lentamente ma agisce.

Adri y la muerte 350 minNon voglio svelarvi nulla di più, sarà lui a svelarsi, da Buenos Aires, dove dopo 20 anni in Italia è tornato, perché la crisi e la mancanza di ingaggi per gli artisti di strada è iniziata molto prima del 2008 e tanti sono tornati indietro a cercare più fortuna dove hanno lasciato le radici, anche se il Bandirali è ben radicato anche in Italia.
Tra tutti gli artisti di strada che ho incontrato posso affermare che è il più perseverante nella scelta radicale della strada, specie tra i burattinai. I suoi burattini hanno un'anima e una potente espressività, sono attori vivi, veri. Adrian è autentico, come i suoi personaggi.
Quando si parla di burattini, in Italia, si pensa subito ai bambini, ma non vi fate illusioni. Il suo obiettivo è arrivare al pubblico degli adulti, ma comunica anche con i più piccoli, che curiosi vanno a spiare dietro la baracca per scoprire il segreto del teatro.
Sono certa che tanti nostri amici avranno il piacere di sentire dalla sua viva voce e con la sua faccia da burattino, la sua storia.
Non ve la perdete!

 


 La Muerte... durante il covid

Per leggere le didcascalie delle foto andate con il puntatore del mouse sulle foto e qualche secondo dopo apparirà la didascalia di ogni immagine

 

 Prima parte dell'intervista ad Adrian

 Seconda parte ad Adrian

Terza ed ultima parte

 

 Link alla Pagina Facebook: https://www.facebook.com/adrian.bandirali
Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Torna in alto

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici