Menu
A+ A A-

BALDASSARRA /ARRASSADLAB, il gioco dei contrasti

  • Scritto da Fausta L'Insognata Dumano

ProfCarinci 350 260di Fausta L’Insognata Dumano - Overdose d' arte, domenica 18 la location del verissage è la villa comunale, piano superiore “Gianluigi Baldassarra”, rassegna di arte visiva e contemporanea, organizzata da Alfio Borghese, il nastro simbolico è tagliato dall' assessore Rossella Testa.
Il titolo della mostra è significativo BALDASSARRA /ARRASSAALDAB il secondo è capovolto, già il titolo è la chiave per capire che stai varcando un ingresso ad una mostra giocata sul contrasto...... un contrasto tra il vuoto e il pieno, una ricerca delle linee, positivi e negativi, le sfumature dei colori, i non colori, il bianco e il nero.
Qui entriamo in un tema di forte dibattito, il colore è un aspetto della percezione visiva, solo attraverso un approfondimento sulla teoria del colore si può capire come funziona la sua percezione. Nei lavori del Baldassarra c'è questo studio, una ricerca quasi maniacale(lui stesso si definisce un maniaco) Rosso, verde e blu ....., quando ''Newton scompose la luce bianca attraverso un prisma identificò 7 colori principali o predominanti, il rosso, il verde, il blu arancione, giallo, indaco e violetto'' (manuale di fisica , Zanichelli 2013).....
Dopo gli studi di Newton il dibattito sui colori ha portato ad una ricerca sempre più tecnica, colori primari, secondari e complementari, la mostra del Baldassarra ti conduce in questo viaggio della sua ricerca dei colori. Sapientemente lui gioca con le sfumature e con il contrasto del bianco e nero, che rappresentano due ''colori particolari'' definiti non colori.
L'Artista è un architetto e lo capisci subito da come ha disposto le sue opere, collocando anche le opere per terra, giocando con le linee.Gianluigi Baldassarra Nulla nella sua mostra si trova collocato li per caso, tutto ha il suo ordine e il suo perché, anche quei manichini. Negli anni 70 il designer Ralph Rucci inventa ''l'arte dei manichini'' trasformando i tradizionali espositori di abiti in creazioni artistiche, iniziando ad infondere un' anima.
I manichini di Baldassarra hanno un' anima e ti guidano in questa mostra, intanto anche loro rientrano nel suo studio del colore, lo scopri osservandoli. I manichini sono tutte donne, tranne uno in posizione sdraiata nero che è ''il custode'' di una composizione di labbra rosse di donne e di un' altra composizione di occhi di donna. Un manichino donna alto quasi sospeso è la custode di una stanza dove campeggia un bacio che potrebbe diventare un'opera cult contro l' omofobia. Altri manichini sempre donne, disposte sempre secondo una ricerca del colore sono mutilate negli arti, sembrano delle spettatrici che hanno il compito di rivelare misteri ed enigmi della realtà, sembra che qualcuna stia parlando, altre sembrano che osservino cose come se fosse la prima volta e percepiscono ciò che sta oltre la materia visibile.
Osserva quella viola come è posizionata sembra si stia interrogando sull'inafferrabile senso che governa il mondo, mentre tu osservi quel paesaggio, frutto meticoloso della mano dell' artista. Quei manichini creano sensazioni inusitate, profonde emozioni poetiche. Sembra sentire l'eco dei versi di Silvia Plath ''I Manichini di Monaco'' Mentre Renato Zero canta ''chi ti muove i fili?? è dio o satana?? il manichino ha un' anima e forse non lo sa....ti guardi indietro, ripercorri il percorso e nel gioco dei colori del rosso l'anima ti si strappa dentro, resta incollata su quel gioco di colore rosso, che Gianluigi Baldassarraritrae un artista, morto , lo scultore Carinci, il prof di discipline plastiche. La mostra di Gianluigi Baldassarra è possibile visitarla fino al 31 ottobre.

 

 

 

La riproduzione di quest'articolo è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore

Creative Commons License
unoetre.it by giornale on line is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Sostieni il nostro lavoro

unoetre.it è un giornale on line con una redazione di volontari. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per fare una donazione tramite il sito, cliccare qui sotto. Il tuo contributo ci perverrà sicuro attraverso PayPal. Grazie

Io sostengo 1e3.it
Chi è l'autrice/l'autore
Fausta L'Insognata Dumano

Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici